skip to Main Content

Cosa sta succedendo in Kazakistan

Kazakistan

In Kazakistan il presidente ha dichiarato lo stato di emergenza a seguito delle proteste contro i rincari del Gpl. Fatti, commenti e analisi

 

Mercoledì il Kazakistan ha dichiarato lo stato d’emergenza a seguito delle proteste che vanno avanti da giorni contro l’aumento dei prezzi del carburante: decine di migliaia di manifestanti hanno assaltato diversi edifici governativi in varie città e dato loro fuoco; le forze di sicurezza hanno utilizzato granate stordenti e gas lacrimogeni.

Lo stato d’emergenza introduce restrizioni agli spostamenti e un coprifuoco (dalle 11 di sera alle 7 di mattina), oltre a vietare i raduni di massa. Le connessioni a Internet sono state bloccate.

Il presidente Kassym-Jomart Tokayev, in carica da marzo 2019, ha accettato oggi le dimissioni dell’esecutivo e ha promesso che risponderà con durezza alle proteste, riporta l’agenzia France-Press. Torkayev è il successore di Nursultan Nazarbaev, che ha governato il paese per quasi trent’anni e ancora oggi mantiene una grande influenza.

PERCHÉ È IMPORTANTE

La notizia è rilevante perché le manifestazioni in Kazakistan sono rare. Il paese è sottoposto a un regime autoritario e repressivo (una dittatura mascherata da repubblica presidenziale) che ha spesso puntato a trasmettere all’estero un’immagine di stabilità con l’obiettivo di attrarre investimenti stranieri nel settore estrattivo.

Il Kazakistan – stretto alleato della Russia, oltre ad esservi confinante – è ricco di materie prime come petrolio, gas, zinco e uranio.

GPL, POVERTÀ, LIBERTÀ: LE CAUSE DELLE PROTESTE IN KAZAKISTAN

Le proteste sono scoppiate dopo la rimozione, dal 1 gennaio scorso, del tetto massimo ai prezzi del gas di petrolio liquefatto (GPL). Di conseguenza, il costo del combustibile è più che raddoppiato, accendendo la rabbia della popolazione: molti kazaki avevano installato impianti GPL sulle loro automobili proprio per la maggiore economicità di questo carburante.

Le proteste – spiega il Washington Post – sono iniziate nella regione di Mangistau, nel Kazakistan occidentale, dove le condizioni di vita sono peggiori nonostante l’abbondanza di risorse petrolifere. In queste regioni il 70-90 per cento dei veicoli sono alimentati a propano, il costituente principale del GPL.

Secondo il governo, la regolamentazione del prezzo del GPL stava danneggiando i produttori energetici e la liberalizzazione era pertanto necessaria. A seguito delle proteste, tuttavia, il presidente Tokayev ha ordinato la reintroduzione del tetto ai prezzi sul GPL e l’estensione della misura ad altri carburanti (benzina e gasolio) e beni di consumo.

La situazione economica del Kazakistan è complicata anche dall’inflazione: alla fine del 2021 il tasso su base annua era del 9 per cento, il livello più alto dagli ultimi cinque anni. La banca centrale ha alzato i tassi di interesse al 9,75 per cento.

Secondo gli analisti, le proteste sarebbero il segnale anche di un diffuso malcontento popolare nei confronti del regime e la voglia di maggiori libertà. La rabbia è rivolta verso le élite politiche-economiche che concentrano nelle loro mani le ricchezze del paese, mentre il resto della popolazione – circa 19 milioni di persone – possiede poco.

C’ENTRA LA RUSSIA CON I RINCARI DEL GPL?

Davide Cancarini, esperto di Asia centrale, ha spiegato su Twitter che “la situazione in Kazakhstan è slegata dalla politica del gas di Putin”: la Russia ha limitato le forniture verso l’Europa con l’obiettivo di esercitare pressione su Bruxelles e velocizzare le procedure autorizzative del Nord Stream 2, il gasdotto con la Germania.

I rincari del Gpl in Kazakistan, spiega Cancarini, “sono avvenuti per ragioni pressoché totalmente interne. E, fin da subito, alle rivendicazioni economiche si sono associate quelle politiche”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore