skip to Main Content

Contro chi si abbatterà ora il metodo Draghi?

Draghi

Che cosa insegnano i casi di Bruno Tabacci e Renato Farina anche a Matteo Salvini. L’intervento di Marco Mayer, docente al Master Cybersecurity Luiss

 

Matteo Salvini – nonostante i suoi quotidiani attestati di stima per il presidente del Consiglio – non sembra aver colto la vera missione che in termini di cultura politica ispira l’azione del governo Draghi, missione su cui ancora non si sono accesi i riflettori dei media.

A mio avviso, i primi sei mesi di governo e la comunicazione politica di Draghi hanno trasmesso in estrema sintesi il seguente messaggio.

La rinascita economica dell’Italia e il ripristino della fiducia tra cittadini e istituzioni richiedono un processo di moralizzazione della vita pubblica con l’obiettivo di una graduale, ma profonda, correzione dei comportamenti dei governanti, dei partiti politici e dei loro leader.

L’esperienza ha dimostrato che giustizialismo e populismo sono ideologie miopi che non portano da nessuna parte. In politica – questo il messaggio trasmesso da Draghi – serve, invece, un realismo pragmatico fondato su solide basi etiche.

Per decenni i giustizialisti “alla Travaglio” hanno pensato di delegare l’esigenza di una nuova etica pubblica ad una parte della magistratura inquirente (e al circuito mediatico ad essa collegato).

Non è così. Il rinnovamento della politica e dell’etica pubblica, per essere efficace e duraturo, deve coinvolgere direttamente i politici, i partiti, gli organismi di rappresentanza, le parti sociali, la cittadinanza attiva.

Il clientelismo è un vizio innegabile nel nostro paese; la corruzione dei costumi è un fenomeno da combattere, ma deve essere tenuto distinta dalla corruzione intesa come fattispecie di reato da perseguire penalmente.

Confondere i piani significa tornare alla logica dello stato etico. È peraltro un pericolo che non si trova solo nelle esternazioni di Grillo, Di Battista o Marco Travaglio.

Il ritorno allo stato etico caratterizza anche il populismo alla Orban, in antitesi alla cultura liberale a cui Matteo Salvini e Giorgia Meloni dichiarano di volersi ispirare.

Giustizialismo e populismo costituiscono gli “opposti estremismi” di oggi.

La novità del governo Draghi (e della riforma Cartabia che Giuseppe Conte ha già iniziato a picconare) è che la strada maestra per superare gli antichi vizi dell’Italia non passa dai circuiti giudiziari, ma da un cambiamento autentico dei comportamenti politici e da riforme vere.

Due personalita’ di grande esperienza come Bruno Tabacci e Renato Brunetta – a differenza di Matteo Salvini – hanno capito il nuovo clima politico innescato da Draghi e dalla novità del suo governo.

La rinuncia alle deleghe di Tabacci e la rinuncia alla collaborazione da parte di Renato Farina (ex agente Betulla) per non mettere in difficoltà il Ministro Brunetta sono decisioni emblematiche a questo proposito.

Queste sagge decisioni dovrebbero rappresentare, a mio avviso, un monito per Matteo Salvini, monito che a quanto pare continua, invece, ad ignorare di fronte al caso Durigon.

Per me è inammissibile che un esponente del governo (e per giunta sottosegretario all’ Economia) pronunci parole fortemente lesive del Corpo della Guardia di Finanza.

È evidente che un sottosegretario all’ Economia che dice: “Il Generale della GdF che indaga sui fondi della Lega lo abbiamo messo noi” dovrebbe aver da tempo pronunciato solenni parole di scusa o ancor meglio essersi dimesso dal suo incarico.

Come se non bastassero le esternazioni sulla GdF Durigon ne ha pensata una altra delle sue.

Vuole cancellare i nomi di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino del parco di Latina per intitolarlo al fratello di Benito Musssolini.

La proposta è un’offesa alla memoria di due grandi italiani protagonisti della lotta contro la mafia a livello nazionale e internazionale.

Il 3 ottobre si avvicina e quello di Durigon è forse un tentativo maldestro di far concorrenza alla Meloni e cercare consensi alla Lega nelle più estreme fasce della destra laziale e tra i nostalgici del fascismo.

È lecito chiedersi se Durigon stia svolgendo il suo incarico con disciplina e onore come prescrive l’articolo 54 della Costituzione, ma è un interrogativo che per primo dovrebbe porsi lui.

La vera domanda è un’ altra. Perché Matteo Salvini non gli ha ancora chiesto di dimettersi?

Le dichiarazioni di Durigon sulla Guardia di Finanza e il suo progetto di cancellare I nomi di Falcone e Borsellino dal parco di Latina contrastano con i valori e la nuova etica pubblica che il governo Draghi cerca faticosamente di affermare.

Anche in vista delle elezioni del 3 ottobre il caso Durigon potrebbe trasformarsi in un boomerang per la Lega.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore