skip to Main Content

Biden deve ritirarsi (secondo l’Economist)

La netta presa di posizione del settimanale britannico The Economist sul presidente Biden

Il dibattito presidenziale è stato terribile per Joe Biden, ma la copertura è stata peggiore. È stata un’agonia guardare un vecchio disorientato che faticava a ricordare parole e fatti. La sua incapacità di argomentare contro un avversario debole è stata scoraggiante. Ma l’operazione della sua campagna per negare ciò che decine di milioni di americani hanno visto con i loro occhi è più tossica di entrambe, perché la sua disonestà provoca disprezzo.L’effetto è stato quello di mettere la Casa Bianca alla portata di Donald Trump. Nuovi sondaggi hanno rilevato che gli elettori negli Stati che Biden deve vincere si sono spostati contro di lui. Il suo vantaggio potrebbe essere in pericolo anche in Stati un tempo sicuri come la Virginia, il Minnesota e il Nuovo Messico – scrive The Economist.

[…]

I democratici sostengono, giustamente, che Trump non è adatto a diventare presidente. Ma il dibattito e le sue conseguenze hanno dimostrato che anche Biden non è adatto. In primo luogo, a causa del suo declino mentale. Biden può ancora apparire dinamico durante brevi apparizioni programmate. Ma non si può gestire una superpotenza con l’autoricarica. E non si può sospendere una crisi internazionale perché il Presidente ha una serata storta. Si dovrebbe affidare i codici nucleari a qualcuno che non riesce a finire una frase su Medicare?

[…]

I democratici sogghignano contro il Partito Repubblicano per il suo comportamento vile nei confronti di Trump. Anche in questo caso, hanno ragione. Troppi repubblicani hanno ripetuto le sue falsità e non hanno avuto il coraggio morale di parlare contro i suoi abusi. Convinti di poter sopravvivere a lui o che qualcun altro avrebbe pagato il prezzo della sua espulsione, senatori e membri del Congresso hanno anteposto la loro ambizione al loro Paese.
Il Partito Democratico dovrebbe guardarsi allo specchio, a cominciare dallo stesso Biden. Egli sostiene di aver fallito nel dibattito perché era stanco a causa del viaggio in aereo intorno al mondo, come se la sua debolezza fosse una prova della sua vitalità. I suoi sostenitori sostengono che quei terribili 90 minuti non dovrebbero oscurare gli ultimi tre anni e mezzo. Ma ciò che conta è se essi prefigurano i prossimi quattro. I Democratici anziani che ripetono questi discorsi disperati o aspettano in silenzio che qualcun altro parli per primo possono pensare di essere leali. Ma è lealtà verso il Paese o verso la carriera?

[…]

Rappresentando l’America all’estero, Biden proietterà la decadenza, per la gioia di Cina e Russia e lo sgomento degli alleati dell’America.
C’è un’altra opzione. Biden dovrebbe ritirarsi dalla campagna elettorale. In questo modo, le elezioni potrebbero rinfrescare il corpo politico.

[…]

A parte Barack Obama, tutti i presidenti, a partire da Bill Clinton nel 1992, sono nati negli anni Quaranta. Biden (1942) ha fatto per la prima volta campagna elettorale per la presidenza 37 anni fa, anche se in modo incerto. All’epoca anche Trump (1946) pensava di candidarsi. La loro generazione è diventata maggiorenne durante la guerra del Vietnam. Si porta dietro il bagaglio delle proteste nei campus, dell’era dell’avidità e del bene a Wall Street e delle vecchie lotte razziali e femministe. Oggi queste lotte sono molto diverse, e non solo perché si svolgono più spesso su TikTok.
La stagnazione è un fallimento del sistema dei partiti. I partiti dovrebbero essere veicoli che riuniscono fazioni e interessi per la conquista del potere. Sono stati derubati. Prima i Clinton e i Bush hanno preso il volante. Quando gli elettori si sono stancati di loro, Obama e poi Trump hanno inscenato ribellioni di base. Nel Partito Democratico di oggi il posto di guida è occupato da Biden e dai suoi. Solo se i Democratici riprenderanno il controllo e lo convinceranno a farsi da parte potrà iniziare il rinnovamento.

[…]

Ma crediamo che avrebbe buone possibilità di vittoria, migliori di quelle di Biden, anche se il candidato fosse Kamala Harris, il suo vicepresidente relativamente impopolare.

 

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top