skip to Main Content

Kissinger

Kissinger visto dal Financial Times

L'ex segretario di Stato americano ha contribuito all'apertura delle relazioni con la Cina e alla distensione con l'Unione Sovietica. L'articolo del Financial Times.

Henry Kissinger, l’ex segretario di Stato e consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti che ha contribuito all’apertura delle relazioni con la Cina, alla distensione con l’Unione Sovietica e alla fine della guerra americana in Vietnam, è morto all’età di 100 anni – scrive il Financial Times.

La morte di Kissinger, avvenuta nella sua casa in Connecticut, è stata confermata dalla Kissinger Associates, la sua società di consulenza, che in un comunicato di mercoledì sera lo ha definito “stimato studioso e statista americano”.

Nato in Germania, fuggì dal regime nazista prima della seconda guerra mondiale, poi divenne cittadino statunitense e si arruolò nell’esercito durante il conflitto. Dopo la guerra si è dedicato al mondo accademico, insegnando relazioni internazionali per due decenni all’Università di Harvard.

I periodi di governo di Kissinger si sono svolti tra il 1969 e il 1977, quando ha servito sotto i presidenti repubblicani Richard Nixon e Gerald Ford, in un periodo in cui le rivalità della guerra fredda si stavano evolvendo e le tensioni economiche, compreso un forte shock del prezzo del petrolio, stavano consumando le relazioni estere degli Stati Uniti.

La Kissinger Associates ha sottolineato che la sua influenza sugli affari mondiali è continuata ben oltre i giorni trascorsi alla Casa Bianca, affermando che Kissinger è stato “regolarmente consultato dai presidenti americani di entrambi i partiti politici e da decine di leader stranieri dopo aver terminato il servizio governativo nel 1977”.

Se da un lato Kissinger ha spinto per un dialogo più produttivo con la Cina e l’Unione Sovietica, ponendo le basi per una fase meno tesa della guerra fredda, dall’altro si è attirato critiche feroci per aver adottato posizioni e intrapreso azioni che riteneva nell’interesse degli Stati Uniti, anche se ciò significava sostenere dittatori e violare i diritti umani in tutto il mondo, dal Cile e dall’Argentina alla Cambogia e al Laos, oltre che al Pakistan e al Bangladesh.

Nonostante l’età avanzata, Kissinger è rimasto attivo sulle grandi questioni internazionali. All’inizio di quest’anno, mentre gli Stati Uniti cercavano di stabilizzare le relazioni con Pechino, si è recato in Cina e ha incontrato alti funzionari, suscitando il rammarico della Casa Bianca.

“È spiacevole che un privato cittadino possa incontrare il ministro della Difesa e comunicare con lui, mentre gli Stati Uniti non possono farlo”, ha dichiarato John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale.

Dopo il mortale attacco terroristico di Hamas contro Israele del 7 ottobre, che ha scatenato un nuovo conflitto a Gaza, Kissinger aveva avvertito in un’intervista con l’amministratore delegato di Axel Springer, Mathias Döpfner, che la guerra “rischia di aggravarsi e di coinvolgere altri Paesi arabi sotto la pressione di alcune delle loro opinioni pubbliche”. E ha aggiunto: “E poi torneremo al punto in cui eravamo nel 1973”, riferendosi al conflitto arabo-israeliano mentre era al governo.

Kissinger aveva festeggiato il suo centesimo compleanno in occasione di un evento organizzato dall’Economic Club di New York all’inizio dell’anno, in cui aveva riassunto i pilastri di una politica estera di successo per gli Stati Uniti.

“Dobbiamo essere sempre abbastanza forti da resistere a qualsiasi pressione. Dobbiamo essere sempre pronti a difendere quelli che definiamo i nostri interessi vitali. Dobbiamo anche essere chiari su quali siano i nostri interessi vitali e rimanere entro questi limiti”, ha detto secondo Vox.

Uno dei primi tributi dopo la sua morte è stato quello di Michael Bloomberg, il miliardario ex sindaco di New York. “Nessuno nel nostro Paese ha esercitato più influenza sugli affari globali per un lungo periodo di tempo di Henry Kissinger, e la sua morte è una perdita per il nostro Paese e per il mondo – e per tutti noi che abbiamo avuto la fortuna di chiamarlo un caro amico e mentore”, ha scritto Bloomberg su X.

Giovedì i media cinesi hanno elogiato Kissinger. In un articolo pubblicato sul sito di microblogging cinese Weibo con il titolo “Vecchio amico, addio”, la televisione di Stato CCTV ha elogiato il suo ruolo nell’organizzare l’incontro tra Nixon e Mao Zedong, che ha descritto come la “stretta di mano trans-pacifica che ha scosso il mondo”.

Tutti i media cinesi hanno notato che Kissinger ha visitato la Cina 100 volte. L’ultima volta è stata a luglio, quando Kissinger ha incontrato il presidente Xi Jinping a Pechino, mentre Washington e Pechino rafforzavano gli sforzi per migliorare le relazioni che quest’anno erano precipitate dopo che un presunto pallone spia cinese aveva sorvolato gli Stati Uniti.

“Non dimenticheremo mai i nostri vecchi amici, né i vostri contributi storici per promuovere la crescita delle relazioni tra Cina e Stati Uniti”, gli ha detto Xi durante l’incontro, secondo l’agenzia di stampa statale Xinhua.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top