skip to Main Content

La svolta (tardiva?) di Zelensky e l’euforia (eccessiva?) di Ferrara

Nordio Giustizia

Che cosa ha detto Zelensky sulla Nato e che cosa ha scritto Giuliano Ferrara del presidente ucraino. I Graffi di Damato

 

Il botto questa volta per fortuna non lo ha fatto Putin, anche se non sono mancati neppure ieri bombardamenti e simili da lui ordinati alla carta sull’Ucraina, come spuntando il menù del ristorante di giornata, se ha ancora il tempo e il coraggio di mettervi piede la sera a Mosca dopo averlo fatto svuotare. Il botto lo ha fatto l’antagonista e quasi omonimo Volodymyr.

Parlo naturalmente del presidente ucraino Zelensky, che ha smesso per un momento di recitare la parte del guerriero e, senza tornare in quella vecchia o tradizionale di comico, si è lasciato scappare una valutazione realistica, di buon senso, Ha detto che non è questo il momento, se lo è mai stato prima, di una partecipazione dell’Ucraina alla Nato. Dove di solito -nonostante il vecchio precedente della Turchia – cercano di tenere lontani paesi in grado di diventare più problemi che risorse.

Sin dal primo momento di questa tragedia, quando era già chiaro che Putin disponeva più di pretesti che di ragioni per mettere a ferro e a fuoco i vicini immaginandosi una mezza reincarnazione di Pietro il Grande, e per fortuna non di un Lenin, di uno Stalin o di un Breznev, ho francamente diffidato di questo Zelensky: un pò emulo – diciamo la verità – di un uomo che abbiamo ben conosciuto e provato in Italia, meno anziano o più giovane di lui, di nome Beppe e di cognome Grillo. Che, con più umiltà dell’ucraino, ha assunto a suo modo un “avvocato del popolo”, senza attribuirsene direttamente il ruolo di servitore, ed ha cercato di ripetere l’operazione già tentata fra il 1992 e il 1993 dai magistrati di Milano e loro emuli un po’ in tutta Italia di rivoltare il Paese come un calzino.

Per fortuna nostra, ma un po’ anche sua perché avrebbe rischiato pure lui qualcosa che non aveva messo in conto, Grillo ha avuto come interlocutori prima Sergio Mattarella e poi Mario Draghi. L’unica cosa che è riuscito davvero a dissipare, oltre alla consistenza di un MoVimento valutato attualmente per meno della metà dei voti raccolti nel 2018, è quella manciata di banconote da un milione di euro lanciate figurativamente dall’allora capo ancora del MoVimento e vice presidente del Consiglio Luigi Di Maio sulla folla raccoltasi davanti a Palazzo Chigi e finalmente liberata – secondo l’ironia del costituzionalista Paolo Armaroli in un libro appena uscito – dall’incubo della povertà. Peccato che adesso non sappiano neppure come pagare la luce o il gas di una casa neppure riscaldata.

Generoso come sempre con gli attori, probabilmente per tradizioni familiari e culturali, il buon Giuliano Ferrara, sempre meglio rimesso dall’intervento al cuore che ha pompato per una vita una quantità impressionante di sangue, Giuliano Ferrara ha definito Zelensky “Il Churchill di Kyiv”. Del quale ha scritto, nell’impeto di cui solo lui è capace in certi momenti letterari, che “parla molto, sbuca da ogni dove e incanta le tribune maggiori di tutto il mondo con i suoi collegamenti attendisti, sta nella posizione scomodissima di chi rischia personalmente e diffonde senso di colpa per la sua sorte, non condivisa da buoni cattivi e cinici indifferenti, un tipo naturalmente superiore alle loro e mie opinioni. La sua resistenza impossibile, e imprevedibile per un comico d’avanspettacolo fattosi profeta dell’identità adamantina di una comunità di destino, che è diventata a sorpresa perfettamente europea, disposta al sacrificio e al negoziato anche il più spinto”.

Va bene, Giuliano. Ora lascia che riflettiamo un po’ su tutto quello che hai scritto e che magari ti è rimasto ancora dentro e farai uscire più avanti. E speriamo che, per quanto in ritardo, quel certo realismo finalmente affiorato dal tuo Zelensky serva a fermare Putin e a restituirlo alla frequentazione e ai buoni sentimenti di certi nostri comuni amici, anch’essi in fondo uomini di spettacolo in senso vasto, rimasti in questi giorni troppo prudentemente in silenzio, non so se più col fiato o col culo sospeso per aria.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore