Mondo

Perché in Giappone si parla di una città “di riserva” per la capitale Tokyo

di

Tokyo

Il giornale giapponese Nikkei riporta la proposta di alcuni parlamentari di una capitale supplementare rispetto a Tokyo

Con l’adeguamento del Giappone a una nuova normalità di lavoro a distanza e di distanziamento sociale, la proposta di disperdere le operazioni governative e aziendali in tutto il paese ha iniziato a prendere piede, scrive Nikkei.

Il parlamento, i ministeri e altri enti del governo centrale, così come molte sedi centrali e istituti di ricerca, sono ora concentrati nell’area di Tokyo. La loro diffusione in diverse regioni potrebbe aiutare il paese ad evitare la completa chiusura del paese nel caso in cui una pandemia catastrofica o un disastro naturale colpisse la capitale.

Un gruppo di legislatori del Partito liberaldemocratico al potere, guidato da Keiji Furuya, membro della camera bassa, si è riunito giovedì per iniziare a discutere l’idea. Il loro obiettivo è quello di redigere una proposta dettagliata entro la fine dell’anno. Invece di spostare tutto fuori Tokyo, il gruppo prevede di portare alcune funzioni governative altrove e di creare “siti di backup” per le operazioni con sede a Tokyo. Il parlamento rimarrebbe a Tokyo, per esempio, ma una struttura alternativa potrebbe essere utilizzata altrove quando l’edificio della Dieta non può essere utilizzato. Il gruppo potrebbe anche raccomandare alle aziende di disperdere le funzioni gestite dalla loro sede centrale.

Diverse regioni del Giappone avrebbero le loro caratteristiche, come Tokyo che funge da centro finanziario. Il dibattito giapponese sul decentramento delle attività governative e aziendali non è una novità. Ma l’idea non ha mai avuto molta risonanza fino ad ora, poiché la pandemia mette in evidenza i rischi associati alle malattie infettive e costringe la società a cambiare il suo modo di vivere e di lavorare. Un recente sondaggio del Gabinetto del Consiglio dei Ministri ha rilevato che il 55,5% di coloro che vivono nei 23 distretti di Tokyo hanno sperimentato il lavoro a distanza, rispetto al 34,6% a livello nazionale. Un numero sempre maggiore di lavoratori sta anche considerando l’idea di trasferirsi dalla capitale, con il 35,4% dei ventenni nei 23 distretti che esprimono un maggiore interesse a vivere altrove. “Questa è una grande opportunità per correggere l’estrema concentrazione di persone e cose a Tokyo”, ha detto domenica ai giornalisti il ministro dell’Economia e delle Politiche fiscali Yasutoshi Nishimura. “Se riusciamo a distribuire le operazioni che possono essere effettuate a distanza in aree al di fuori di Tokyo, possiamo diffondere le funzioni della capitale”, ha detto Yutaka Okada dell’Istituto di ricerca Mizuho. “Il governo può incoraggiare le aziende a diffonderle anche assumendo un ruolo di guida”. I ler aziendali accolgono con favore il cambiamento. La Japan Business Federation, o Keidanren, ha proposto di spostare alcune agenzie governative al di fuori di Tokyo alla fine di marzo per rilanciare le economie locali.

La Japan Association of Corporate Executives ha raccomandato il 16 giugno al governo di prendere nuovamente in considerazione questa opzione. Non è raro che la capitale di un Paese non sia la sua città più grande – prendete Washington e New York negli Stati Uniti, o Canberra e Sydney in Australia. L’Indonesia ha annunciato piani per spostare la sua capitale nel Kalimantan orientale per alleviare la congestione a Giacarta e lasciare che la città si concentri sullo sviluppo economico. Nel frattempo, Tokyo ha raggiunto una popolazione di 14 milioni di abitanti a partire dal 1° maggio. Ha anche registrato molti più casi di Covid-19 di qualsiasi altra prefettura giapponese, evidenziando il rischio che il sistema sanitario venga sopraffatto. Le aziende continuano ad affluire nella capitale, con 312 che hanno trasferito la loro sede centrale a Tokyo e tre prefetture vicine nel 2019 – un aumento netto per il nono anno consecutivo.

(Estratto dalla rassegna stampa internazionale a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati