Mondo

Perché la Francia si preoccupa per la seconda ondata di Covid

di

Francia

Fatti, numeri e commenti nell’approfondimento del quotidiano Le Monde su Covid in Francia

Come riporta Le Monde, l’incidenza supera ora la soglia di allarme in 19 dipartimenti e il tasso di positività continua ad aumentare. Medici e specialisti chiedono “consapevolezza”.

Le vacanze sono davvero finite. I francesi sono tornati nelle grandi città e, dopo settimane di poco traffico, il virus si sta facendo strada. Un segnale di avvertimento dopo l’altro si accende. L’incidenza di Covid-19 supera ormai la soglia di allerta – 50 casi ogni 100.000 abitanti – in diciannove dipartimenti e il tasso di positività (percentuale del numero di persone positive divisa per il numero di persone testate, negli ultimi sette giorni) continua ad aumentare: ha raggiunto il 4,9% domenica 6 settembre, contro il 4,3% a metà della settimana.

Nel suo aggiornamento domenicale, l’Agenzia francese per la sicurezza sanitaria pubblica (SPF) ha notato un aumento “esponenziale” della circolazione del virus e una dinamica di trasmissione “preoccupante”. Sette nuovi dipartimenti sono nella zona rossa, portando il totale a ventotto. “Il numero di casi alla settimana è attualmente in crescita del 30% e il numero di ricoveri ospedalieri del 15%. Se continuiamo con questo ritmo, a dicembre raggiungeremo una situazione critica in diverse regioni della Francia”, ha avvertito domenica l’epidemiologo Arnaud Fontanet su LCI.

Una settimana dopo l’inizio dell’anno scolastico, questi messaggi di preoccupazione contrastano con quelli inviati ai francesi in alcune regioni dove il virus circola maggiormente. Mercoledì 2 settembre, il presidente del consiglio regionale dell’Ile-de-France, Valérie Pécresse, ha invitato i dipendenti a tornare in ufficio, nonostante le linee della metropolitana fossero già affollate nell’ora di punta. Sabato 5 settembre anche il prefetto delle Bouches-du-Rhône, Christophe Mirmand, ha sorpreso autorizzando l’apertura di bar e ristoranti fino a mezzanotte e mezza, appena dieci giorni dopo aver imposto il coprifuoco alle 23.

Anche la quarantena, questo periodo di isolamento di due settimane raccomandato ai casi positivi per limitare la trasmissione di Covid-19, potrebbe essere abbreviato a sette giorni. La decisione non è stata presa, ma il ministro della Sanità, Olivier Veran, ha detto questo fine settimana di aver chiesto un “parere” agli scienziati.

LE PREOCCUPAZIONI DEGLI OPERATORI OSPEDALIERI

“Sappiamo di più sul virus, e i dati mostrano che la maggior parte della trasmissione avviene entro i primi cinque giorni dall’infezione”, dice Yazdan Yazdanpanah, specialista in malattie infettive del Ospedale Bichat e membro del Consiglio Scientifico, sottolineando che un periodo di quarantena più breve lo renderebbe più “accettabile”. “Dobbiamo anche pensare alle persone, alla vita e all’economia del Paese”, ha detto. Dall’altro lato del pendolo, indossare una maschera all’esterno è diventata la regola in tutte le principali città francesi.

Il test su scala reale continua quindi per le autorità, che non hanno molta visibilità sull’impatto delle misure adottate. “Dovrebbero permetterci di iniziare ad osservare una diminuzione dell’aumento dei nuovi casi. Questo è ciò che spero”, ha detto Olivier Véran sabato 5 settembre su BFM-TV, riconoscendo che potrebbe esserci “un aumento – non massiccio – del numero di casi gravi in terapia intensiva entro le prossime due settimane”.
Sul campo, il personale dell’ospedale ammette di essere più preoccupato. Domenica, nella Bouches-du-Rhône, 67 pazienti sono stati ricoverati in terapia intensiva, contro i 30 della settimana precedente. “Più di due terzi di questi pazienti provengono da Marsiglia, dove la situazione è di gran lunga più preoccupante”, avverte il professor Laurent Papazian, responsabile della terapia intensiva dell’ospedale Nord e coordinatore della rete dipartimentale dei servizi di terapia intensiva. “Ognuno deve restare al suo posto e non devo giudicare le misure adottate dalle autorità, ma vorrei che la gente ascoltasse quando avverto della diffusione del virus, e che le autorità ne tenessero conto”, insiste il medico, che teme l’arrivo di una seconda ondata di Covid-19 a Marsiglia.

Questo fine settimana, 300 pazienti sono stati ricoverati nelle Bouches-du-Rhône a causa del coronavirus – quasi 4.700 in tutta la Francia. Stanno già mobilitando quasi il 20% dei 300 letti di rianimazione attualmente disponibili nel reparto e solo poche decine di posti aggiuntivi sono disponibili.

“L’INTERVENTO DEL GOVERNO STA PER CAMBIARE”

“C’è stata un’eccessiva attività nell’ospedale per compensare i ritardi negli interventi dovuti al contenimento”, spiega il Professor Papazian. Sta avendo un impatto sulle unità di terapia intensiva, che sono difficili da scalare, anche a causa del burnout del personale e del conseguente assenteismo. “Se l’epidemia continua con lo stesso ritmo, può essere necessario il trasferimento del paziente in altre aree”.

Molti medici concordano con il professor Papazian sul fatto che l’attuale ondata di casi è una conseguenza della “lassista vigilanza contro il virus durante il mese di agosto in città” e invitano alla sensibilizzazione. Sul suo account Twitter, Dominique Rossi, presidente della commissione medica dell’Assistance Publique-Hôpitaux de Marseille (AP-HM), ha lanciato un appello alla mobilitazione dei marsigliesi: “Abbiamo bisogno di voi per contenere l’onda. »

“L’atteggiamento del governo sta per cambiare. Occorrerebbe essere più attenti”, afferma François-René Pruvot, presidente della conferenza di Lille dei presidenti della comunità medica degli istituti del CHU, le strutture che rappresentano i medici ospedalieri.

Dopo aver scambiato informazioni con diversi suoi omologhi, ritiene che “negli ultimi giorni la situazione stia cambiando”. “Ci siamo un po’ cullati all’idea di un piccolo focolaio epidemico in autunno. Ma è ovvio che le grandi città saranno colpite, non lo fermeremo. Siamo tutti una settimana indietro rispetto a Marsiglia. Temo che quello che ci aspettavamo per ottobre accadrà prima”, dice.

“NON DOBBIAMO RESTARE AD OSSERVARE”

A Bordeaux, i reparti di malattie infettive e di rianimazione, rimasti vuoti durante la prima ondata di Covid-19, sono già pronti ad accogliere un gran numero di pazienti, con quattro possibili scenari a seconda dell’afflusso di pazienti con forme gravi.

“Non ci occupiamo di prevedere, ma di anticipare”, sottolinea Denis Malvy, specialista in malattie infettive presso l’ospedale universitario di Bordeaux e membro del comitato scientifico consultivo. Secondo lui, la situazione non è paragonabile a quella di marzo: la Gironda, ora classificata come zona rossa, è stata risparmiata dalla prima ondata.

“C’è un consenso all’autoconfinamento da parte di chi è a rischio”, spiega. I ricoverati sono molto più giovani di prima, ma attenzione, “non c’è una linea di demarcazione tra queste popolazioni”, avverte il medico, che è anche preoccupato per il possibile impatto del cambio di stagione sulla circolazione del virus.

Se sabato Olivier Véran ha promesso che “entro due, tre settimane al massimo, l’accesso ai test sarà facilitato”, l’ospedale ha già rivisto la sua politica di test al fine di dare priorità ai pazienti e agli operatori sanitari senza indugio. “Non siamo più in grado di spazzare via tutto ciò che il governo liberale non può fare. Il reparto di virologia è già al lavoro 24 ore su 24. Se arriva una seconda ondata, non dobbiamo restare ad osservare”, insiste il medico.

L’impatto delle varie misure adottate dovrebbe essere visibile entro quattro o sei settimane, così come l’effetto dell’inizio del nuovo anno scolastico e l’arrivo dei primi virus stagionali.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati