skip to Main Content

La Cina russa ancora? Report Ft

Russia Cina

La spesa cinese per la Belt and Road in Russia scende a zero. Pechino sposta l’attenzione degli investimenti sull’Arabia Saudita, ma continua ad acquistare petrolio e gas russo. L’analisi del Financial Times

 

Gli investimenti della nuova Belt and Road Initiative cinese in Russia sono scesi a zero per la prima volta, a dimostrazione della riluttanza di Pechino a incorrere in sanzioni sulla scia della guerra in Ucraina. Scrive il Financial Times.

Secondo un rapporto del Green Finance & Development Center della Fudan University di Shanghai, esaminato dal Financial Times, nella prima metà del 2022 Pechino non ha concluso alcun accordo con entità russe nell’ambito del programma BRI.

Christoph Nedopil Wang, direttore del centro, ha affermato che la minaccia di sanzioni guidate dall’Occidente potrebbe aver dissuaso la Cina dall’investire in Russia. Mentre ha rallentato i suoi investimenti in Russia, la Cina ha approfondito il suo impegno con il Medio Oriente.

Nedopil Wang ha affermato che il calo potrebbe essere “solo temporaneo” e che c’è “sicuramente un forte impegno tra Russia e Cina”. Ha aggiunto che gli acquisti cinesi di esportazioni energetiche russe sono aumentati nonostante la guerra.

La Russia è stata tra i principali beneficiari della spesa cinese per lo sviluppo attraverso la BRI, la politica estera del presidente Xi Jinping concepita come il più grande programma di sviluppo al mondo.

Secondo il rapporto, dalla sua istituzione nel 2013, l’impegno cumulativo della Cina nella BRI ammonta a 932 miliardi di dollari, di cui 561 miliardi in contratti di costruzione e 371 miliardi in investimenti. I progetti BRI abbracciano settori che vanno dai porti alle ferrovie, dai centri dati alle miniere.

La mancanza di impegno russo nel 2022 ha segnato il primo semestre senza accordi BRI tra Cina e Russia. Secondo i ricercatori, nel 2021 Russia e Cina hanno firmato accordi per un valore di circa 2 miliardi di dollari.

Secondo AidData, un laboratorio di ricerca internazionale del College of William & Mary in Virginia, gli impegni ufficiali di prestito dalla Cina alla Russia dal 2000 al 2017 – che includono la spesa BRI – ammontano a 125,4 miliardi di dollari. Questo include 58 miliardi di dollari dalla China Development Bank e 15 miliardi di dollari dalla China Eximbank, le grandi banche politiche del Paese.

La Cina dipende ancora dalle forniture russe per circa il 15% del suo petrolio e l’8% del suo gas. All’inizio di febbraio, pochi giorni prima dell’ordine alle truppe russe di invadere l’Ucraina, sono stati stipulati nuovi accordi energetici che ampliano questi accordi.

Dopo l’invasione di febbraio, Pechino ha criticato le sanzioni internazionali contro la Russia, anche se molte delle sue aziende stanno facendo attenzione a non violarle.

I dati della Fudan University hanno mostrato che l’Arabia Saudita è diventata uno dei maggiori beneficiari della BRI, mentre la Cina rafforza i suoi legami con gli Stati mediorientali attraverso grandi accordi nel campo dell’energia e delle costruzioni.

Nella prima metà dell’anno, Pechino ha concluso accordi per 5,5 miliardi di dollari in Arabia Saudita – più di qualsiasi altro Paese – mentre gli investimenti cinesi in uscita si sono ampiamente stabilizzati. Nel 2021, l’Iraq è stato il maggior beneficiario della BRI, con 10,5 miliardi di dollari di accordi nel settore delle costruzioni.

“È un dato significativo che dimostra l’attenzione per le risorse”, ha dichiarato Nedopil Wang.

Il rafforzamento della posizione della Cina in Medio Oriente arriva dopo che gli Stati Uniti hanno formalmente concluso la loro missione di combattimento in Iraq e si sono ritirati dall’Afghanistan. Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden si è recato a Riyadh questo mese, promettendo di “non andarsene e lasciare un vuoto che sarà riempito da Cina, Russia o Iran”.

Il rapporto della Fudan University riflette il cambiamento del ruolo e la riduzione dell’impronta della BRI, un tempo propagandata da Pechino come il “progetto del secolo”.

Nella prima metà del 2022, gli investimenti cinesi e la cooperazione contrattuale nei 147 Paesi della BRI sono stati complessivamente di 28,4 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 29,6 miliardi dello stesso periodo dell’anno precedente.

Il declino a lungo termine dell’impegno della BRI arriva sulla scia di un crescente controllo sul modo in cui i prestiti dei progetti esacerbano le pressioni finanziarie sui governi vulnerabili. Nell’esempio più recente citato dai critici, lo Sri Lanka, un beneficiario della BRI, ha fatto default sul suo debito sovrano a maggio.

Sebbene i ricercatori non si aspettino che l’impegno cinese nella BRI torni ai picchi del passato, i dati suggeriscono che l’attenzione si sta concentrando sugli accordi per assicurarsi l’accesso a risorse strategiche, tra cui i minerali utilizzati nella catena di fornitura di tecnologie pulite, nonché petrolio e gas in Medio Oriente, Africa e America Latina.

“L’iniziativa Belt and Road rimane molto importante”, ha dichiarato Nedopil Wang.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore