skip to Main Content

Le 3 sberle di Draghi a Salvini, Conte e Letta

Draghi Reddito Di Cittadinanza

Draghi ha assestato un ceffone a Salvini su vaccini e green pass. Ma due sberle, seppure meno rumorose, sono state indirizzate dal governo anche a Conte e Letta. Tutti i dettagli

Mario Draghi ha senz’altro assestato un ceffone a Matteo Salvini su vaccini e green pass. Ma ieri due sberle, seppure meno rumorose, sono state indirizzate di fatto anche a Giuseppe Conte e a Enrico Letta.

Vediamo.

Il 13 luglio il leader della Lega twittava:

Evidentemente Draghi non scherzava.

L’ex ministro dell’Interno, in un’intervista a Repubblica del 19 luglio, ha sottolineato che sia importante mettere in sicurezza gli over 60, lasciando però possibilità di scelta alla fascia tra i 40 e i 59 anni, meno a rischio, mentre per i giovani non servirebbe nemmeno. Salvini ha poi aggiunto di rifiutarsi di vedere il “figlio di 18 anni inseguito con un tampone o una siringa”, affermando che andasse bene essere prudenti, ma non “terrorizzati”.

«L’appello a non vaccinarsi è un appello a morire – ha scandito Draghi ieri in conferenza stampa, interpellato sulle posizioni di Salvini – Sostanzialmente è così: non ti vaccini, ti ammali e muori. Oppure: non ti vaccini, contagi, lui o lei muore. E poi senza vaccinazione si deve chiudere di nuovo tutto».

Parole rilanciate su Twitter – con tanto di video – dalla portavoce di Draghi:

Il decisionismo di Draghi si è fatto sentire anche sulla giustizia. il presidente del Consiglio ha fatto votare in consiglio dei ministri l’autorizzazione a porre la fiducia sulla riforma della giustizia, su cui sbuffa M5s di Conte per non parlare dei magistrati.

“Ha informato della svolta i partiti, a cominciare da Giuseppe Conte: l’ex presidente del Consiglio, preso in contropiede, ha dovuto fare buon viso a cattivo gioco”, ha scritto il notista politico di lungo corso del quotidiano La Stampa, Fabio Martini.

Ma anche al Pd ieri l’esecutivo ha riservato più di una tirata d’orecchi.

In Italia “abbiamo già forme di tassazione patrimoniale, le imposte sulla proprietà rappresentano il 2,4% del pil che è pari alla media europea. Quindi già di fatto ci sono e non è sul tavolo introdurre forme di tassazione patrimoniale nuove“, ha affermato il ministro dell’Economia, Daniele Franco, nel corso dell’audizione sulle tematiche relative alla riforma fiscale che nelle commissioni Finanze di Senato e Camera.

Letta non sarà molto contento visto quanto va proponendo da tempo sulle successioni.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore