skip to Main Content
ads

Gli Usa a caccia di spie di Pechino a New York

Shujun Wang

Shujun Wang, co-fondatore di un’organizzazione di New York considerata critica nei confronti del regime cinese, è stato incriminato dal tribunale di Brooklyn per aver usato il suo status sociale per cospirazione. L’articolo di Giuseppe Gagliano

 

Shujun Wang, nato in Cina e naturalizzato americano, è accusato di fornire a Pechino, attraverso quattro agenti del Ministero della Sicurezza di Stato cinese (MSS), informazioni su oppositori e difensori della democrazia e dei diritti umani a Hong Kong, Taiwan, per gli uiguri e il Tibet, secondo una dichiarazione dei pubblici ministeri federali di Brooklyn, Breon Peace e Matthew Olsen.

Co-fondatore di un’organizzazione di New York considerata critica nei confronti del regime cinese, Shujun Wang è sospettato di aver usato il suo status sociale per raccogliere informazioni sugli attivisti pro-democrazia negli Stati Uniti, che ha poi consegnato tramite messaggi crittografati ed e-mail a quattro agenti di Pechino.

Questi quattro funzionari cinesi sono stati anche accusati di spionaggio in loro assenza e sono Feng He, Jie Ji, Ming Li e Keqing Lu, secondo la giustizia americana.

I pubblici ministeri hanno sottolineato di aver “scoperto e contrastato un’operazione della Repubblica popolare cinese (RPC) che minaccia la sicurezza e la libertà dei cittadini cinesi residenti negli Stati Uniti a causa delle loro convinzioni pro-democrazia”. Wang rischia fino a 20 anni di carcere ed è stato arrestato.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore