Mondo

Elezioni Emilia-Romagna e Calabria, ecco proiezioni e risultati. Bonaccini (Pd) batte Borgonzoni (Lega)

di

Ecco le prime proiezioni e i risultati sulle elezioni in Emilia-Romagna e in Calabria

I RISULTATI DELLE REGIONALI

Emilia Romagna al centrosinistra, Calabria al centrodestra: questo il risultato delle elezioni regionali, che vedono il pd Bonaccini superare la leghista Borgonzoni e la forzista Santelli trionfare sull’imprenditore Callipo. Crollo di M5s in entrambe le regioni.

LA SINTESI POLITICA

Pd batte Lega in Emilia-Romagna e il governo Conte tira un sospiro di sollievo. Ecco i risultati in sintesi sulle due regioni in cui domenica 26 gennaio si è votato. L’Emilia Romagna conferma la fiducia al Governatore Stefano Bonaccini, con il 51,4% dei voti contro il 43,7% della candidata leghista Lucia Borgonzoni. La Calabria passa al centrodestra, dove a vincere con il 55,8% è la coalizione guidata da Jole Santelli (Forza Italia), mentre il candidato di centrosinistra Pippo Callipo si ferma al 30,4%. I candidati del M5S, Simone Benini in Emilia Romagna e Francesco Aiello per la Calabria si fermano rispettivamente al 3,5% e al 7,4%

I COMMENTI

“Si sta tornando a un sistema bipolare”, sottolinea Zingaretti. Conte continua a lavorare per il rilancio dell’Italia, affermano da Palazzo Chigi. Affluenza record in Emilia Romagna, al 67,7%; stabile in Reggio Calabria, al 44,3%.

(articolo aggiornato alle ore 07,00)

+++

GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE SULLE ELEZIONI REGIONALI:

COME VOTANO CLASSI SOCIALI, CENTRI E PERIFERIE IN EMILIA-ROMAGNA. REPORT ISTITUTO CATTANEO

VI SPIEGO LA VERA SFIDA TRA PD E LEGA IN EMILIA ROMAGNA. L’OPINIONE DI CAZZOLA

CHE COSA SUCCEDERA’ A CONTE DOPO IL VOTO IN EMILIA-ROMAGNA. IL CAMEO DI RUGGERI

TUTTI I MALANNI POLITICI DI GRILLO E M5S. I GRAFFI DI DAMATO

+++

LA SCHEDA TECNICA SULLE ELEZIONI IN EMILIA-ROMAGNA E IN CALABRIA

Dopo il voto, le operazioni di scrutinio avranno inizio a partire dalle ore 23.00 di domenica 26 gennaio, subito dopo la conclusione delle operazioni di voto e l’accertamento del numero dei votanti. Saranno complessivamente quasi 5,5 milioni gli elettori.

IN EMILIA ROMAGNA

Oltre 3,5 milioni di cittadini saranno chiamati al voto per eleggere il presidente della Regione e i componenti dell’Assemblea legislativa; gli elettori sono per l’esattezza 3.515.539 di cui 1.707.781 uomini e 1.807.758 donne. Sono 4.520 le sezioni in cui sarà possibile votare, 4.520 seggi nei 328 comuni.

Sono sette i candidati alla presidenza della Giunta della Regione (uno in più della precedente tornata) sostenuti da 17 liste (più 6 rispetto al 2014). Si tratta di: Marta Collot (Potere al Popolo), Simone Benini (M5S), Laura Bergamini (Partito Comunista), il governatore uscente Stefano Bonaccini (Pd e altre liste); Lucia Borgonzoni (Lega, FI e altre liste), Stefano Lugli (L’Altra Emilia-Romagna); Domenico Battaglia (Movimento 3 V). 739 candidati (in crescita rispetto al 2014 quando furono 507) sono in corsa per uno dei 50 posti nell’Assemblea legislativa (di questi due seggi sono riservati al presidente eletto e al candidato presidente secondo classificato).

Il 51% dei candidati consiglieri è di sesso maschile, tra tutti l’età media è di 46,9 anni (in crescita rispetto a cinque anni fa, quand’era di 45,5 anni) e per 6 sui 10 di loro la sfida alle regionali è la prima esperienza elettorale.

Sono stati presentati 17 simboli, ma non tutti sono presenti nelle 9 circoscrizioni. In ogni caso è possibile votare il candidato presidente, che sarà sempre presente sulla scheda elettorale, anche se la lista a sostegno non è stata presentata.

Complessivamente sono 788 i candidati, anche se quelli effettivi scendono a 739 per effetto delle pluricandidature: 33 candidati si sono presentati in più circoscrizioni. Dei 739 candidati, il 49,1% è composto da donne, 50,9% uomini. L’età media è di 46,9 anni (46,1 anni per le donne e 47,7 per gli uomini).

E’ consentito il voto disgiunto: un candidato Presidente e una lista che non sostiene lo stesso candidato.

IN CALABRIA

Sono circa un milione e 800 mila gli elettori aventi diritto al voto nella regione. Sono 4 gli sfidanti: Jole Santelli, per la coalizione di centro-destra (Forza Italia, Lega, Fratelli d’Italia, Unione di Centro, Jole Santelli Presidente e Casa delle Libertà); Filippo Callipo, coalizione di centro-sinistra (Partito Democratico, Io Resto in Calabria, Democratici e Progressisti); Francesco Aiello, (Movimento 5 Stelle, Calabria Civica) e Carlo Tansi, liste civiche (Tesoro Calabria Calabria Libera e Calabria Pulita). Domenica 26 gennaio sarà utilizzata, per la seconda volta, la legge elettorale approvata dal Consiglio regionale calabrese dell’11 settembre 2014.

Il sistema elettorale calabrese è un sistema proporzionale con premio di maggioranza. Sono ammesse le liste che hanno superato il 4% dei voti e le coalizioni che hanno superato l’8%. Il candidato governatore vincente e la lista o liste che lo appoggiano avranno un premio di maggioranza al 55%, saranno quindi garantiti almeno 16 seggi.

Il Consiglio regionale è composto da 30 seggi, compreso il seggio assegnato al presidente della Giunta regionale. Circa i due terzi dei seggi del Consiglio regionale è ripartito proporzionalmente in 3 circoscrizioni: Cosenza (9), Catanzaro-Crotone-Vibo Valentia (8), Reggio Calabria (7).

Il sistema di voto in Calabria non permette il voto disgiunto: non si potrà votare quindi per una lista e per un candidato diverso da quello segnalato dalla lista o dalle liste che lo appoggiano. Inoltre si potrà esprimere solo una preferenza per consigliere. È possibile esprimere il voto di preferenza anche scrivendo solo il cognome, se non ci sono più candidati con lo stesso cognome. Altrimenti va scritto il cognome e nome sulle righe accanto al simbolo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati