skip to Main Content

Intelligence

Chi è l’ex-spia russa (protetta dalla Cia) che l’intelligence di Mosca vuole assassinare

L'intelligence della Russia ha pianificato l'assassinio di un disertore rifugiatosi negli Stati Uniti. Tutti i dettagli.

 

I servizi di intelligence russi hanno pianificato di assassinare un ex ufficiale dell’intelligence russa, che aveva disertato negli Stati Uniti e viveva in un complesso di appartamenti in Florida.

CHI È ALEKSANDR POTEYEV

L’intelligence russa ha preso di mira Aleksandr Poteyev, che è stato vicedirettore del Russian Foreign Intelligence Service (SVR) dal 2000 al 2010. Secondo quanto riferito, Poteyev era responsabile della direzione “S” della SVR, che sovrintende al lavoro dei clandestini, un termine che si riferisce agli ufficiali operativi della SVR che lavorano senza copertura ufficiale in tutto il mondo. Si ritiene che Poteyev abbia iniziato a lavorare per la Central Intelligence Agency (CIA) degli Stati Uniti nel 1999, come agente sul posto.

LE INFORMAZIONI FORNITE ALLA CIA

Nel 2010, quando ha disertato apertamente negli Stati Uniti, Poteyev aveva fornito alla CIA informazioni che hanno portato all’arresto di alto profilo di 10 clandestini russi da parte del Federal Bureau of Investigation (FBI). Alcuni ritengono che il disertore SVR sia stato anche responsabile degli arresti di spie russe in Germania e Olanda. Nel 2011, un tribunale russo ha processato Poteyev in contumacia e lo ha condannato a 25 anni di carcere.

Poteyev rimane in libertà e si ritiene che viva negli Stati Uniti sotto la protezione del National Resettlement Operations Center della CIA.

LA PROTEZIONE DELLA CIA AI CITTADINI STRANIERI

A tale proposito – come l’MI6 – anche la Central Intelligence Agency degli Stati Uniti ha anche un programma di protezione per i cittadini stranieri la cui vita potrebbe essere a rischio perché hanno spiato per gli Stati Uniti. La divisione di protezione della CIA, chiamata National Resettlement Operations Center, aiuta a reinsediare e talvolta nascondere e proteggere dozzine di agenti stranieri, o beni. Ma a seguito del caso Skripal, alcuni funzionari della CIA avevano espresso preoccupazione per il fatto che i livelli di protezione avrebbero dovuto essere aumentati in modo significativo. A quanto pare queste preoccupazioni erano e sono fondate.

Data la sua pericolosità, l’SVR avrebbe reclutato uno scienziato messicano che viveva a Singapore, Hector Alejandro Cabrera Fuentes, per recarsi a Miami, in Florida, nel 2020, al fine di localizzare Poteyev. Ma Fuentes ha attirato l’attenzione delle autorità mentre guidava a Miami ed è stato successivamente arrestato dagli agenti delle dogane e della protezione delle frontiere degli Stati Uniti mentre stava cercando di salire a bordo di un volo per Città del Messico. Fuentes ha poi fornito i dettagli della sua missione all’FBI. L’Ufficio alla fine ha scoperto che l’obiettivo della SVR era stato quello di assassinare Poteyev.

COSA HA SCRITTO IL NYT

Secondo il New York Times, il tentativo di assassinare il deserto Ducci è stata una delle cause principali che ha indotto nell’aprile del 2021 la Casa Bianca a espellere 10 diplomatici russi negli Stati Uniti tra cui guarda caso il capo della stazione della SVR, a Washington.Il Cremlino ha risposto espellendo un numero uguale di diplomatici americani dalla Russia, tra cui il capo della stazione della CIA a Mosca.

Back To Top