Mondo

La figuraccia di McKinsey

di

McKinsey

 McKinsey & Company ha accettato di pagare 573 milioni di dollari per risolvere le indagini sul suo ruolo nell’aiutare a “mettere il turbo” alle vendite di oppioidi

 

McKinsey & Company, il consulente di società e governi di tutto il mondo, ha accettato di pagare 573 milioni di dollari per risolvere le indagini sul suo ruolo nell’aiutare a “mettere il turbo” alle vendite di oppioidi, un raro caso in cui è stata ritenuta pubblicamente responsabile del suo lavoro con i clienti.

L’azienda ha raggiunto l’accordo con i procuratori generali di 47 stati, il distretto di Columbia e cinque territori, secondo cinque persone che hanno familiarità con i negoziati. L’accordo arriva dopo che le cause legali hanno portato alla luce una serie di documenti che mostrano come McKinsey ha lavorato per guidare le vendite dell’antidolorifico OxyContin di Purdue Pharma, in un’epidemia di oppioidi negli Stati Uniti che ha contribuito alla morte di più di 450.000 persone negli ultimi due decenni – scrive il NYT.

L’ampio lavoro di McKinsey con Purdue includeva il consiglio di concentrarsi sulla vendita delle lucrative pillole ad alto dosaggio, come mostrano i documenti, anche dopo che la casa farmaceutica si era dichiarata colpevole nel 2007 di aver ingannato medici e regolatori sui rischi dell’OxyContin. L’azienda disse anche a a Purdue che avrebbe potuto “unirsi” con altri produttori di oppioidi per evitare un “trattamento rigoroso” da parte della Food and Drug Administration.

L’azienda di consulenza non ammetterà illeciti nell’accordo, che sarà depositato nei tribunali statali giovedì, ma sarà d’accordo con le restrizioni imposte dal tribunale sul suo lavoro con alcuni tipi di narcotici che creano dipendenza, secondo coloro che hanno familiarità con l’accordo. McKinsey conserverà anche le e-mail per cinque anni e rivelerà potenziali conflitti d’interesse quando farà offerte per contratti statali. E in una mossa simile agli accordi dell’industria del tabacco decenni fa, metterà decine di migliaia di pagine di documenti relativi al suo lavoro sugli oppioidi in un database disponibile al pubblico.

Gli stati useranno le sanzioni civili – 478 milioni di dollari che devono essere pagati entro 60 giorni – per programmi di trattamento, prevenzione e recupero degli oppioidi. Sarà il primo denaro che gli stati vedranno dopo che Purdue Pharma in ottobre ha accettato di pagare 8,3 miliardi di dollari e si è dichiarata colpevole di accuse penali federali sulla sua commercializzazione di OxyContin. Purdue ha dichiarato bancarotta, il che significa che gli stati parte di quell’accordo dovranno allinearsi con altri creditori.

Separatamente, i membri della famiglia Sackler, che possiede Purdue, hanno accettato lo scorso autunno di pagare al governo federale 225 milioni di dollari in sanzioni civili, e sono in trattative con altri contendenti per pagare 3 miliardi di dollari.

Molti stati erano insoddisfatti dell’accordo di ottobre, che il Dipartimento di Giustizia dell’amministrazione Trump ha raggiunto solo pochi giorni prima che l’ex presidente fosse sconfitto nelle elezioni di novembre.
L’importo che McKinsey sta pagando è sostanzialmente più di quanto ha guadagnato dal lavoro legato agli oppioidi con Purdue o Johnson & Johnson, Endo International e Mallinckrodt Pharmaceuticals, i suoi altri clienti produttori di oppioidi, ha detto una delle persone.

Un ex partner ha definito l’accordo enormemente significativo perché infrange la distanza che McKinsey – che sostiene di fare solo raccomandazioni – mette tra i suoi consigli e le azioni dei suoi clienti. Per decenni, l’azienda ha evitato la responsabilità legale per i fallimenti di alto profilo di alcuni clienti, tra cui la società energetica Enron e Swissair, la defunta compagnia aerea nazionale svizzera. L’ex partner ha chiesto l’anonimato perché gli ex dipendenti McKinsey sono legati da accordi di riservatezza.

A rendere McKinsey e i suoi concorrenti ancora più vulnerabili è il fatto che negli ultimi anni si sono mossi aggressivamente, non solo offrendo consigli di gestione, ma anche aiutando le aziende a implementare i loro suggerimenti.

I materiali McKinsey rilasciati in contenzioso negli ultimi due anni risalgono al 2004 e arrivano fino al 2019.

I documenti evidenziano la stretta relazione di McKinsey con Purdue per molti anni. Nel 2009, l’azienda ha scritto un rapporto per Purdue dicendo che le nuove tattiche di vendita avrebbero aumentato le vendite di OxyContin di ben 400 milioni di dollari all’anno, e ha suggerito “driver di vendita” basati sull’idea che gli oppioidi riducono lo stress e rendono i pazienti più ottimisti e meno isolati”, secondo una causa presentata nel 2018 dal Massachusetts. McKinsey ha lavorato con i dirigenti di Purdue per trovare il modo di “contrastare i messaggi emotivi delle madri con adolescenti in overdose” del farmaco.

Nel 2013, il governo federale ha raggiunto un accordo con Walgreens, la catena di farmacie, per reprimere le prescrizioni illegali di oppioidi. Le vendite a Walgreens hanno cominciato a diminuire. Secondo la causa del Massachusetts, McKinsey ha raccomandato che Purdue “faccia pressione sui leader di Walgreens per allentare la presa”.

E in una presentazione di diapositive del 2017, McKinsey ha esposto diverse opzioni per sostenere le vendite. Una era quella di dare ai distributori di Purdue un rimborso per ogni overdose di OxyContin attribuibile alle pillole vendute. Le diapositive sono notevoli per il loro dettaglio granulare. Per esempio, McKinsey ha stimato che 2.484 clienti di CVS sarebbero andati in overdose o avrebbero sviluppato un disturbo da uso di oppioidi nel 2019 per aver preso OxyContin. CVS ha detto che il piano non è mai stato implementato.

Nel 2018, gli alti dirigenti della McKinsey stavano diventando consapevoli che avrebbero potuto affrontare la responsabilità per il loro lavoro sugli oppioidi. Dopo che il Massachusetts ha fatto causa a Purdue, Martin Elling, un leader della pratica farmaceutica dell’azienda, ha scritto a un altro partner, Arnab Ghatak: “Probabilmente ha senso avere una rapida conversazione con il comitato di rischio per vedere se dovremmo fare qualcosa” oltre a “eliminare tutti i nostri documenti ed e-mail. Sospetto di no, ma quando le cose si faranno più difficili, qualcuno potrebbe rivolgersi a noi”.

Entrambi gli uomini sono stati messi in congedo amministrativo in attesa dei risultati di un’indagine esterna per verificare se qualsiasi materiale è stato distrutto, il managing partner di McKinsey in Nord America, Liz Hilton Segel, ha detto in una lettera al Congresso nel mese di dicembre. Quel mese, McKinsey ha rilasciato una rara scusa pubblica per il suo lavoro sugli oppioidi.

“Guardando indietro al nostro servizio clienti durante la crisi degli oppioidi, riconosciamo di non aver riconosciuto adeguatamente l’epidemia che si sta sviluppando nelle nostre comunità o il terribile impatto dell’abuso e della dipendenza da oppioidi su milioni di famiglie in tutto il paese”, ha detto la società in una dichiarazione. L’azienda ha poi cambiato la dichiarazione per leggere “uso improprio” invece di “abuso”.

L’accordo con i 47 stati – Nevada, Washington e West Virginia non ne facevano parte – non impedisce all’amministrazione Biden di cercare azioni legali contro McKinsey. Inoltre, diverse contee e città in tutto il paese – compresa la contea di Mingo in West Virginia, uno degli stati più colpiti dalla crisi degli oppioidi – hanno citato in giudizio McKinsey negli ultimi giorni.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati