Mondo

Perché l’America trumpeggia contro il Vaticano sulla Cina. Il commento di Galietti

di

Mike pence vaticano

Il commento di Francesco Galietti, fondatore di Policy Sonar, sulla visita di Mike Pence a Roma e in Vaticano

La visita di Mike Pence a Roma è passata sottotraccia sui mezzi d’informazione italiani, distratti dalle elezioni regionali in Emilia-Romagna. D

alle notizie disponibili traspare forte preoccupazione statunitense per lo scarrellamento di Roma verso la Cina. Al di qua e al di là del Tevere, Pence ha affrontato temi simili se non identici.

Al netto del galateo diplomatico, il messaggio è stato piuttosto diretto. Al Vaticano e, in via derivata, all’Italia viene rinfacciato l’abbandono della comunità democratica occidentale e l’infatuazione per le sirene autoritarie e l’eurasiatismo di matrice sinica.

Per un verso, si conferma il disinteresse americano per le vicende interne italiane, troppo mutevoli. Per un altro verso, invece, questo disinteresse incontra un limite quando i rivolgimenti dei palazzi romani producono un disallineamento strategico dell’Italia rispetto alle coordinate americane.

A Washington non sfugge la curvatura che l’attuale nomenclatura papalina sta imprimendo alla politica estera vaticana, così come la subalternità dell’Italia rispetto al Vaticano. Questo Vaticano non si presta a bilanciare l’assertività cinese. Bergoglio non è certo Woytila, fondamentale nel contenimento dell’Unione Sovietica. Inoltre Bergoglio ribadisce il suo desiderio di volare a Pechino, lo ha fatto addirittura nel recente viaggio in… Giappone.

La Cina, d’altra parte, ha saputo mettere in atto operazioni di influenza nel cuore dell’Occidente e del Mediterraneo. La loro sofisticazione è tale che si può tranquillamente dubitare che Washington saprebbe fare di meglio.

A Roma e Atene Xi Jinping viene accolto trionfalmente, Trump invece non si è visto. All’Italia, tuttavia, non sarà consentito di assecondare il Vaticano, e la Cina, oltre un certo limite. Quale? Gli Usa vogliono in ogni caso continuare a contare sull’Italia come piattaforma logistica, indispensabile appoggio all’intersezione di Europa, Africa e Medio Oriente.

(commento pubblicato sul quotidiano Italia Oggi)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati