Mondo

Ecco quanto cala la fiducia nel premier Conte e nel governo. Sondaggio Swg

di

Conte Swg

Che cosa emerge dall’ultimo report della società Swg su premier Conte, governo e non solo

Continua a calare la fiducia nel presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, e diminuisce pure il giudizio positivo sull’efficacia del governo M5s-Pd-Leu-Iv.

E’ quello che emerge dall’ultimo sondaggio della società Swg, di cui l’editorialista Roberto Arditti (presidente di Kratesis, società partecipata da Swg) ha citato ieri su Formiche di Paolo Messa i flussi elettorali del voto in Umbria.

Le novità più rilevanti emergono però dalle prime slide dell’ultima rilevazione di Swg: fiducia nel premier Conte in picchiata, così anche per l’esecutivo giallo-rossa.

Ecco la nota di commento che correda i grafici:

Il Governo, con la sua iniziativa e con il suo modo di essere, è il cardine del consenso acquisibile da parte dei due partner. È un dato segnalato fin dall’inizio ma che non riesce a manifestarsi; sia le anime del M5S che la nascita di Italia Viva hanno inciso su questa possibilità. Vengono verificati alcuni aspetti per cercare di comprendere le attese e le considerazioni dell’opinione pubblica. Si osserva che:

  • la percezione della coesione che caratterizza l’attuale governo è molto bassa. Inferiore a quella registrata ai tempi del Conte 1. Lo riconosce anche l’elettorato del PD; resta solo una metà del M5S a valutarlo come coeso
  • nell’analisi della vita del governo il PD cerca di fare la sua parte; anche il M5S la fa ma un po’ meno. È ben presente all’opinione pubblica la funzione di ostacolo determinata da Italia Viva
  • le discussioni dei partner di governo sono accettabili per la maggioranza dei cittadini; c’è, però, una forte minoranza che non le accetta e le ritiene negative. Il PD e il M5S si dividono mentre Lega e centrodestra sono convinti dell’utilità del confronto; è un effetto della loro situazione di opposizione
  • gli elettori del PD e del centrosinistra sono convinti, a larga maggioranza, che il Governo vada sostenuto e che il partito debba lavorare per creare un buon clima
  • la candidata del centrodestra in Umbria era considerata in netto vantaggio ma una parte consistente dell’opinione pubblica non si è espressa. Il margine, però, rivela che si stava formando una convinzione in tutto il paese relativo all’esito di quella regione. Solo la metà del PD e del M5S assegnavano la vittoria al loro candidato
  • la vittoria del centrodestra non avrebbe delle conseguenze sul Governo. La maggioranza dell’opinione pubblica è certa della prosecuzione, anche con difficoltà crescenti, dell’attuale alleanza Il governo PD-M5S sembra appeso a un filo ma non sembra che questo si spezzi. Si riconosce al PD di investire sull’esecutivo ma molto meno al M5S. Il Governo ha ancora una chance.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati