skip to Main Content

Sars-Cov-2, le vere lezioni della Svezia. Report Economist

Svezia Covid Economia Svedese Pandemia

La Svezia è una società ad alta fiducia, dove la gente segue le regole. Eppure il suo approccio si basa sull’idea che, dato che il covid-19 starà qui  molto tempo, chiedere troppo alle persone diminuirà il rispetto delle regole e quindi la diffusione della malattia. L’approfondimento del settimanale The Economist

La Svezia ha davvero delle lezioni da dare, ma non si tratta tanto di libertà quanto di usare i compromessi per generare una coesione sociale duratura – scrive The Economist.

I fan della Svezia hanno ragione a sottolineare che, nella prima fase della malattia, il governo ha avuto un tocco leggero. Anche se ha bandito i grandi gruppi e ha dato tanti consigli sulla salute, ha rifiutato l’isolamento a tappeto. Ma non è stato un approccio particolarmente riuscito.

La Svezia ha un tasso di mortalità di circa 60 su 100.000, dieci volte superiore a quello della Finlandia e della Norvegia, che si sono bloccate. La libertà degli svedesi non ha risparmiato l’economia, anche se molti decessi sono avvenuti tra gli anziani che non lavorano più. Solo nel secondo trimestre la produzione si è ridotta dell’8,3%, anche peggio degli altri Paesi nordici.

Una controreplica è che, a differenza di Gran Bretagna, Francia e Spagna, la Svezia non ha visto sinora una seconda ondata.

Tuttavia, anche se si lascia da parte il fatto che i casi nella contea di Stoccolma sono più o meno quadruplicati a settembre (in termini assoluti, sono ancora bassi), la nuova strategia della Svezia per la seconda fase converge con quella della Germania. Contrariamente ad alcune affermazioni, questo non dipende dall’immunità del gregge: la Svezia ha ancora un’ampia popolazione di persone sensibili. Piuttosto, ciò comporta una rapida sperimentazione su larga scala e la ricerca di contatti in modo da identificare e sopprimere precocemente le epidemie. Questo è accompagnato da un messaggio chiaro e coerente che è sostenibile perché dà alle persone l’autonomia . Questi sono gli elementi costitutivi delle strategie anticovid-19 di successo ovunque.

La lezione della nuova politica svedese non è che è libertaria, ma che il governo soppesa i compromessi di ogni restrizione. Per esempio, quando qualcuno risulta positivo, tutta la sua famiglia deve andare in quarantena, ma i bambini in età scolare ne sono esenti – perché, secondo il governo, i guadagni derivanti dalla loro chiusura sono sopraffatti dal danno duraturo alla loro istruzione.

Allo stesso modo, la quarantena dura dai cinque ai sette giorni, rispetto alle due settimane che si trovano altrove. Il rischio di diffondere il covid-19 in quella seconda settimana è piccolo e si riduce, ma il danno alla salute mentale derivante da un isolamento prolungato sta crescendo.

La Svezia è una società ad alta fiducia, dove la gente segue le regole. Eppure il suo approccio si basa sull’idea che, dato che il covid-19 starà qui  molto tempo, chiedere troppo alle persone diminuirà il rispetto delle regole e quindi la diffusione della malattia. Le società a bassa fiducia possono avere bisogno di un diverso equilibrio tra la coercizione e l’autodisciplina, ma anche loro hanno bisogno di regole sostenibili.

E che dire delle mascherine? I fan svedesi si impadroniscono delle folle senza maschera a Stoccolma come prova della loro libertà. Ma non è questa la base della sua politica. Gli esperti del governo sostengono che le prove che le maschere aiutano sono deboli, e che le altre misure funzionano bene. In questo, la Svezia non è al passo con gli altri paesi. Se la malattia si aggraverà laggiù, è probabile che la situazione cambi. Dopo tutto, la sua politica si basa sull’evidenza e sul pragmatismo, non sul principio del cieco.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore