skip to Main Content

Perché il patto Aukus mette a disagio i partner degli Stati Uniti in Asia

Aukus

Alcuni paesi dell’Indo-Pacifico, scrive Le Monde, temono di dover abbandonare la “neutralità” che hanno adottato nella rivalità tra Pechino e Washington.


Il patto trilaterale Aukus tra Australia, Regno Unito e Stati Uniti, accompagnato dall’acquisto da parte di Canberra di sottomarini americani a propulsione nucleare, è un nuovo passo nella strategia di Washington di un confronto aperto con la Cina e sta mettendo a disagio i suoi alleati e partner nella regione indopacifica, scrive Le Monde. Affinché questo patto sia, come vuole Washington, l’inizio di un riallineamento strategico a suo favore in una parte del mondo dove è in gioco la sua leadership globale, gli obiettivi devono essere condivisi. Ma sono condivisi solo fino a un certo punto.

Nell’Asia-Pacifico, l’espansionismo aggressivo della Cina è certamente una preoccupazione unificante. E ogni conferma dell’impegno degli Stati Uniti nella regione è benvenuta. Come un richiamo, il patto di Aukus è anche un’ indicatore per gli Stati Uniti che si aspetta di vedere più attivismo da parte dei propri alleati o partner per contrastare le ambizioni egemoniche cinesi. Oltre all’accelerazione della corsa agli armamenti che questo comporta, c’è un rischio ancora più preoccupante per i paesi della regione: dover abbandonare la “neutralità”, dichiarata o meno, che hanno adottato nella rivalità Cina-Usa. Accolto con favore a Manila, Taipei e Tokyo, Aukus sta causando apprensione altrove.

Il primo ministro giapponese Yoshihide Suga, in visita a Washington per il primo incontro faccia a faccia dei leader del Quadrilateral Security Dialogue (QSD), che riunisce Australia, Stati Uniti, India e Giappone, ha accolto con favore “l’importante passo avanti per la stabilità della regione indopacifica” che Aukus rappresenterebbe. La “minaccia cinese”, reale o no, ma sentita come tale in Giappone, è, per il Partito liberaldemocratico al potere, un argomento che legittima la sua ambizione di rivedere la Costituzione pacifista per permettere all’arcipelago di partecipare ad azioni di difesa collettiva, o addirittura di effettuare attacchi preventivi.

PREOCCUPAZIONE PER L’EQUIDISTANZA

In un ambiente stabile, sarebbe difficile per il campo conservatore andare contro la dottrina pacifista che la maggioranza dei giapponesi sostiene. Le ripetute incursioni della marina cinese nelle acque territoriali giapponesi e le battaglie legali sulla sovranità di isolotti disabitati nel Mar Cinese Orientale servono loro per alimentare questo senso di minaccia. “Qualsiasi accordo che limiti il comportamento aggressivo della Cina è benvenuto in Giappone”, dice Masayuki Tadokoro, un politologo della Keio University di Tokyo.

Altri paesi della regione sono meno entusiasti dell’idea di doversi posizionare apertamente nel campo americano contro la Cina. Questo è il caso della Corea del Sud, un alleato degli Stati Uniti con 28.000 GI sul suo suolo. Seul intende mantenere un margine di manovra nei confronti di Pechino ed evitare qualsiasi scontro frontale. La Cina è il suo più grande partner commerciale e uno dei principali attori della crisi nordcoreana.

La stessa preoccupazione di equidistanza anima i paesi dell’Asean (Associazione delle Nazioni del Sud-Est Asiatico). Finora, hanno fatto affidamento sulla potenza militare americana per contenere la Cina, mentre beneficiavano della crescita economica della Cina, che è diventata il loro principale partner commerciale. Molti di essi sono anche sede di influenti comunità cinesi. Le dispute territoriali tra i paesi Asean e la Cina non fanno fare bella figura alla Cina, ma la prosperità economica della regione dipende da questo. Se la Cina si unisce alla Trans-Pacific Comprehensive and Progressive Partnership, un patto di libero scambio firmato nel 2018, come ha richiesto, la sua influenza economica regionale sarà rafforzata.

L’INDIA COME “ANELLO DEBOLE”

Con l’atteggiamento degli Stati Uniti verso la Cina che assume sempre più l’aria di una crociata per le libertà e la democrazia contro una potenza espansionistica ed egemonica, sarà difficile per i paesi dell’Asean non schierarsi apertamente. Le due superpotenze, da parte loro, non possono tollerare le deviazioni o le esitazioni dei loro partner. “Aukus aumenterà l’instabilità nella regione”, dice Natasah Kassam, direttore dei programmi di politica estera al Lowy Institute di Sydney. La Malesia ha già avvertito che Aukus potrebbe spingere “altre potenze” ad agire in modo più aggressivo nel Mar Cinese Meridionale, rischiando un’escalation.

Affinché la strategia per frenare l’espansionismo cinese sia efficace, Aukus dovrà essere sincronizzato con gli accordi esistenti, a partire dal Quad. Inizialmente un raggruppamento informale delle quattro principali democrazie della regione, volto a salvaguardare la libertà in mare, questa partnership mira ora a rendere la regione indo-pacifica uno “spazio aperto e inclusivo”, con un occhio alla Cina.

Il resto della regione è d’accordo con questo principio, ma è riluttante a impegnarsi: “L’India non rinuncerà mai alla sua autonomia strategica. L’India è l’anello più debole di questa partnership”, dice Tadokoro. Confina con la Cina e non è un fedele alleato degli Stati Uniti. Quanto al Giappone, “è vincolato in materia militare dai vincoli della sua Costituzione”.

Secondo il primo ministro australiano Scott Morrison, Aukus e Quad “si rafforzano a vicenda”. Il primo gioca sulla deterrenza e il secondo si concentra su azioni non militari. “In Asia, ci sono partnership di sicurezza sfaccettate e sovrapposte, ma nessuna di esse è una struttura unica come la Nato”, dice Masayuki Tadokoro. Inoltre, la storia così come la vicinanza geografica della Cina rende l’equazione geopolitica nell’Indo-Pacifico infinitamente più complessa di quanto suggerisca un accordo come Aukus, che è stato fatto tra tre potenze mondiali occidentali, anche se l’Australia è geograficamente fuori mano.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore