Mondo

Hong Kong, come la Russia si insinua fra Usa e Cina. Parla Jean

di

hong kong Cina

Gli scenari geopolitici correlati alle proteste anti Cina a Hong Kong analizzati dal generale Carlo Jean

I manifestanti ora chiedono la totale indipendenza dalla Cina. Potrà mai essere accolta una tale rivendicazione?

No, Pechino non lo permetterà mai. A un certo punto la Cina seguirà la classica strategia, vecchia di millenni, del tempo lungo: aspettare sulla riva del fiume il cadavere che passa. Prima o poi i manifestanti cederanno, la resilienza del sistema politico cinese è molto superiore a quella della popolazione di Hong Kong.

Nelle ultime ore il leader della maggioranza repubblicana al Senato americano ha chiesto al presidente Trump di sostenere pubblicamente i manifestanti. Lo farà?

È molto difficile che Trump possa assecondare una cosa del genere in un momento in cui sembra che Cina e Stati Uniti possano giungere a un accordo sulla guerra dei dazi. Di conseguenza non ha interesse a forzare la mano, a meno che ai senatori repubblicani si aggiungano anche quelli democratici. Allora, di fronte anche al rischio impeachment, Trump potrebbe essere disponibile a fare qualsiasi cosa.

In che senso?

Fare qualsiasi dichiarazione a livello internazionale, che però lascerà il tempo che trova.

La Cina non gradirebbe certo una interferenza americana, non crede?

La Cina non sarebbe contenta, ma non potrebbe farci nulla, se non cercare di minare la posizione degli Usa in qualche altra parte del mondo.

Ad esempio?

È difficile prevedere dove. Forse in America latina, dove la Cina ha preso posizione a favore dei partiti della rivoluzione boliviana e venezuelana, Chavez, Morales, Maduro.

Ma non è che sia potuta intervenire concretamente…

La Cina non può certo sfidare apertamente gli Usa. È molto più probabile che, pur nella sua posizione di debolezza, lo faccia Putin.

In che modo?

La sua mentalità si è formata sulla logica strategica del comunismo sovietico e dei grandi strateghi sovietici: colpire all’improvviso l’avversario, sfruttando ogni possibilità. Chi può trarre vantaggio dal contrasto fra Usa e Cina è la Russia, oggi sottoposta alla pressione economica cinese che continua a espandersi nell’ex impero zarista. E questo a Putin non fa piacere.

Che ruolo potrebbe svolgere Mosca?

Nella competizione fra Usa e Cina la posizione della Russia diventerebbe più importante e diversi paesi internazionali cercheranno il sostegno di Putin in cambio di qualche concessione economica.

(estratto di un’intervista pubblicata su Ilsussidiario.net)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati