skip to Main Content

Grano e non solo, tutti gli effetti nefasti della guerra Russia-Ucraina per Libia, Libano, Egitto e non solo. Report

Fame

Prezzi di pane e altri alimenti base stanno schizzando in Paesi fortemente dipendenti dai cereali provenienti dall’Ucraina e dalla Russia. Fatti e scenari su Libia, Libano, Egitto, Siria, Yemen e non solo secondo un report di Human Rights Watch

L’invasione russa non solo mette a rischio le forniture energetiche e aggrava i prezzi delle bollette per famiglie e industria in Europa. Ucraina e Russia sono i granai del mondo. L’occidente già fa i conti con la scarsità di materie prime alimentari. Per Medio Oriente e Nord Africa il conflitto non fa che aggravare la povertà. Lo ha detto lo stesso Zelensky al Parlamento italiano: “Come possiamo seminare e avere una ricca raccolta se il nostro primo assillo è quello di difenderci dagli attacchi di artiglieria che non smettono mai? I prezzi cresceranno e le persone avranno bisogno di aiuto”. Lo documenta la Human Rights Watch in un report pubblicato il 21 marzo. Lo stop alle esportazioni sta esacerbando i prezzi alimentari già in aumento e aggravando la fame. Prezzi di pane e altri alimenti base stanno schizzando in Paesi fortemente dipendenti dai cereali provenienti dall’Ucraina e dalla Russia.

Ucraina ha (aveva) un terzo del suolo più fertile al mondo

L’area del Mar Nero colpita dalla crisi ucraina esporta almeno il 12 per cento delle calorie alimentari scambiate nel mondo. L’ Ucraina ha un terzo del suolo più fertile al mondo secondo l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao) e il 45% delle sue esportazioni sono legate all’agricoltura. È tra i principali esportatori mondiali di olio di girasole, colza e orzo, mais, grano e pollame. Gran parte della produzione di grano del Paese proviene dalle zone dell’Ucraina orientale. Il 9 marzo, Kiev ha vietato le esportazioni di grano e altri prodotti alimentari per prevenire una crisi interna.  Intanto gli agricoltori stanno abbandonando i campi. Il conflitto sta distruggendo infrastrutture e attrezzature. Il prossimo raccolto è a rischio.

Prezzi alle stelle di prodotti base

I prezzi dei generi alimentari essenziali stavano già aumentando a livello globale a causa della pandemia per le interruzioni nella catena di approvvigionamento alimentare. E il conflitto si è aggiunto ad aggravare i problemi. Molti paesi del Medio Oriente e del Nord Africa dipendono particolarmente dal grano e dall’olio di semi ucraini e sono vulnerabili agli shock dei prezzi alimentari. Secondo il sito web della dogana del governo libanese, circa l’80% del grano importato dal Libano nel 2020, l’ultimo anno per il quale sono disponibili dati, proveniva dall’Ucraina. Il pane e altri prodotti a base di cereali costituiscono il 35% dell’apporto calorico della popolazione. L’Egitto importa oltre la metà del suo olio di girasole dall’Ucraina e il governo aveva già ridotto del 20% i sussidi per l’olio di girasole e di soia nel giugno 2021 in risposta a un aumento dei prezzi. Le esportazioni di mais dall’Ucraina verso alcuni paesi europei e asiatici vengono utilizzate per l’alimentazione animale e le interruzioni possono avere un impatto secondario sul pollame e sui suini.

Blocco russo ai fertilizzanti

Inoltre, la Russia è il più grande fornitore mondiale di grano e uno dei maggiori produttori di fertilizzanti e la crisi potrebbe anche interrompere questa fornitura. L’Egitto, il più grande importatore mondiale di grano , è particolarmente vulnerabile poiché metà delle sue importazioni proviene dalla Russia e un altro 30% dall’Ucraina. Il 4 marzo, il ministro del Commercio e dell’Industria russo ha raccomandato di fermare le esportazioni di fertilizzanti in risposta alle sanzioni economiche. Anche i paesi che non dipendono dall’Ucraina o dalla Russia per le importazioni agricole potrebbero comunque vedere un aumento dei prezzi dei generi alimentari, ad esempio a causa di un aumento dei prezzi del carburante che incide sui costi di trasporto degli alimenti.

10 milioni di affamati in più in un anno

I prezzi alimentari globali sono aumentati di oltre il 30% nell’ultimo anno a causa della pandemia. La crisi ucraina ha ulteriormente spinto i prezzi a raggiungere il livello più alto dal 1974, quando si adeguava all’inflazione, secondo la FAO. Quasi una persona su tre in Medio Oriente e Nord Africa non ha avuto accesso a un’alimentazione adeguata nel 2020; un aumento di 10 milioni di persone in un solo anno.

Yemen, Libano e Siria i paesi più critici

Secondo Human Rights Watch, “molti paesi del Medio Oriente e del Nord Africa hanno sistemi di protezione sociale gravemente inadeguati che non tutelano i diritti economici delle persone, per aiutare far fronte all’aumento dei prezzi”. Particolarmente a rischio sono paesi già alle prese con crisi e diffusa insicurezza alimentare come Yemen, Libano e Siria.

“Le sanzioni alla Russia rischiano di aggravare la crisi alimentare”

Human Rights Watch sottolinea che “i paesi esportatori di prodotti alimentari dovrebbero soddisfare le loro esigenze nazionali, ma dovrebbero anche collaborare con i paesi dipendenti dalle importazioni per stabilire catene di approvvigionamento alternative”. Ma attenzione a calibrare: “Le sanzioni alla Russia o il disinvestimento di società dal paese dovrebbero tenere conto dell’impatto sulle esportazioni legate all’agricoltura nella misura in cui ciò avrà un impatto sulla sicurezza alimentare per molte popolazioni”. Human Rights Watch auspica che “i governi e le istituzioni internazionali aumentino l’assistenza umanitaria ai paesi che non dispongono di risorse adeguate per fornire alle persone il supporto di cui hanno bisogno per proteggere il loro diritto al cibo”.

Che accade in Libano

L’impatto del potenziale aumento dei prezzi dei generi alimentari si farà sentire in modo acuto in Libano. Nel 2020, circa l’80% delle importazioni totali di grano del Libano proveniva dall’Ucraina e un altro 15% dalla Russia, secondo i dati della dogana libanese. Il 25 febbraio, il ministro dell’Economia ha affermato che il Libano ha riserve di grano sufficienti per un solo mese. Più dell’80 per cento della popolazione è sprofondata nella povertà. La guerra aggrava ulteriormente la sofferenza. Il 14 marzo il governo ha avviato trasferimenti di denaro a 150.000 famiglie estremamente povere nell’ambito di un programma finanziato dalla Banca mondiale. Attualmente, la Banca Centrale sovvenziona l’acquisto di grano da parte di importatori privati, al costo di 20 milioni di dollari al mese, per abbassare il prezzo del pane ai consumatori. Ma la Banca centrale non ha la capacità di pagare prezzi più alti. Il timore è che il Libano possa continuare a sovvenzionare il grano per mantenere gli stessi prezzi per i consumatori e l’offerta nel mezzo della crisi. Il Libano inizierà a razionare il grano. Il governo sta tentando di importare grano da Canada, Australia e Stati Uniti. Il 13 marzo, la Turchia ha annunciato che donerà al Libano oltre 500.000 tonnellate di aiuti alimentari.

Che accade in Libia

La Libia dipende dall’Ucraina per oltre il 40% delle sue importazioni di grano. Entro la prima settimana dall’invasione il prezzo del grano e della farina è salito alle stelle mentre i commercianti attenti alle interruzioni dell’approvvigionamento hanno aumentato i prezzi fino al 30%. Secondo il Programma alimentare mondiale (WFP), prima della crisi dei mercati alimentari internazionali a causa del conflitto ucraino, il 12 per cento dei libici – ovvero 511.000 persone – avrà bisogno di assistenza nel 2022. Secondo l’Organizzazione internazionale delle Nazioni Unite per le migrazioni, i migranti sono 635.051, richiedenti asilo e rifugiati in Libia, un quarto dei quali è considerato moderatamente o gravemente insicuro nell’approvvigionamento alimentare.

Che accade in Egitto

L’Egitto fa molto affidamento sulle importazioni sovvenzionate per garantire un accesso accessibile al pane e all’olio vegetale, con oltre 70 milioni di egiziani che fanno affidamento sul pane sovvenzionato. L’ Egitto è anche il più grande acquirente mondiale di grano e il più grande importatore di grano sia dalla Russia che dall’Ucraina. Nel 2021, circa l’80% delle importazioni di grano dell’Egitto proveniva da Russia e Ucraina. L’ attuale scorta di grano è sufficiente per quattro mesi. A metà aprile verrà raccolta la produzione locale, estendendo le scorte a circa nove mesi. Il governo ha affermato che può garantire il grano da fonti alternative e quindi molto probabilmente eviterà un’immediata carenza di forniture di grano, ma l’impatto diretto potrebbe essere un forte aumento dei prezzi. Sarebbero necessari sussidi per mantenere il costo per la popolazione, in un momento in cui il governo stava già cercando di tagliare i sussidi per il pane. Nell’agosto 2021, il presidente Abdel Fattah el-Sisi ha dichiarato che i 3 miliardi di dollari annuali di sussidi per il pane sarebbero stati rimossi, sebbene i dettagli di questo piano non siano ancora stati formalmente annunciati. Il governo egiziano aveva già ridotto del 20% i sussidi per l’olio di semi di girasole e di soia e del 23,5% l’olio vegetale non miscelato, a luglio 2021. Il prezzo del pane sovvenzionato è rimasto a 5 piastre (0,003 dollari) a pagnotta dagli anni ’80. I sussidi per il pane sono politicamente sensibili sin dalle rivolte del pane del 1977.

Che accade in Siria

La Siria ha già una grave carenza di grano a causa di una crisi economica debilitante e della distruzione delle infrastrutture per un decennio di conflitto armato.  Il governo siriano si affida principalmente alla Russia per colmare il deficit nell’importazione di grano. Nel dicembre 2021, il governo ha raggiunto un accordo con la Russia per importare 1 milione di tonnellate di grano nel 2022, finanziato da un prestito russo. Secondo il World Food Programme, 13,4 milioni di persone in Siria sono insicure dal punto di vista alimentare. Nel dicembre 2021, l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura ha stimato che la produzione di grano siriana nel 2021 era di circa 1,6 milioni di tonnellate rispetto al fabbisogno previsto, in parte a causa della grave siccità. È probabile che il conflitto Ucraina-Russia aggraverà l’attuale crisi, soprattutto perché l’accordo tra Russia e Siria per l’importazione di grano è stato sospeso. Il 24 febbraio, il governo siriano ha emesso misure per mitigare le ramificazioni economiche del conflitto in Siria, come l’aumento del prezzo del carburante e la carenza di generi alimentari essenziali e altri beni di prima necessità. Ad esempio, le autorità hanno adottato misure per razionare le riserve di generi alimentari, compreso il grano, e di carburante. Si sono anche impegnati a dare la priorità al finanziamento delle importazioni di grano. Le autorità della Siria nordoccidentale forniscono alla regione grano e farina acquistati attraverso la Turchia, ma la Turchia importa il 90 per cento del suo grano dall’Ucraina.

Yemen, togliere il cibo agli affamati per nutrire chi sta morendo

“Non abbiamo altra scelta che togliere il cibo agli affamati per nutrire chi sta morendo”. Qualche settimana fa al Consiglio di Sicurezza dell’Onu le parole di David Beasley, direttore esecutivo del World Food Programme, hanno tentato di ricordare alla comunità internazionale che in Yemen si muore ancora di fame. A causa del conflitto in corso, lo Yemen rimane una delle peggiori crisi umanitarie del mondo. Più della metà della popolazione si trova ad affrontare l’insicurezza alimentare e molti devono affrontare persistenti e gravi carenze di carburante. È probabile che la guerra in Ucraina peggiori l’insicurezza alimentare poiché il paese importa almeno il 27% del suo grano dall’Ucraina e l’8% dalla Russia . I prezzi dei generi alimentari alle stelle negli ultimi anni hanno lasciato più della metà della popolazione bisognosa di assistenza, mentre il forte deprezzamento del rial yemenita ha reso più cari il cibo importato, il petrolio e altri beni di prima necessità e ha ridotto drasticamente il potere d’acquisto delle famiglie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore