Mondo

L’Onu asseconda Russia e Cina sul sovranismo Internet?

di

Russia coronavirus

Le Nazioni Unite hanno adottato un patto anti-cybercrime sostenuto da Cina, Corea del Nord e Russia. Fatti, commenti e analisi

 

Le Nazioni Unite hanno adottato un patto anti-cybercrime sostenuto da Cina, Corea del Nord e Russia che va contro gli auspici di Stati Uniti e dei gruppi per la libertà civile. E’ quello che sottolineano alcuni osservatori secondo un approfondimento di Axios.

USA VS RUSSIA E CINA

Per anni, infatti, gli Stati Uniti si sono confrontati con paesi più repressivi rispetto alle norme globali di internet. Gli Stati Uniti vogliono che i paesi offrano ai cittadini il massimo accesso a un internet globale, mentre la Russia e altri sostengono che i paesi dovrebbero avere “sovranità su internet” per bloccare i siti web critici nei confronti dei governi e punire i dissidenti online.

SI LEGITTIMA LA “SOVRANITA’” DI INTERNET

In questo senso, osserva Axios, “la risoluzione delle Nazioni Unite potrebbe dare maggiore legittimità a chi chiede di avere la ‘sovranità di internet’. La risoluzione, che è stata approvata per 88 voti a 58 con 34 astensioni, istituisce un gruppo di lavoro per esaminare la prevenzione globale della criminalità informatica. I critici affermano che il patto fornisce un’apparenza di legittimità al concetto di sovranità, consentendo ai governi di bloccare l’accesso transfrontaliero ai dati come strumento di oppressione o di censurare i siti web quando vengono utilizzati per ‘scopi criminali’, senza definire quali siano tali scopi criminali”.

LA RUSSIA PRONTA A TESTARE IL DISTACCO DALLA RETE GLOBALE

La decisione dell’Onu arriva proprio nel momento in cui la Russia si prepara a testare se le reti nazionali possono o meno sopravvivere staccandosi dall’internet globale nel tentativo apparente di creare un sistema di filtraggio web in stile cinese. “La Russia spera che la risoluzione significhi che sarà più facilmente in grado di chiudere Internet”, ha detto Kasey Stricklin, analista russo per la consulenza di CNA. “Sperano che le Nazioni Unite mettano il timbro su queste attività”.

GLI USA RINUNCIANO ALLA LEADERSHIP GLOBALE

“La perdita della leadership statunitense su Internet potrebbe essere un sintomo della maggiore rinuncia degli Stati Uniti alla leadership globale in favore di paesi come Cina e Russia, che stanno espandendo le loro sfere di influenza in Africa e in Medio Oriente, proprio mentre gli Stati Uniti stanno abbandonando quelle regioni”, ha concluso Axios.

SENZA ACCESSO ALLA RETE 2,3 MILIARDI DI PERSONE

Secondo gli ultimi dati Onu alla fine del 2018 il 51% dei 7 miliardi di abitanti della Terra aveva accesso a Internet. Molte persone nelle aree più povere ancora non ce l’hanno, anche se il loro numero è in calo, visto che la tecnologia sta diventando meno costosa. Uno studio britannico pubblicato sul Journal of Applied Philosophy e condotto dall’università di Birmingham ha rilevato che l’accesso alla rete, attualmente impossibile a 2,3 miliardi di persone nel mondo, è una garanzia per difendere altri diritti fondamentali, come la vita o la libertà, e per condurre “vite minimamente decenti”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati