Mondo

Iran, tutte le ipotesi sull’incidente al Boeing 737 dell’Ukraine Airlines

di

Ukraine International Airlines

Che cosa è successo al Boeing 737-800 NG dell’Ukraine Airlines. Il post di Giacomo Cavanna di Ares-Osservatorio Difesa

L’Ukraine International Airlines (UIA) ha sospeso i voli per Teheran a tempo indeterminato a causa dello schianto del suo aereo Boeing. Lo ha annunciato il servizio stampa della compagnia. “A partire da oggi Ukraine International Airlines ha deciso di sospendere i suoi voli per Teheran per un periodo indeterminato”, ha detto la UIA su Facebook. La società ha notato che sta facendo tutto il possibile per scoprire le cause dell’incidente. “Il volo è stato effettuato su un aeromobile Boeing 737-800 NG con il numero di registrazione UR-PSR. L’aeromobile è stato fabbricato nel 2016, ricevuto dalla compagnia aerea direttamente dalla fabbrica. L’ultimo manutenzione programmata è stata effettuata il 6 gennaio 2020”, ha detto la compagnia aerea aggiungendo che l’aereo “è scomparso dai radar pochi minuti dopo la partenza dall’aeroporto internazionale di Teheran”.

L’aereo ucraino caduto ieri poco dopo il decollo da Teheran stava tornando indietro a causa di un “problema”: è quanto emerge finora dall’inchiesta iraniana sull’incidente costato la vita a 176 persone. “L’aereo, che all’inizio si dirigeva verso est per lasciare la zona dell’aeroporto, ha girato a destra a causa di un problema e stava tornando all’aeroporto nel momento dell’incidente”, ha reso noto ieri notte sul suo sito l’Organizzazione per l’aviazione civile iraniana.

(Redazione Start Magazine

+++

Il post di Giacomo Cavanna di Ares-Osservatorio Difesa, pubblicata sulla pagina Facebook

I dati ADS-B, forniti dal transponder del 737NG, si interrompono bruscamente quando l’aereo è a quasi 8.000 piedi, in salita a velocità costante.

Non ci sono variazioni significative e altalenanti della velocità verticale (come nel caso dell’incidente della Ethiopian Airlines o in quello della Lion Air) ne si può pensare che la ricezione sia stata interrotta a causa della presenza di ostacoli fisici (montagne, colline o altro).

L’interruzione della trasmissione è presumibilmente legata a un’improvvisa perdita dell’impianto elettrico le cui cause possono essere molteplici. Il 737, così come moltissimi altri aerei, è dotato di due generatori sui rispettivi motori, l’APU (Auxiliary Power Unit) e la batteria. Nel caso in cui un motore dovesse avere una avaria il sistema in modo automatico adegua il carico di quello rimanente per assicurare la funzionalità del sistema.

Nel caso in cui entrambi i motori dovessero avere una avaria interviene la batteria o si lavora con l’APU, se acceso.

Il problema di tutto ciò? Che i vari selettori di STDBY POWER e BAT devono essere nella giusta posizione. Essendo in una fase preliminare tutte le ipotesi, come di prassi nelle investigazioni aeronautica, non devono essere scartate.

Eventuali congetture, al momento, non possono essere né confermate né smentite.

 

 

Circola un video che mostra il 737NG precipitare al suolo avvolto in una palla di fuoco. L’avaria elettrica potrebbe avere come origine un evento catastrofico che ha interessato il velivolo durante la fase di salita. Rimangono comunque moltissimi interrogativi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati