Mondo

Il grande gioco delle mascherine

di

mascherine

Il Cameo di Riccardo Ruggeri

Attenzione a come usiamo le parole. Non siamo, come dicono i politici e i media, in guerra contro il “Virus Cinese”, perché in guerra l’uomo è autorizzato a uccidere l’uomo, mentre in una pandemia l’uomo deve cercare di salvare l’uomo. E oggi siamo nel pieno di una pandemia, dove pochi uomini-donne, dei livelli medio bassi della società, tentano di salvare il maggior numero possibile di persone. Al contempo, poche persone della classe altissima stanno giocando una partita per la supremazia del mondo, come è sempre avvenuto dalla notte dei tempi. Mai come in questo caso bisogna tenere separati i “Buoni” dai “Cattivi”.

Sono convinto che i migliori di noi, dai nomi sconosciuti, e da ruoli mediani, quelli che combattono la pandemia, non dalle cabine di regia o dai talk show (imbarazzanti), ma dalle prime, seconde, terze linee, vinceranno. Sono i medici, il personale sanitario, i pazienti, la maggioranza silenziosa e consapevole dei cittadini comuni. Quelli che alla fine di questa oscena fiera delle vanità avranno pagato il prezzo più alto, ma avranno vinto, loro, salvando il Paese. Lasciamo alle élite politiche e burocratiche, nascoste nelle varie cabine di regia, da quella suprema a quelle locali, mascherati da leader, le responsabilità di atti imbarazzanti che si stanno succedendo fin dall’inizio della vicenda, e che sono ben rappresentati dalle mascherine-stracci di ultima generazione.

Giovanni Maddalena ed io abbiamo scritto un libro Uomini o Consumatori? Il declino del CEO capitalism, senza sapere che proprio alla sua uscita si sarebbe imbattuto nel “Virus Cinese”, facendo analisi e riflessioni, in tempi non sospetti, che sarebbero tornati utili. Il modello del CEO capitalism, con al centro della scena lo sprovveduto “Consumatore”, si è ripetuto identico in tutti i campi dei cosiddetti “competenti” dai supermanager ai superchef, ai superprofessori, ai superartisti, per non parlare dei supermagistrati e dei superavvocati. Il risultato è una società povera di umanità, povera di innovazione sociale, imprecisa, irresponsabile nei propri doveri, pretenziosa e presuntuosa nei propri diritti.

Con tali premesse il giochino non poteva durare. I nodi non solo stanno arrivando al pettine, ma ora è il pettine che sta marciando implacabile verso i nodi. La prima botta l’avemmo nel 2008. Alcuni, fuori dal kirieleison dominante, ebbero l’ardire di sostenere che, non solo si trattava di una crisi economica, ma di una vera e propria crisi antropologica. Il “Virus Cinese” di dodici anni dopo lo ha confermato: questa è una (terribile) crisi antropologica.

Ma lo scenario politico-economico non è cambiato, anzi, il regime nazicomunista di Xi Jingping punta al dominio del mondo esattamente come Adolf Hitler e come Iosif Stalin, con le merci e le supply chain al posto dei cannoni, il marketing in luogo della propaganda. Come reagirà l’Occidente? Dalle prime mosse sembrerebbe che Usa e UK cercheranno di sostenere la catena “finanza-tecnologia-industria-lavoro-consumo” (esattamente la strategia delle Seconda Guerra e quella degli Anni Sessanta), con grandi aumenti della spesa pubblica e convogliando finanziamenti pubblici e iniziativa privata. Parrebbe che i tedeschi siano in una posizione mediana fra Usa-UK e l’Europa mediterranea (Francia Spagna Italia), con un gigantesco piano di 550 mld di intervento pubblico e possibili nazionalizzazioni. Vedremo cosa succederà.

E i “competenti” nostrani tanto esaltati che fanno? Impazzano sui media ripetendo le loro stanche ricette, e inventandosi ridicole “mini strategie semi definitive” che modificano in continuazione. Ringrazio Giuliano Ferrara per aver carpito dal tabernacolo delle élite la voce del “superprofessore” Francesco Giavazzi: “Sarebbe migliore un mondo “scremato” (le virgolette sono mie) da chi non ce la fa a resistere a una pandemia?” “Sì, i costi della vecchiaia sono altissimi”. Domanda impeccabile, risposta sincera, che certifica come siamo ridotti.

Lo sostengo da anni che il CEO capitalismo e i suoi imperatori, principi, duchi, da questo punto di vista altro non sono che un’evoluzione digitale di certe leadership svedesi (anni 20), tedesche (anni 30), sovietiche. L’immenso Allan Bloom, dopo il Sessantotto disse “Il fascismo ha un futuro, o addirittura lo è”. Mai previsione fu più azzeccata.

A seconda di come gestiremo il “Virus Cinese” e le sue implicazioni economiche, noi italiani, decideremo il nostro destino e il nostro futuro. Per quel che vale (nulla), sono ottimista sugli aspetti medici e popolari, pessimista su quelli politico-economici, stante le leadership di maggioranza (e di minoranza) che ci ritroviamo, al contempo logore e incompetenti, persino vanitose.

 

Zafferano.news

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati