Mondo

Dove si è nascosta l’Intelligence militare russa che operava in Europa

di

intelligence russa

L’approfondimento di Giuseppe Gagliano sul gruppo d’élite di ufficiali dell’intelligence militare russa che ha partecipato ad omicidi in tutta Europa

Secondo un’inchiesta del Times, un gruppo d’élite di ufficiali dell’intelligence militare russa, che hanno partecipato ad omicidi in tutta Europa, hanno utilizzato i resort nelle Alpi francesi come basi logistiche e di approvvigionamento. L’inchiesta riguarda l’unità russa speciale, nota come 29155, che appartiene al servizio segreto russo delle forze armate noto come GRU.

Questa unità è in funzione da almeno 10 anni. Tuttavia, le agenzie di intelligence occidentali hanno iniziato a concentrarsi su di essa solo nel 2016, dopo che è stato accertato che un gruppo d’élite di spie russe ha cercato di organizzare un colpo di stato nel piccolo paese balcanico del Montenegro.

Si ritiene che l’unità 29155 sia composta da un gruppo affiatato di ufficiali dell’intelligence guidati dal maggiore generale Andrei V. Averyanov, un veterano delle guerre cecene della Russia. Secondo quanto riferito, l’esistenza dell’unità è così segreta che è improbabile che anche altri agenti del GRU ne abbiano sentito parlare. I membri dell’unità viaggiano spesso in Europa per condurre campagne di sabotaggio e disinformazione, uccidere obiettivi o condurre altre forme di ciò che alcuni esperti descrivono come la guerra ibrida del Cremlino. Si ritiene che siano responsabili dell’attentato alla vita di Sergei Skripal, un ex ufficiale dell’intelligence del GRU che disertò in Gran Bretagna. Morì nel marzo 2018, quando due membri russi dell’Unità 29155 lo avvelenarono nella città inglese di Salisbury.

Mercoledì scorso, un nuovo rapporto apparso sul quotidiano francese Le Monde ha sottolineato che l’Unità 29155 utilizzava le Alpi francesi come base per effettuare operazioni clandestine in tutta Europa. Secondo il documento, le informazioni sulle attività dell’unità in Francia sono emerse a seguito di indagini sulle attività dei suoi membri svolte da parte delle agenzie di intelligence britanniche, svizzere, francesi e americane. Nello stesso articolo, Le Monde ha pubblicato i nomi di 15 membri dell’Unità 29155, che presumibilmente sono rimaste in varie città alpine francesi tra il 2014 e il 2018. Le presunte spie russe sarebbero rimaste nell’Alta Savoia francese, al confine con la Svizzera che è tra le destinazioni turistiche invernali più popolari d’Europa.

L’area comprende la famosa catena montuosa del Monte Bianco e le pittoresche città alpine di Annemasse, Evian e Chamonix. Diversi membri dell’unità hanno visitato ripetutamente la regione mentre altri agenti sono entrati in Francia una o due volte con il compito di condurre specifiche missioni. Si ritiene che la principale ragione in base alla quale hanno compiuto i loro viaggi nelle Alpi francesi sia stato quello di fondersi con il gran numero di turisti internazionali che viaggiano nella regione durante tutto l’anno. Tuttavia, l’unità ha anche utilizzato diverse altre aree geografiche dell’Europa orientale come basi, tra cui alcune città in Moldavia, Montenegro e Bulgaria.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati