Mondo

Perché l’Argentina è su un piano inclinato

di

Il punto del giornalista Livio Zanotti, già in Rai e alla Stampa, per anni corrispondente dall’America Latina e inviato speciale di esteri

di nuovo e bruscamente il peso argentino: negli ultimi otto mesi ha perduto oltre la metà del suo valore contro il dollaro. Salta di nuovo, stavolta oltre le stelle, il tasso d’interesse per trattenere sulla moneta nazionale i risparmiatori in fuga: 60 per cento, il più alto al mondo in assoluto (seguito dal Surinam con il 25,5%. In Venezuela è sotto il 21, in Brasile al 6,5). Ma le tregue concesse dai mercati sono sempre più brevi, inquiete e onerose.

Il governo del presidente Mauricio Macri non rinuncia tuttavia a riporvi l’intera fiducia; sebbene dall’interno stesso della coalizione su cui si sostiene l’avvertano con sempre maggiore insistenza che la sua scommessa liberista ha assunto tutti i rischi della sfida ideologica.

Tornano a suscitare echi crescenti nell’opinione pubblica gli aforismi del generale Peron. “La realidad es la unica verdad”, è quello del giorno: un invito al pragmatismo e alle correzioni necessarie della rotta fin qui seguita, che però ciascuna parte interpreta a modo proprio. Contrari alla revisione dei commerci con l’estero, gli interessi legati all’export agricolo e alcuni industriali chiedono che il peso venga lasciato fluttuare. Invece di bruciare preziose riserve della banca centrale nell’inutile tentativo di difenderlo. Saranno i mercati a fissarne infine la giusta quotazione. Piccole e medie imprese invocano misure diametralmente opposte: il costo del credito a livelli stratosferici le spinge fuori mercato. Occupazione e consumi languono.

Nel mezzo della bufera, il governo si prende una pausa di riflessione. Ogni dichiarazione è rinviata al prossimo lunedi. Intanto il ministro del Tesoro, Nicolas Dujovne, è corso a Washington per sollecitare al Fondo Monetario Internazionale il pagamento di una seconda quota del prestito stand-by di 50mila milioni di dollari, concesso nello scorso maggio. Ma trova Christine Lagarde e i suoi funzionari di dipartimento alle prese con una crisi che va accentuandosi proprio in queste giornate in tutti i paesi emergenti. Stando ai commenti della stampa specializzata (WSJ), ai loro occhi la specificità argentina e la sua drammaticità vanno adeguate con un reset della compagine e della strategia del governo di Buenos Aires.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati