Mondo

Guerra Usa-Cina da Covid-19, tutte le ultime novità

di

Usa-Cina

Mosse e contromosse di Usa e Cina nella guerra diplomatica per la pandemia di Covid-19. L’articolo di Giuseppe Gagliano

L’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump sta valutando la possibilità di espellere dal paese decine di diplomatici e giornalisti cinesi che si ritiene siano spie sotto copertura. Le espulsioni riguardano il conflitto tra Washington e Pechino, scoppiato nelle ultime settimane a seguito della pandemia di Covid-19.

All’inizio di questo mese, il governo cinese ha annunciato che avrebbe espulso 13 giornalisti americani da tre importanti quotidiani, il Wall Street Journal, il New York Times e il Washington Post. Pechino stabilì inoltre che tutte le organizzazioni di stampa americane che operavano in Cina dovevano fornire al governo informazioni dettagliate sulle loro attività finanziarie, sulla struttura dei dipendenti e su altre informazioni organizzative. I giornalisti hanno affermato di essere stati espulsi per aver cercato di riferire sullo stato della pandemia di Covid-19 all’interno della Cina.

Nello stesso periodo, il presidente Trump e membri della sua amministrazione, incluso il segretario di stato Mike Pompeo, iniziarono a riferirsi alla grave sindrome respiratoria acuta da coronavirus (SARS-CoV-2, noto come nuovo coronavirus) come “virus cinese” o “Il virus Wuhan”. Il termine si riferisce alla provincia cinese in cui si ritiene che il virus abbia avuto origine. Il presidente Trump afferma di aver deciso di usare il termine “virus cinese” in risposta a affermazioni non comprovate da parte di funzionari del governo di Pechino secondo cui il nuovo coronavirus sarebbe stato portato in Cina da membri dell’esercito americano.

Giovedì, il New York Times ha riferito che l’amministrazione Trump stava considerando di espellere dagli Stati Uniti un gran numero di cittadini cinesi che lavorano come diplomatici o giornalisti. In alcuni casi la Casa Bianca sta valutando la possibilità di chiudere gli uffici di alcuni media cinesi negli Stati Uniti. Secondo un certo numero di funzionari dell’amministrazione, molti giornalisti cinesi con sede negli Stati Uniti sono in realtà ufficiali dell’intelligence sotto copertura, che riferiscono regolarmente al Ministero della Sicurezza dello Stato, la principale agenzia di intelligence esterna della Cina. Alcuni di questi presunti funzionari dell’intelligence sotto copertura – noti nel mondo dell’intelligence come “copertura non ufficiale” – sono presumibilmente integrati all’interno della China Global Television Network, il braccio di lingua straniera della China Central Television (CCTV) di proprietà statale.

Il 2 marzo, l’amministrazione Trump ha imposto bruscamente determinate quote sul numero di cittadini stranieri autorizzati a lavorare per le organizzazioni dei media cinesi negli Stati Uniti. I gruppi di media cinesi hanno rispettato la nuova direttiva in modo tempestivo, richiamando oltre 60 membri del loro personale in Cina. Tuttavia, la Casa Bianca ora crede che un numero significativo di giornalisti cinesi – circa cento – che continuano a operare negli Stati Uniti siano ufficiali dell’intelligence sotto copertura.

Nel frattempo, il 25 marzo, il quotidiano cinese The Global Times in lingua inglese di proprietà del governo ha sollevato le sopracciglia ripetendo le accuse secondo cui il coronavirus sarebbe stato portato in Cina da un ciclista americano, che ha visitato Wuhan nell’ottobre dello scorso anno per competere nei Giochi del mondo militare.

La guerra diplomatica e mediatica continua fra Usa e Cina.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati