skip to Main Content

Il colosso francese del cemento Lafarge ha finanziato Daesh?

Lafarge

Il colosso francese del cemento Lafarge ha finanziato Daesh e ha costantemente informato i servizi di intelligence francesi sui suoi rapporti con l’organizzazione terroristica, secondo i documenti ottenuti dall’agenzia stampa turca Anadolu. L’articolo di Giuseppe Gagliano

Il colosso francese del cemento Lafarge ha finanziato Daesh e ha costantemente informato i servizi di intelligence francesi sui suoi rapporti con l’organizzazione terroristica, secondo i documenti ottenuti dall’agenzia stampa turca Anadolu.

I documenti appartenenti alle istituzioni francesi hanno rivelato che uno dei più grandi colossi mondiali del cemento, French Lafarge, ha costantemente informato i servizi di intelligence nazionali, esteri e militari francesi del suo rapporto con Daesh, e che il rapporto è a conoscenza dello Stato francese.

Si segnala inoltre nei documenti che l’azienda aveva rapporti commerciali con Daesh, che costruiva ripari con il proprio cemento, e si segnalava che Daesh si finanziava anche vendendo cemento Lafarge. Nei documenti appartenenti allo stato francese si evince che il rapporto tra la società Lafarge e il servizio di intelligence francese è iniziato con una e-mail inviata dal direttore della sicurezza della società Jean Claude Veillard a un indirizzo del Ministero degli Interni il 22 gennaio 2014.

Il funzionario della compagnia Veillard ha dichiarato nella sua e-mail che Lafarge è ancora attivo in Siria e ha bisogno di stabilire relazioni con “attori locali” per continuare il suo lavoro.
Il direttore della sicurezza ha chiesto al servizio di intelligence il rischio che avrebbero corso i loro dirigenti e il quartier generale, osservando che c’era stata una copertura stampa negativa su di loro.
Rispondendo a Lafarge, l’ufficiale dei servizi segreti lo informò che lo avrebbe incontrarti in una data da definire per discutere la situazione.

Dopo la scandalosa discussione sulle relazioni Lafarge-Terrorismo in Francia e la riflessione sulla questione in tribunale, l’ufficiale dei servizi segreti con il nome in codice AM 02 ha rilasciato una dichiarazione in tribunale il 18 novembre 2018.

Secondo la trascrizione, l’ufficiale ha ammesso che Lafarge era la sua fonte di informazioni in Siria.

L’ufficiale dei servizi segreti ha raccontato al giudice come i servizi segreti francesi abbiano approfittato della fabbrica Lafarge.

Nel verbale, l’ufficiale dell’intelligence non ha escluso Daesh, affermando che durante il periodo 2012-2014 Lafarge ha inviato cemento a tutti i gruppi armati in Siria (compreso il Fronte di Nusra). “Ci siamo avvicinati alla situazione in modo puramente opportunistico, approfittando del continuo lavoro di Lafarge”, ha detto l’agente dell’intelligence in tribunale.

I dettagli dell’invio di cemento a Daesh sono stati discussi nella corrispondenza tra il responsabile della sicurezza di Lafarge Veillard e l’intelligence del Ministero dell’Interno francese il 1 settembre 2014.

Dalla sua dichiarazione, è chiaro che lo stato francese era a conoscenza della relazione di Lafarge con l’organizzazione terroristica in quel momento.

È interessante notare che ci sono stati più di 30 incontri tra Lafarge e i servizi di intelligence nazionali, esteri e militari francesi solo tra il 2013 e il 2014. Veillard, il capo della sicurezza dell’azienda, ha testimoniato alla polizia il 30 novembre 2017, quando Lafarge è stato accusato di aver commesso crimini contro l’umanità finanziando organizzazioni terroristiche.

Secondo la trascrizione ottenuta da Anasolu, Veillard ha cercato di dimostrare di aver informato lo stato francese e le agenzie di intelligence di tutto ciò che aveva fatto durante la sua deposizione.
Gli allegati alla dichiarazione includevano documenti riguardanti le informazioni sull’intervista del responsabile della sicurezza Lafarge sul campo, le condizioni sviluppate sul campo e le sensazioni ricevute.
Si è capito che Veillard ha trasferito le informazioni sul campo sui conflitti e l’equilibrio militare tra i gruppi armati all’intelligence francese.
Su una delle note in questione è stata trovata una nota manoscritta da Veillard nell’ottobre 2013, “Inviata all’intelligence straniera francese (DGSE)“. Le notizie pubblicate in Francia nel 2016, hanno affermato che Lafarge ha finanziato l’organizzazione terroristica Daesh favorendo la guerra civile siriana.

Secondo la stampa francese, la società ha fornito materiali e carburante dall’organizzazione oltre a favorire a Daesh per continuare le sue attività nella regione siriana di Celebiye.
Mentre la società ha ammesso nel 2017 di aver effettuato pagamenti a gruppi armati sul suolo siriano per mantenere aperta la fabbrica, ha contestato le accuse di “partecipazione a crimini contro l’umanità”.

Otto dirigenti della società, sui quali è stata avviata un’indagine, sono stati accusati di finanziamento del terrorismo e collaborazione in crimini contro l’umanità.

L’accusa di “partecipazione a crimini contro l’umanità” intentata contro la società nel giugno 2018 è stata archiviata nel novembre 2019.
Le organizzazioni non governative che hanno reagito alla caduta dell’accusa hanno portato la questione alla Corte Suprema francese.
La Corte Suprema francese dovrebbe raggiungere a breve una decisione che aprirà o chiuderà la strada all’accusa di Lafarge di complicità in crimini contro l’umanità per il finanziamento di Daesh.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore