skip to Main Content

Perché l’incontro Biden-Putin non ferma la guerra cyber tra Usa e Russia

Stati Uniti Russia

Nonostante gli incontri politici, la guerra cyber sotterranea tra America e Russia non si ferma. Il corsivo di Giuseppe Gagliano

 

Contrariamente a quanto pensano gli spiriti eletti che affollano i talk show – ma più spesso le aule accademiche -, gli Stati non solo competono fra di loro per le risorse, ma si affrontano in vere e proprie guerre invisibili anche di natura informatica: si affrontano nella cosiddetta guerra cibernetica, che non deve certo rendere conto né alle Ong né all’Onu.

Non deve quindi sorprendere la dichiarazione del viceministro degli Affari Esteri della Federazione Russa, Sergey Ryabkov, che il 28 giugno ha sottolineato che Mosca, nell’ultimo periodo, ha inviato agli Stati Uniti più di 40 notifiche per sottolineare con forza l’esistenza di numerosi attacchi informatici ai danni della Russia.

Questa dichiarazione costituisce una ulteriore legittimazione di quella del segretario del Consiglio di Sicurezza della Federazione, Nikolai Patrushev, che ha dichiarato il 24 giugno che la Russia ha registrato oltre 120mila attacchi informatici che hanno preso di mira i sistemi di infrastrutture chiave per il Paese. Un numero considerevole di questi attacchi, secondo l’opinione del segretario, è riconducibile ad azioni offensive da parte degli Stati Uniti, della Germania e dei Paesi Bassi.

Superfluo sottolineare che la Russia ha a sua volta attuato offensive di carattere cibernetico e certamente eclatanti.

Sembra dunque che la discussione avuta tra Putin e Biden sulla sicurezza cibernetica nel corso del vertice atlantico del 16 giugno non abbia di fatto sortito alcun effetto significativo. È necessario infatti sottolineare che, al di là degli incontri di natura internazionale che avvengono regolarmente fra i leader politici, le guerre sotterranee – come quelle economiche o come quelle poste in essere dai servizi di sicurezza – avvenivano ieri, cioè durante la guerra fredda, ed avvengono oggi, dopo la caduta del muro di Berlino. Si vis pacem para bellum.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore