skip to Main Content

Che cosa succede davvero in India?

India Coronavirus

L’approfondimento del Financial Times sulla situazione del coronavirus in India

 

La sconcertante velocità con cui il coronavirus ha travolto i sistemi sanitari dell’India ha scatenato un allarme globale sulla variante virale emersa nel subcontinente.

La variante B.1.617 è stata incolpata da alcuni per l’ondata di infezioni in India, che ha registrato più di 350.000 casi confermati solo lunedì, un record mondiale per un paese in un solo giorno. Gli esperti sanitari ritengono che la vera cifra sia probabilmente molto più alta.

Ma gli scienziati hanno esortato a non saltare alle conclusioni sulla misura in cui la variante da sola è responsabile del vertiginoso aumento dei casi nelle ultime settimane, che ha causato 2.800 morti confermate in India solo lunedì. Hanno detto che ci sono poche prove concrete sulla virulenza e la trasmissibilità della variante indiana e indicano altri possibili fattori – scrive il FT.

“Nonostante l’allarmante picco di nuovi casi con la seconda ondata in India, semplicemente non ci sono abbastanza prove per dare la colpa alle varianti”, ha detto Nancy Jaser, un analista di malattie infettive a GlobalData, una società di analisi che tiene traccia delle mutazioni.

Quando si è evoluta la “variante indiana” e quanto è diffusa?

La variante B.1.617 è stata registrata per la prima volta in un database globale di genomi virali all’inizio di ottobre, appena due settimane dopo che la variante B.1.1.7 era stata originariamente individuata nel Regno Unito. B.1.617 da allora è circolato in India e si è diffuso a livello internazionale. Circa 20 paesi hanno riportato casi, principalmente in viaggiatori provenienti dall’India.

Il problema è che, in relazione alle dimensioni della sua popolazione, l’India ha effettuato molto poco del sequenziamento dell’intero genoma che è l’unico modo affidabile per tracciare l’evoluzione delle varianti. La portata del coinvolgimento della variante B.1.617 nell’epidemia dell’India è quindi sconosciuta, anche se rappresenta circa due terzi dei genomi segnalati dal paese al database globale GISAID.

Jeffrey Barrett, direttore della Covid-19 Genomics Initiative presso il Wellcome Sanger Institute di Cambridge, ha sottolineato che un certo numero di varianti erano presenti in India, tra cui quello che ha avuto origine in Gran Bretagna.

B.1.1.7, che gli scienziati hanno concluso essere più trasmissibile, è stata la variante dominante nell’ondata di Covid-19 nel Regno Unito alla fine del 2020, e successivamente si è diffusa in Europa continentale.

“Ci sono alcune prove di epidemie multiple che si sovrappongono in India, piuttosto che un unico focolaio monolitico”, ha detto Barrett. “Il che ha senso visto che è un paese enorme ed eterogeneo”.

B.1.617 è particolarmente virulento o trasmissibile?

La variante originale B.1.617 ha 13 mutazioni genetiche che portano a cambiamenti nel virus. Queste includono due nella proteina spike che è stata collegata in altre varianti (come quelle identificate in Sud Africa e Brasile) ad una maggiore trasmissibilità e alla capacità di sfuggire all’immunità conferita dalla vaccinazione o dall’infezione precedente. Ma non ci sono prove sufficienti né da studi epidemiologici né da esperimenti di laboratorio per confermare che questo è anche il caso di B.1.617.

“Bisogna guardare queste cose senza farsi prendere dal panico”, ha detto Barrett. “Il fatto che [la variante che ha avuto origine in India] non si sia ancora diffusa [ampiamente] nel Regno Unito, anche se è presente da febbraio, suggerisce che non è probabile che sia trasmissibile come B.1.1.7.”

Aggiungendo all’incertezza, B.1.617 è esso stesso “in evoluzione e divergente nel tempo”, secondo Sharon Peacock, direttore del Covid-19 UK Genomics Consortium. Gli scienziati hanno già individuato tre stirpi discendenti – chiamate B.1.617.1, B.1.617.2 e B.1.617.3 – con mutazioni leggermente diverse. Le implicazioni pratiche di questi ceppi sono sconosciute.

I riferimenti nei media e online alle “doppie mutazioni” nella variante B.1.617 sono “imprecisi, non hanno un significato specifico e dovrebbero essere evitati”, ha aggiunto Peacock.

I vaccini saranno meno efficaci contro B.1.617 che contro altre varianti?

Di nuovo, non è chiaro. I vaccini sviluppati per combattere il coronavirus originale emerso a Wuhan nel 2019 sembrano funzionare altrettanto bene contro la variante B.1.1.7 emersa nel Regno Unito, anche se sembrano essere meno efficaci contro i ceppi che hanno avuto origine in Sud Africa e Brasile.

“Se manterranno l’efficacia contro le nuove varianti che spuntano in India non è ancora chiaro, ma è . . . probabile che avranno almeno una certa efficacia”, ha detto Peter English, un consulente in pensione nel controllo delle malattie trasmissibili con sede nel Regno Unito.

Poiché solo circa il 10% della popolazione indiana è stata vaccinata, “le varianti non sono ancora sotto una forte pressione da parte dell’immunità vaccinale, quindi non c’è una grande pressione per le mutanti che sfuggono al vaccino”, ha aggiunto.

Se la nuova variante non è la causa principale della crisi del Covid-19 dell’India, cos’altro potrebbe essere responsabile?

L’evoluzione della crisi del coronavirus in India è stata guidata anche da altri fattori, tra cui il suo basso tasso di vaccinazione e la limitata capacità ospedaliera, così come le decisioni prese da leader come il primo ministro Narendra Modi, e la tolleranza dei grandi raduni politici e religiosi.
“C’è stata molta attenzione sulla variante B.1.617”, ha detto Michael Head, ricercatore senior in salute globale alla Southampton University nel Regno Unito. “Ma è la mescolanza di popolazioni suscettibili che alla fine causa la trasmissione delle malattie infettive respiratorie”.

Ha indicato i raduni di massa in India a marzo e aprile associati a campagne politiche, le partite internazionali di cricket tra India e Inghilterra “con stadi pieni e pochi che indossavano mascherine”, e diversi grandi festival religiosi, come il Kumbh Mela, un evento frequentato da milioni di persone.

Il pellegrinaggio Hajj in Arabia Saudita e le tradizionali celebrazioni del nuovo anno in Cina sono state ridotte in misura molto maggiore rispetto al Kumbh Mela, ha sottolineato Head.

“L’India può aver ridimensionato un po’ le sue celebrazioni, ma milioni di persone si sono riunite per il Kumbh Mela in diversi siti, e migliaia di nuovi casi di coronavirus sono stati confermati nei partecipanti”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore