Mondo

Perché Cina, Corea del Sud e Taiwan hanno evitato il disastro economico da Covid?

di

giappone india australia

“I capitalismi asiatici sono stati in grado di costruire una forma di resilienza agli shock globali”, ha scritto su Le Monde l’economista Sébastien Lechevalier


L’economista Sébastien Lechevalier spiega, in un editoriale su Le Monde, perché le economie dell’Asia orientale sono state meno colpite dalla crisi pandemica di quelle dell’Unione europea.

Anche se è troppo presto per analizzare le conseguenze economiche a medio termine della crisi sanitaria, è urgente capire non solo l’impatto differenziato di questa crisi in Asia orientale e in Europa, ma anche cosa rivela sulla struttura delle economie di queste due regioni. Soprattutto, è essenziale in questa fase non fraintendere l’analisi da una prospettiva europea.

Da un lato, l’albero cinese non deve nascondere la foresta asiatica in tutta la sua diversità. D’altra parte, le letture decliniste che mobilitano l’Asia orientale per sottolineare i problemi europei sono da circoscrivere perché non cercano di approfondire le cause di questa differenza. In questo contesto, è necessario identificare le dinamiche socio-economiche sottostanti, mettendo in prospettiva la crisi attuale.

Da un punto di vista fattuale, l’osservazione è abbastanza semplice. Questa pandemia, i cui primi casi sembrano essere stati osservati in Asia, avrà colpito quel continente molto meno dell’Europa. Non è ancora possibile dare una spiegazione definitiva a tale osservazione. Tra le ragioni plausibili, non si può escludere che le politiche pubbliche attuate in risposta alla pandemia e il funzionamento dei sistemi sanitari abbiano contribuito a questa differenza.

DIVERSE POLITICHE IN ASIA SUL COVID-19

Tuttavia, queste politiche sono state diverse in Asia e non tutte hanno subito grandi limitazioni delle libertà individuali, tutt’altro. Il caso della Corea del Sud è particolarmente interessante perché le autorità sono state in grado di evitare il confinamento diffuso prima dell’estate del 2020 utilizzando una strategia di test massicci accoppiati all’isolamento dei casi rilevati. La Corea del Sud non aveva più capacità di test della Francia, ma il governo ha reagito con estrema rapidità non appena è stato rilevato il primo caso ed è stato in grado di mobilitare l’intero settore sanitario al servizio della sua strategia.

Il caso di Taiwan è abbastanza paragonabile a quello della Corea del Sud. Per quanto riguarda il Vietnam, è significativamente diverso poiché non aveva le stesse capacità di test; le misure introdotte dal governo vietnamita erano più coercitive, con divieti di ingresso o di viaggio. Tuttavia, la forte reattività delle autorità vietnamite ha permesso di evitare un confinamento diffuso su tutto il territorio.

In generale, una caratteristica comune ai paesi dell’Asia orientale è che l’uso del confinamento rigido è stato localizzato nel tempo e nello spazio, con un migliore follow-up dei pazienti. In tutti i casi, l’economia è stata preservata meglio, senza sacrificare gli imperativi della salute. I paesi asiatici hanno così superato il dilemma che ha tanto occupato i governi europei.

IL CAPITALISMO ASIATICO COSTRUITO SULLA RESILIENZA

E la performance economica in questo contesto? A breve termine, la differenza economica è abbastanza chiara. Complessivamente, secondo le ultime stime pubbliche del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crescita del PIL in Asia orientale dovrebbe essere di circa -2% nel 2020 e +7% nel 2021, rispetto a (rispettivamente) circa -7% e +5% per l’Unione Europea, se la situazione migliorerà con la vaccinazione.

Tuttavia, questo tipo di analisi della situazione economica non può essere limitato a questo tipo di analisi. Perché la cosa più importante è da un punto di vista strutturale e storico: i capitalismi asiatici hanno saputo costruire una forma di resilienza di fronte agli shock globali e oggi appaiono meno vulnerabili dei capitalismi europei.

Per esempio, le economie dell’Asia orientale sono state molto meno colpite di quelle dell’Unione europea dalla crisi del 2008-2009, che ha avuto origine negli Stati Uniti, quando i canali di trasmissione finanziari e commerciali avrebbero potuto far temere il peggio. La ridotta vulnerabilità alle grandi crisi globali che hanno punteggiato la vita economica per più di 30 anni è quindi confermata dall’attuale pandemia.

UN APPROCCIO DIVERSO DALLA CRISI

La posta in gioco è alta, tuttavia, perché il rischio principale per le economie di oggi è che non saranno fuori dalla crisi precedente prima che si verifichi la prossima. Come possiamo spiegare questa nuova resilienza del capitalismo asiatico alle crisi? La ricerca più recente in questo settore ha evidenziato due ragioni principali.

Da un lato, stando lontano sia dal protezionismo che dal libero scambio illimitato, le politiche pubbliche dell’Asia orientale, negli ultimi venticinque anni, hanno esplicitamente mirato a ridurre l’impatto degli shock globali sulle economie nazionali, sia nella sfera finanziaria (principalmente attraverso controlli parziali dei capitali e regimi di cambio flessibili) che in quella reale (attraverso un maggiore controllo delle catene del valore e un riequilibrio del modello di crescita a favore dell’economia interna, in particolare).

D’altra parte, poiché non è possibile controllare i suddetti canali di trasmissione degli shock, le politiche pubbliche hanno mirato a ridurre le contraddizioni tra le dinamiche economiche al servizio della competitività e della produttività e le richieste sociali di protezione e benessere.

UN ESEMPIO DA CONSIDERARE PER L’EUROPA

Così, i sistemi di protezione sociale si sono sviluppati in diverse dimensioni (salute, pensione e disoccupazione in particolare), mentre nuovi equilibri sono stati trovati tra la famiglia, lo Stato e le associazioni in tutte le questioni relative all’assistenza (ad esempio l’assistenza agli anziani e alle persone dipendenti o l’assistenza ai bambini piccoli).

Naturalmente, non c’è un unico modello in Asia orientale. Taiwan e la Malesia, per esempio, sono riusciti a padroneggiare meglio le catene globali del valore, mentre il Vietnam o la Tailandia rimangono relativamente fragili. Allo stesso modo, il livello di protezione sociale in Corea del Sud non è ancora paragonabile a quello di Singapore o del Giappone, il che spiega in parte la persistente fragilità della società in questo paese, uno dei cui simboli è il forte aumento del numero di suicidi (soprattutto tra le donne) dall’inizio della pandemia.

Tuttavia, in generale, si può ritenere che i capitalismi asiatici abbiano riscoperto, a modo loro, quella che era la forza dei capitalismi europei, quando questi ultimi hanno messo parzialmente o più radicalmente in discussione il loro modello socio-economico – che è venuto alla luce sotto una luce dura nel contesto dell’attuale crisi sanitaria.

In altre parole: l’impatto differenziato della crisi sanitaria in Europa e in Asia orientale ha anche radici legate al modello economico. In questo contesto, è il momento per i governi europei di fare un bilancio di ciò che è diventata l’economia globale nel primo quarto del XXI secolo e di adattare la loro strategia per rendere le loro economie e società meno vulnerabili. Potrebbe anche essere il momento di decidere democraticamente se i benefici della globalizzazione liberale superano i suoi costi e di trarne tutte le conseguenze.

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati