Mondo

Io, renziano, dico: Renzi e Zingaretti stanno toppando. Ecco perché. Firmato: Minopoli

di

Cdp Eni nomine

Il post di Umberto Minopoli

Per ammissione dei protagonisti, dall’ultimatum di Mattarella ad oggi, il tempo è stato speso solo per rimuovere l’unica condizione posta dal Pd: la discontinuità. E per rimettere al posto di premier uno che fino a 15 giorni fa, quando ha ricevuto il benservito, aveva difeso, rappresentato e realizzato tutti i provvedimenti del governo M6s-Lega.

Non c’è alcuna bravura, capacità, eroismo in ciò che ha fatto Zingaretti. A fare un ribaltone, senza contenuti, sfruttando la paura del voto degli eletti e i loro voti per restare in carica, è bravo qualunque politico spregiudicato.

Salvini è stato solo un alibi per una manovra trasformista e senza valori. Si dice che Zingaretti non voleva questo esito. Ci credo. E’ stato costretto. Ma ha abbandonato troppo presto la sua posizione. Per mancanza di coraggio e di visione strategica. E si e piegato alla volontà, governista e opportunista, dei suoi dorotei ex Dc di quarta fascia (Rumor e Piccoli erano statisti) che non hanno mai sopportato l’opposizione, che fanno politica solo per stare al comando e che ambiscono, da sempre, solo a giri di poltrone, di governo, sottogoverno e auto blu.

Il Pd ha perso tutte le elezioni recenti: doveva rinnovarsi e rientrare al governo dalla porta principale, non da quella di servizio di un ribaltone. Con il voto degli elettori, non con una manovretta agostana, trasformista e con un rimpastone. Ha fatto come la Lega nel 2018. Finirà come la Lega nel 2019.

Chi governa con i populisti grillini è destinato a fallire. Renzi ha rinnegato tutto quello che ha detto in questi anni: il giudizio sul populismo 5Stelle, la differenza culturale, strategica, antropologica con essi, la valutazione che con loro non e’ possibile governare, che i populisti sono inadatti e votati, per natura, allo sfascismo e al malgoverno. Molti di noi ci avevano creduto. Vedremo quale dei due Renzi ha ragione: quello di ieri o quello di oggi. Io penso che lui sia troppo scaltro per non sapere che aveva ragione il Renzi di ieri. E quindi, mi chiedo: perché ha spinto a questo approdo? Non dovuto, non necessario, disastroso per l’Italia?

A differenza dei suoi ciechi adepti di oggi, penso che Renzi abbia fatto una mossa azzardata. Che pagherà in credibilità, aspettativa e consenso. In più: scommetto che prenderà presto le distanze da questo quadro politico mefitico e statalista. Lui ha altre ambizioni che finire nel tran tran della politica mediocre con Di Maio, Bonafede e l’avvocato del popolo. Resta da capire perché si è prestato a far pagare all’Italia questo squallido pedaggio. Ma non sempre la politica ridotta a tattica viene premiata.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati