Mondo

I Gilet Gialli faranno nero Macron. I timori del gruppo francese Coface

di

Che cosa dice il rapporto annuale di Coface, la società francese che offre servizi di assicurazione dei crediti commerciali alle imprese private, su Macron, economia e Gilet Gialli

«In Francia il rischio più grande sono i gilet gialli: il movimento è aggressivo e continua a manifestare. Non sappiamo come il presidente Emmanuel Macron possa uscire da questa situazione che sta intaccando la fiducia dei consumatori e anche delle aziende. Se la fiducia non ritorna sarà la crescita a pagarne ulteriori conseguenze».

Lo ha detto ieri Bruno de Moura Fernandes, economista di Coface France, in occasione della XXIII Conferenza Rischio Paese, tenutasi a Parigi proprio nel giorno dello sciopero generale organizzato dal sindacato Cgt e che ha visto i gilet gialli sfilare insieme al sindacato tradizionale (finora i rapporti non erano stati certo cordiali).

IL RAPPORTO DI COFACE, MACRON E I GILET GIALLI

Secondo il rapporto annuale di Coface, la società francese che offre servizi di assicurazione dei crediti commerciali alle imprese private, per l’Unione europea e la sua economia, al momento, il rischio principale resta comunque la Brexit. Questo perché, ha spiegato Fernandes, «non possiamo ancora escludere una hard Brexit e dunque non possiamo ancora calcolare gli effetti sul mercato dell’uscita del Regno Unito dall’Ue».

LE PREVISIONI DI COFACE

Poiché i rischi spesso si concretizzano in occasione di elezioni, per Coface adesso è il momento di tenere sotto osservazione la Grecia e le possibili elezioni anticipate in Italia e Spagna. E sono proprio i rischi politici insieme alla volatilità del brent a pesare sul rallentamento dell’economia globale, che quest’anno crescerà del +3% a fronte del + 3,2% registrato nel 2018.

CHE COSA SUCCEDERA’ ALLA ZONA EURO

Sarà soprattutto la zona euro a frenare, con una crescita del pil limitata all’1,6%. Di conseguenza, sottolinea Coface si avrà un aumento delle insolvenze da parte delle imprese. Le previsioni presentate indicano per il 2019 un aumento dell’1,2% di mancati pagamenti delle imprese della zona euro in ben 20 Paesi europei e un +6,5% nell’Europa Centrale.

FOCUS SUL SETTORE AUTO

A risentire particolarmente del rallentamento dell’economia è il settore auto, in frenata per la prima volta dopo otto anni di crescita. L’esigenza di investimenti, la crescente concorrenza e i nuovi standard ambientali anti-inquinamento hanno portato Coface a declassare il settore auto in quasi tutti i Paesi dell’Europa Occidentale e Centro-orientale. Ancora vulnerabili i Paesi emergenti, che in questo contesto globale restano esposti all’effetto contagio tramite i flussi commerciali.

 

Articolo pubblicato su M/F Milano Finanza

APP Intesa Sanpaolo Mobile

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati