Advertisement skip to Main Content

Raisi

Così l’Iran minaccia il Medioriente e l’Occidente. Report Wsj

L'Iran sta sostenendo le milizie mediorientali grazie a un'industria delle armi in forte espansione, favorita dall'acquisto di droni dalla Russia. L'articolo del Wsj.

L’industria degli armamenti dell’Iran sta crescendo rapidamente, trasformando il Paese in un esportatore su larga scala di armi a basso costo e ad alta tecnologia i cui clienti mettono in difficoltà gli Stati Uniti e i loro partner in Medio Oriente, Ucraina e oltre.

La trasformazione dell’industria, accelerata dall’acquisto da parte della Russia nel 2022 di migliaia di droni che hanno modificato il campo di battaglia in Ucraina, ha aiutato Teheran a incrementare il suo sostegno agli alleati miliziani nei conflitti mediorientali che si sono intensificati insieme alla guerra di Israele contro Hamas a Gaza.

IL DRONE SHAHED

Uno dei principali prodotti iraniani esportati, il drone suicida Shahed, progettato per trasportare esplosivi e schiantarsi contro il bersaglio, è stato usato per uccidere tre militari americani in Giordania in un attacco di un gruppo di miliziani iracheni il 28 gennaio, secondo quanto dichiarato da funzionari statunitensi.

Lo stesso giorno, la Guardia Costiera statunitense ha confiscato oltre 200 carichi di armi provenienti dall’Iran e diretti nello Yemen, hanno dichiarato giovedì gli Stati Uniti. Il Comando centrale degli Stati Uniti, responsabile delle operazioni militari americane in Medio Oriente, ha dichiarato che il carico era diretto verso il territorio controllato dagli alleati iraniani degli Houthi, un gruppo i cui attacchi alle rotte marittime del Mar Rosso hanno interrotto il commercio globale e attirato gli attacchi aerei degli Stati Uniti e del Regno Unito, tra cui una stazione di controllo dei droni nello Yemen – scrive il WSJ.

Il carico comprendeva componenti per missili e droni subacquei e di superficie, ha dichiarato il Centcom. Si tratta del secondo sequestro del mese, dopo un’operazione dell’11 gennaio che ha portato alla consegna di parti di missili iraniani e alla perdita in mare di due Navy Seal statunitensi. L’Iran nega di armare gli Houthi.

I modelli della stessa famiglia di droni che hanno ucciso i militari statunitensi in Giordania sono stati utilizzati su molti fronti, compresi gli Houthi, le milizie irachene contro Israele e la Russia nella sua guerra in Ucraina, come ha scoperto la Defense Intelligence Agency statunitense in un’indagine pubblicata questo mese.

L’IRAN STA DIVENTANDO UN FORNITORE GLOBALE DI ARMI

I campi di battaglia in Europa e in Medio Oriente sono stati una vetrina per l’emergere di Teheran come fornitore globale di armi. In Ucraina, la Russia ha utilizzato droni iraniani per colpire obiettivi militari e infrastrutture civili, mentre le milizie del Medio Oriente hanno impiegato armi fornite dall’Iran per colpire l’esercito statunitense, Israele e gli interessi marittimi globali.

“Esportando queste tecnologie e dimostrandone l’efficacia in battaglia, l’Iran ha probabilmente cambiato per sempre la natura della guerra asimmetrica, dando potenzialmente una leva sostanziale ad attori non statali precedentemente svantaggiati”, ha dichiarato Adam Rousselle, ricercatore del Militant Wire, una rete di esperti che esamina le armi utilizzate da attori non statali. “Le conseguenze… potrebbero essere disastrose per le grandi potenze di tutto il mondo”.

I NUMERI DELLE VENDITE DI ARMI

L’Iran ha venduto circa 1 miliardo di dollari in armi da marzo 2022 a marzo 2023, il triplo rispetto all’anno precedente, ha dichiarato a novembre il vice ministro della Difesa Mahdi Farahi. In un conteggio che omette le armi di contrabbando, l’Iran è diventato il 16° venditore di armi al mondo nel 2022 con 123 milioni di dollari di esportazioni, un balzo da 20 milioni di dollari nel 2017, quando l’Iran era il 33° esportatore, secondo l’Istituto Internazionale di Ricerca sulla Pace di Stoccolma.

Gli Stati Uniti sono il primo fornitore di armi al mondo: Le esportazioni statunitensi nell’ambito del sistema Foreign Military Sales hanno raggiunto la cifra record di 80,9 miliardi di dollari nell’anno fiscale 2023.

COMMERCIO SENZA RESTRIZIONI

Le vendite dell’Iran includono una serie di armi. Secondo funzionari statunitensi, la Russia sta progettando di acquistare missili balistici a corto raggio dall’Iran e Teheran ha anche fornito munizioni alla Russia, come riportato dal Wall Street Journal.

Il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche dell’Iran, o IRGC, che controlla l’industria della difesa del Paese, fornisce anche armi gratuite agli alleati in Medio Oriente come modo per sostenere le loro attività. Tra i beneficiari del sostegno iraniano ci sono Hamas e gli Hezbollah libanesi, nell’ambito di quello che Teheran chiama il suo “Asse della Resistenza”. Gli Stati Uniti considerano entrambi i gruppi come organizzazioni terroristiche.

“Forniamo assistenza ai palestinesi su come ottenere il potere militare, consentendo loro di resistere autonomamente sotto assedio”, ha dichiarato lunedì al Journal la missione iraniana presso le Nazioni Unite.

“L’Iran non ha restrizioni o divieti sull’acquisto e la vendita di armi” secondo il diritto internazionale e le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, ha dichiarato la missione iraniana. Le restrizioni sul commercio di armi dell’Iran, revocate dalle Nazioni Unite lo scorso anno, sono state mantenute dagli Stati Uniti e dall’Unione Europea.

BREVE STORIA DELL’INDUSTRIA DELLA DIFESA IRANIANA

L’industria della difesa iraniana è nata per necessità negli anni ’80, dopo che gli Stati Uniti avevano imposto un embargo sulle armi alla neonata Repubblica Islamica. Per anni, la produzione di armi iraniane si è concentrata sul rifornimento delle forze armate del Paese. L’Iran ha utilizzato i droni soprattutto per la ricognizione, sviluppandoli negli anni ’80 durante la guerra con l’Iraq, secondo l’agenzia di stampa iraniana semiufficiale Fars.

I droni suicidi iraniani hanno raggiunto la ribalta internazionale nel 2019, quando l’Arabia Saudita ha affermato che l’Iran o uno dei suoi alleati miliziani erano dietro a un complesso attacco con missili e droni alle strutture petrolifere saudite, accuse che l’Iran ha negato. Nel 2021, i funzionari della difesa di Stati Uniti, Europa e Israele hanno avvertito che il rapido sviluppo della capacità di Teheran di costruire e distribuire droni stava cambiando l’equazione della sicurezza in Medio Oriente.

Ma all’epoca i droni suicidi iraniani erano spesso realizzati con componenti ampiamente disponibili, utilizzati nel mercato dei droni commerciali e dagli hobbisti. Secondo il Washington Institute for Near East Policy, nel 2021 gli Houthi sparavano in media 30 droni iraniani al mese.

La produzione è aumentata dopo che l’Iran ha venduto più di 2.000 droni Shahed alla Russia nel 2022, secondo i consulenti di sicurezza di un governo europeo. Al prezzo di circa 20.000 dollari l’uno, le consegne hanno generato almeno 40 milioni di dollari per Teheran.

Secondo Conflict Armament Research, un’organizzazione investigativa con sede nel Regno Unito, i droni iraniani che sono stati avvistati in Ucraina hanno mostrato un salto di qualità nell’ingegneria, diventando più precisi grazie a miglioramenti nelle comunicazioni radio, nei computer di bordo e negli strumenti di misurazione.

IL COMMERCIO DI DRONI TRA IRAN E RUSSIA

La vendita di tecnologia dei droni da parte dell’Iran alla Russia ha “portato risorse e redditività esponenziali all’industria della difesa high-tech della Repubblica Islamica”, ha dichiarato Lou Osborn, analista di All Eyes on Wagner, un’organizzazione no-profit di ricerca open-source.

A dimostrazione dell’evoluzione delle competenze iraniane in materia di droni, l’anno scorso Mosca ha chiesto a Teheran di contribuire alla costruzione di una fabbrica russa in grado di produrre almeno 6.000 droni all’anno, nell’ambito di un accordo da 1 miliardo di dollari tra i due Paesi, come riporta il Journal. L’impianto dovrebbe essere operativo all’inizio di quest’anno, hanno dichiarato gli Stati Uniti a giugno, rilasciando un’immagine satellitare che mostrava il sito di costruzione. Non è stato possibile determinare lo stato di avanzamento dei piani. Il Cremlino non ha risposto a una richiesta di commento.

In Medio Oriente, l’influenza della tecnologia iraniana sulle armi non si limita alla produzione di droni. Hamas ha utilizzato esplosivi e testate anticarro di fabbricazione iraniana quando ha attaccato Israele il 7 ottobre, secondo il tenente colonnello israeliano Idan Sharon-Kettler, esperto di armi.

Gli esplosivi e il know-how ingegneristico utilizzati nell’attacco per far saltare la recinzione di sicurezza israeliana al confine con Gaza, oltre ad altre attrezzature utilizzate da Hamas nella guerra, riflettono “un’intelligence militare che poteva provenire solo da un attore statale come l’Iran”, ha detto Sharon-Kettler.

Nelle ultime settimane, l’Iran ha inviato attrezzature sempre più sofisticate ai suoi alleati Houthi in Yemen, tra cui disturbatori di droni e parti per razzi e missili a lunga gittata, secondo quanto riferito da funzionari e consulenti occidentali, secondo quanto riportato dal Journal. Un missile terra-aria utilizzato negli ultimi mesi dagli Houthi contro i droni statunitensi nel Mar Rosso e nel Golfo di Oman è quasi identico a un modello esibito per la prima volta dall’Iran nel settembre 2023, secondo quanto dichiarato dalla Defense Intelligence Agency statunitense.

Giorni dopo l’attacco del 28 gennaio agli americani in Giordania, il presidente Biden ha dichiarato di ritenere l’Iran responsabile perché ha fornito il drone. L’Iran ha negato qualsiasi collegamento con l’incidente.

Giorni dopo, il Tesoro americano ha imposto nuove sanzioni alle aziende che forniscono componenti ai programmi iraniani di droni e missili e il 7 febbraio l’esercito americano ha ucciso un comandante della milizia irachena che gli Stati Uniti hanno incolpato dell’attacco in Giordania. Gli Stati Uniti hanno avvertito che continueranno a colpire se necessario per scoraggiare gli attacchi alle loro forze.

La fioritura dell’industria iraniana delle armi è stata una fonte di guadagno in un Paese isolato dalle sanzioni che impediscono la vendita di petrolio e la maggior parte delle transazioni bancarie. L’IRGC è “attaccato al denaro generato dalle vendite militari”, ha detto Saeid Golkar, un’autorità sui servizi di sicurezza di Teheran presso l’Università del Tennessee a Chattanooga.

“L’Iran sta lasciando le sue impronte digitali dappertutto”, ha detto.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top