Mondo

Io, medico di base, in trincea contro il Covid-19

di

scuole

Il “Senno di Po”, l’audio-blog di Ruggero Po su Start Magazine, con la testimonianza di Rossella Borghi, medico di base a Modena

 

“Costretti ormai a fare solo triage telefonico trascurando il resto del nostro lavoro. Allarme alle stelle e crisi di panico. A me nessun caso di contagio reale”.

Rossella Borghi, medico di base a Modena:

Dopo Milano e Padova, e prima della chiusura generale del Paese, Modena è stata dichiarato ‘zona rossa’ per la concentrazione di contagi da covid-19 superiore alla media. Rossella Borghi, come ogni medico di medicina generale, è il primo filtro per chi ha dubbi. Se abbiamo febbre, tosse, difficoltà a respirare dobbiamo chiamare il nostro dottore e sarà lui, o lei in questo caso, a decidere se approfondire ulteriormente.

“Ormai non faccio altro che triage telefonico – mi dice la dottoressa Borghi – e ciò mi porta a trascurare un po’ tutto il resto che il nostro lavoro comporta”. Mi dice di avere avuto, in questi giorni, un solo caso sospetto di un ragazzo che insegna in una scuola per immigrati. Febbre persistente nonostante gli antibiotici gli ordinò una lastra ai polmoni ma tutto era ok.

(estratto di un post del blog di Ruggero Po)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati