Advertisement
skip to Main Content

Cosa (non) fa Facebook contro la manipolazione dell’opinione pubblica

Facebook

Facebook previene la manipolazione dell’opinione pubblica nei paesi in via di sviluppo? Il punto di Giuseppe Gagliano

 

Frances Haugen non è l’unica ex dipendente di Facebook ad aver lanciato l’allarme sulle pratiche del colosso dei social network.

Un’ex analista di dati, Sophie Zhang, ha denunciato questa primavera la mancanza di risorse stanziate da Facebook per prevenire la manipolazione dell’opinione pubblica nei paesi in via di sviluppo. “Ho le mani sporche di sangue”, ha scritto sulla intranet del gruppo americano. Ma il grido di allarme di Sophie Zhang non aveva ricevuto l’eco sperata.

Ma tutto ciò potrebbe cambiare. A seguito delle rivelazioni di Frances Haugen, interrogata la scorsa settimana dal Senato Usa, Sophie Zhang sarà ascoltata lunedì, in videoconferenza, dal parlamento britannico. “Sarà interrogata sul suo lavoro come data analyst per l’unità Integrity and False Commitments, dove ha dovuto fare i conti con falsi conti spesso gestiti da agenzie per conto dei governi. Queste reti cercano di diffondere disinformazione e interferire con la vita politica di altri paesi “, ha detto al Washington Post il deputato britannico Damian Collins. “Vogliamo capire cosa stanno facendo le piattaforme e cosa potrebbe essere migliorato”.

Il 25 ottobre il parlamento britannico ascolterà anche Frances Haugen. Sarà poi ricevuto dal Parlamento Europeo l’8 novembre.

Sophie Zhang ha lasciato Facebook nel settembre 2020. “Ufficialmente, sono un’analista junior che è stata licenziata a causa delle sue scarse prestazioni. Infatti, durante i due anni e mezzo trascorsi su Facebook, ho scoperto molteplici tentativi da parte di governi stranieri di abusare della nostra piattaforma per ingannare i propri cittadini”.

La giovane donna ha deplorato il disinteresse della sua gerarchia per le operazioni di manipolazione o vessazione degli oppositori politici avvenute in Honduras, Bolivia, Ecuador, Ucraina o Azerbaigian. Al contrario, il Nord America e l’Europa occidentale sarebbero mercati considerati prioritari dal gruppo.

Il lungo post di Sophie Zhang (7.800 parole) è stato rapidamente cancellato dall’intranet di Facebook. L’analista ne aveva fatto una copia su un sito web accessibile con password. Questo sito è stato cancellato dal suo host dopo un reclamo da parte di Facebook. Sei mesi dopo, l’informatore ha parlato ufficialmente sul Guardian, fornendo documenti giustificativi. Ma le sue rivelazioni non avevano fatto molto rumore.

Sophie Zhang ha annunciato all’inizio di questa settimana di essere pronta a testimoniare davanti al Congresso, seguendo Frances Haugen. Ha anche consegnato i documenti interni di Facebook alle autorità statunitensi. Il social si difende affermando “di aver cancellato dal 2017 più di 150 reti che cercavano di manipolare il dibattito pubblico. Provengono da oltre 50 paesi e la maggior parte dei casi si è verificata al di fuori degli Stati Uniti”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore