Mondo

A che punto è il passaporto sanitario per l’estate?

di

passaporto sanitario

L’Unione europea sta accelerando la creazione di un passaporto sanitario per standardizzare i viaggi a partire dall’estate. L’approfondimento di El Pais

L’Unione europea, scrive El Pais, sta accelerando la creazione di un “passaporto sanitario” per standardizzare i viaggi a partire dall’estate. Sotto la pressione dei partner del sud, specialmente Spagna e Grecia, l’UE-27 ha accettato durante il vertice virtuale di giovedì di iniziare a lavorare su un certificato digitale che indicherà se il suo portatore è stato vaccinato, ha anticorpi o è risultato negativo al covid-19 in un test recente. La presidente della Commissione Ursula von der Leyen ha avvertito che i paesi “dovranno lavorare velocemente” se vogliono averlo pronto entro l’estate, poiché lo sviluppo tecnico di un tale sistema richiede almeno tre mesi. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha detto che il documento potrebbe anche rilanciare i viaggi con i paesi al di fuori dell’UE.

La Grecia, con più irruenza, e la Spagna, con più pazienza, sono riuscite ad esercitare pressioni con gli altri paesi del sud (Italia, Cipro e Malta) per andare avanti nella creazione di questo passaporto. Le richieste di Atene erano raddoppiate da lunedì scorso, quando Boris Johnson ha dato una prospettiva di de-escalation. E anche se questo sarà lento e graduale, questo annuncio è stato sufficiente per le grandi compagnie aeree e i gruppi turistici per salire in borsa nel calore dell’ondata di prenotazioni che hanno ricevuto dal Regno Unito.

La proposta del passaporto, tuttavia, ha suscitato perplessità in Francia e Germania, che ritengono che sia ancora troppo presto per inviare il segnale che l’Europa può pensare di recuperare immediatamente la normalità. Il comunicato firmato dai leader, infatti, ricorda che “la situazione epidemiologica rimane grave e le nuove varianti pongono nuove sfide“. “I viaggi non essenziali devono essere limitati, ma le misure devono essere proporzionali“, ha detto il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel.

Tuttavia, fonti dell’UE spiegano che durante la riunione c’è stato un “crescente sostegno” per un certificato digitale, che alcuni membri hanno anche considerato utile per ripristinare la vita sociale all’interno dei paesi. L’UE-27 non ha chiuso definitivamente la creazione del certificato, ma Merkel ha espresso nella sua conferenza stampa dopo il Consiglio il consenso che questa proposta ha finalmente generato. “Tutti erano d’accordo che abbiamo bisogno di un certificato digitale di vaccinazione“, ha detto a Berlino.

Von der Leyen, più cauta, non ha voluto anticipare la decisione presa dai partner dell’UE, ma ha indicato la stessa direzione ricordando che aziende come Google e Apple stanno già offrendo i propri certificati al mercato. “È importante avere una soluzione europea“, ha detto. Tuttavia, ha ricordato che alcune questioni devono ancora essere chiarite. In campo politico, alcuni partner temono che questo certificato possa creare discriminazioni tra i suoi cittadini; in campo scientifico, è necessario analizzare attentamente se coloro che sono stati vaccinati possono diffondere il virus, anche se Von der Leyen ha avanzato che gli studi provenienti da Israele sono promettenti.

Secondo fonti della Moncloa, il presidente del governo, Pedro Sánchez, ha difeso questi certificati come uno “strumento valido e utile” e ha sostenuto di continuare a lavorare sulla sua progettazione a livello comunitario per “evitare che ogni paese sviluppi la propria formula, prevenire situazioni ingiuste e garantire la protezione dei dati personali“. La Commissione si offre di coordinare gli standard del certificato e i suoi aspetti tecnici. Meno problematico, ha detto Von der Leyen, è il contenuto del passaporto, che sarà minimo: la prova che la persona è stata vaccinata, una PCR negativa o un certificato che dichiara che ha gli anticorpi.

L’Unione europea vuole anche evitare a tutti i costi di dover affrontare una nuova escalation di infezioni dopo la brutale ondata dell’inverno. Con l’industria farmaceutica, e AstraZeneca in particolare, che lotta per intensificare la produzione del vaccino covid-19, i leader dell’UE hanno chiesto “un’accelerazione urgente” dei processi di licenza, produzione e distribuzione. Inoltre, esortano le aziende a “rispettare i termini di consegna contrattuali” acquisiti con Bruxelles.

La campagna di vaccinazione europea ha avuto un inizio difficile. In soli due mesi, è riuscito a iniettare le due dosi al 2,5% della popolazione europea, secondo il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC). L’UE ha ancora un po’ di strada da fare per immunizzare i suoi cittadini più vulnerabili, dato che finora solo il 10,5% degli ultraottantenni è stato completamente vaccinato. Con questi numeri, ogni ritardo nelle consegne è un colpo, soprattutto perché la vaccinazione è la chiave per raggiungere la decongestione dei sistemi sanitari europei. I nuovi ritardi da Moderna e AstraZeneca hanno messo in guardia i 27, che sono ancora in attesa di raggiungere la velocità di crociera dal secondo trimestre, quando si aspetta di iniziare a ricevere anche gli ordini da Janssen e avere a disposizione 380 milioni di dosi.

Al loro secondo vertice in videoconferenza per affrontare la crisi sanitaria, i capi di stato e di governo dell’UE hanno sollevato una moltitudine di questioni alla Von der Leyen. Secondo fonti comunitarie, i leader dell’UE, tra cui Mario Draghi per la prima volta, hanno messo sul tavolo i ritardi che stanno subendo da quasi l’inizio della campagna, le difficoltà di accelerare la produzione in Europa, la necessità di avere un calendario prevedibile delle consegne o l’urgenza di avere una maggiore trasparenza in termini di produzione ed esportazione di vaccini da parte dei gruppi farmaceutici. L’UE-27 teme anche che l’emergere di una variante che mina l’efficacia dei vaccini potrebbe amplificare tutti questi problemi.

Von der Leyen ha detto in una conferenza stampa dopo che Bruxelles stava ancora cercando di “affrontare i colli di bottiglia” sia nella produzione che nella catena di approvvigionamento, aggiungendo che quegli sforzi hanno dato in parte i loro frutti, con 45 impianti che ora producono il vaccino. L’UE si è anche lamentata dei ritardi nelle consegne, che hanno persino scatenato una guerra tra Bruxelles e la britannica AstraZeneca. “Le aziende devono garantire la prevedibilità della loro produzione di vaccini e rispettare i termini di consegna contrattuali“, dicono i leader, che chiedono anche “trasparenza”. I leader dell’UE hanno quindi chiesto a Bruxelles di essere più severi nel vietare le esportazioni di vaccini nel caso di aziende che non rispettano i loro impegni.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

Articoli correlati