skip to Main Content

I ceffoni di Enrico Mentana a Gruber, Floris, Formigli, Porro, Ansa, Agi, giornali e tg. E Cairo?…

Non solo le sberle di Enrico Mentana nelle pillole di rassegna stampa

 

ENRICO MENTANA CONTRO TUTTI, PURE CONTRO LA 7 DI URBANO CAIRO

OPEN DI MENTANA PIZZICA CAIRO SUL CASO BAIARDO-GILETTI…

BENVENUTI NELLA RAI

 

I NUMERI DI VINITALY

 

IL SOLE ILLUMINA ROMANA LIUZZO

 

BANKITALIA TRANQUILLA SUGLI HOUTHI

 

CARTOLINA DA AVELLINO

 

GIORNALISMI

+++

ESTRATTO DI UN ARTICOLO DEL SOLE 24 ORE SULLA RAI:

Se tutto dovesse andare per il verso giusto, senza intoppi, il prossimo board potrebbe arrivare all’ufficialità in una finestra compresa fra il 18 e il 20 maggio. Certo, si dovrebbe correre. Intanto quello approvato ieri in cda è un bilancio «in pareggio e con un indebitamento netto pari a 568 milioni di euro, in miglioramento rispetto all’anno precedente e comunque attestato su livelli di sostenibilità. L’indebitamento netto medio del 2023 è stato di 328 milioni di euro», si legge nel comunicato Rai. I ricavi totali del gruppo si sono attestati a 2,736 miliardi con 1,839 miliardi di entrate da canone diminuite di 25,2 milioni rispetto all’anno precedente. Una diminuzione «determinata per lo più dal sensibile incremento della morosità sulle bollette elettriche correlata alla complessità del contesto socioeconomico», si legge sempre nella nota Rai.

«Il bilancio chiuso oggi – dice ancora Sergio – che vede me come amministratore delegato, ma in un lavoro portato avanti con la presidente Marinella Soldi, con il direttore generale Rossi e con tutto il cda, registra un miglioramento rispetto a una previsione di 650 milioni di investimento e rosso di circa 40 milioni. Segnalo i 22 milioni in più di raccolta pubblicitaria (a 665 milioni, ndr)». Conti migliori, ma una Rai dove i migliori scappano? L’ad non ci sta: «È falso. Abbiamo riportato in Rai Chiambretti e Giletti. Si parla spesso dell’addio della Berlinguer. E allora vogliamo dire che Salvo Sottile non stia facendo un ottimo lavoro? Abbiamo giovani di talento come Stefano Di Martino. Non abbiamo nulla da temere. E invece ci faremo valere in sede civile contro chi ci ha denigrato e ci ha chiamato servi (riferimento a Massimo Giannini, ndr).

Piano immobiliare e industriale stanno intanto andando avanti. Viale Mazzini si prepara a traslocare a partire da fine 2025, con la ex Wind sulla Cristoforo Colombo che dovrebbe fare da soluzione ponte. Anche sulla vendita delle quote di Rai Way nessun ripensamento. Nella riunione del cda di oggi si dovrebbe capire quale sarà la finestra per la vendita. Che potrebbe essere anche nel mese di maggio.

Back To Top