skip to Main Content

Il bazooka fiscale di Macron in Francia visto dal Financial Times

Macron Idrogeno

I punti del piano di rilancio annunciato dal governo in Francia

Dopo il “ka-boom” della Germania, tocca alla Francia lanciare il grande bazooka fiscale – scrive il FT.

Jean Castex, il nuovo premier francese, presenterà giovedì un piano di stimolo economico del valore di 100 miliardi di euro, pari al 4% del prodotto interno lordo in due anni. Si tratta, dicono i funzionari francesi, del più grande programma di stimolo di qualsiasi altro grande paese europeo misurato sulla produzione nazionale, a parte le misure di sostegno d’emergenza di questa primavera che includevano ampie garanzie sui prestiti.

COSA PREVEDE IL PIANO FRANCESE

E’ anche il primo ad essere annunciato da una grande economia da quando i leader dell’UE hanno concordato un fondo di recupero di 750 miliardi di euro in occasione di una maratona di vertice a luglio. La Francia conta di utilizzare la sua quota del fondo – che dovrebbe essere di circa 40 miliardi di euro – per coprire gran parte della sua legge di stimolo e ha modellato il pacchetto di conseguenza. Il denaro sarà utilizzato per migliorare la competitività delle imprese, accelerare la transizione ecologica e contribuire alla riqualificazione dei giovani e di coloro che hanno perso il lavoro a causa della crisi pandemica.

Il piano di stimolo della Germania a giugno ha segnato l’improbabile conversione del Paese dall’ordoliberalismo alla politica anticiclica keynesiana, con un taglio temporaneo all’imposta sul valore aggiunto e pagamenti diretti alle famiglie per stimolare la domanda dei consumatori. Il pacchetto di stimolo della Francia, invece, è finalizzato al potenziamento dell’offerta. Non sono previsti tagli fiscali per i consumatori. Ciò è dovuto al fatto che durante la pandemia le famiglie francesi hanno subito un calo minore dei loro redditi familiari rispetto a quelli di altre parti dell’OCSE, grazie a un generoso e diffuso sistema di sussidi al lavoro.

Il fulcro del piano della Francia è un taglio delle imposte di 20 miliardi di euro in due anni per le imprese francesi, in particolare quelle manifatturiere. Le imprese francesi pagano pesanti imposte sulle società, IVA e oneri sociali. Inoltre, pagano imposte sui costi di produzione – in parte calcolate in base al valore aggiunto – che superano di gran lunga quelle pagate in altri paesi europei. Secondo un rapporto di Philippe Martin, capo del consiglio dei consulenti economici del primo ministro, e di Hélène Paris, le imprese francesi pagano imposte di produzione del 3,7 per cento del valore aggiunto, cinque volte superiori a quelle tedesche, danneggiando la loro competitività.

GLI OBIETTIVI DI MACRON

Il presidente Emmanuel Macron ha voluto a lungo alleggerire il carico fiscale delle imprese francesi nella speranza di stimolare gli investimenti e la creazione di posti di lavoro. La pandemia gli ha dato la possibilità di farlo facendo saltare le regole fiscali dell’UE. Nonostante le polemiche e le proteste dei gilet jaunes per le sue riforme fiscali, del lavoro e del welfare, Macron si attiene a un’agenda di competitività sul lato dell’offerta. Ora è avvolto nella retorica della protezione e del rilancio nazionale, o del portare a casa la produzione.

E comporterà anche una politica industriale più attivista. La settimana scorsa il presidente ha nominato François Bayrou, il leader e alleato centrista veterano, a capo del Commissariat du Plan, un’agenzia di pianificazione che ha aiutato l’ingegneria del rilancio industriale francese del dopoguerra.

Un’iniezione fiscale di 100 miliardi di euro dovrebbe contribuire a stimolare la crescita mentre aumenta la disoccupazione e cala la produzione, anche se molto dipenderà dalla rapidità di attuazione dei programmi e dall’erogazione dei fondi. A 20 mesi dall’elezione presidenziale, Macron conta anche su questo per dare un tocco di novità agli elettori come leader moderno che trascende la tradizionale classificazione destra-sinistra. La competitività e la reindustrializzazione faranno appello alla destra. Un terzo del pacchetto di stimolo dovrebbe andare all’efficienza energetica e alle tecnologie a basse emissioni di carbonio, che piacerà agli elettori verdi (e a Bruxelles). Miliardi di euro saranno anche versati in apprendistati, programmi di formazione e sussidi per l’assunzione di giovani e programmi di riqualificazione per i disoccupati, sottolineando l’impegno di Macron per la coesione sociale. La Francia sta anche estendendo il suo regime di sussidi per l’esodo dal coronavirus, ma concentrandolo su attività ancora vincolate da esigenze di distanziamento sociale, come l’intrattenimento e l’ospitalità, che potrebbero contribuire ad evitare i cosiddetti posti di lavoro zombie in altri settori.

Il governo francese spera che il suo stimolo possa riportare entro il 2022 la produzione nazionale ai livelli di fine 2019, dopo la prevista contrazione dell’11% di quest’anno, uno dei peggiori crolli dell’eurozona. Macron conta su di esso per il suo ritorno all’Eliseo per un secondo mandato.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore