Mondo

Tutti gli exit poll sulle elezioni europee 2019 (e come hanno sottovalutato la Lega)

di

Che cosa mostrano i primi exit poll in Italia alla chiusura dei seggi per le elezioni europee

Lega primo partito sfiorando il 30%, Pd in crescita e sopra il M5s.

ECCO I RISULTATI DEFINITIVI DELLE EUROPEE. LEGA SURCLASSA M5S, SIPERATO PURE DAL PD

Questa la prima fotografia con i primi exit poll delle Europee in attesa dello spoglio delle schede.

Il M5s di Luigi Di Maio sarebbe in netto calo rispetto alle politiche di un anno fa, attorno al 20%, con il serio rischio di finire solo terzo, dopo il Pd.

ECCO I RISULTATI DEFINITIVI DELLE EUROPEE. LEGA SURCLASSA M5S, SIPERATO PURE DAL PD

EUROPEE: EXIT RAI

Secondo il I Exit Poll del Consorzio Opinio Italia per Rai relativo alle elezioni europee in Italia (esclusa circoscrizione estera), ecco le percentuali per ogni lista: Lega 27% – 31% Pd 21% – 25% M5s 18,5% -22,5% La copertura del campione è dell’80%.

Secondo il II Exit Poll del Consorzio Opinio Italia per Rai relativo alle elezioni europee in Italia (esclusa circoscrizione estera), con una copertura del 100%, il Pd è lievemente in calo rispetto alla rilevazione precedente e si attesta tra il 20,5% e il 24,5%. Restano invariate le percentuali relative agli altri partiti.

LEGA 27,0 – 31,0

PARTITO DEMOCRATICO 20,5 – 24,5

MOVIMENTO 5 STELLE 18,5 – 22,5

FORZA ITALIA 8,0 – 12,0

FRATELLI ITALIA 5,0 – 7,0 –

+ EUROPA – ITALIA IN COMUNE 2,5 – 4,5

La copertura del campione è del 100%.

ECCO I RISULTATI DEFINITIVI DELLE EUROPEE. LEGA SURCLASSA M5S, SIPERATO PURE DAL PD

EUROPEE: PRIMO MULTIPOLL LA7

LEGA 26.5-29.5%, PD 21-24, M5S 20-23, FI 9-11, FDI 5-7.

Secondo il Multi poll realizzato da Swg per La 7 per le Europee, tra i partiti minori, +Europa-Italia in Comune-Pde è in una forbice tra il 2,5 e il 3,5, La Sinistra si colloca in una forchetta tra il 2 e il 3%, Europa Verde è in una forchetta compresa tra 1,5 e il 2,5%. Gli altri partiti si collocano tra il 4 e il 5%.

ECCO I RISULTATI DEFINITIVI DELLE EUROPEE. LEGA SURCLASSA M5S, SIPERATO PURE DAL PD

Secondo MultiPoll Swg-La7: Lega prima tra 27,5-30,5%

In base al secondo multi poll realizzato da Swg per La 7 per le Europee la Lega è il primo partito con una forchetta compresa tra 27,5 e 30,5%. Il Pd è tra il 21 e il 24%, il Movimento 5 Stelle è tra 19,5% e 22,5%, Forza Italia è tra 8,5% e 10,5% e Fratelli d’Italia è tra 4,5 e 6,5%.

I EXIT TECNE’ PER MATRIX, LEGA 26-30%, M5S 18,5-22,5%, PD 20,5-24,5%

In base agli exit poll Tecné per Matrix, alle elezioni europee in Italia, la Lega è tra il 26 e il 30%, il M5S è tra il 18,5 e il 22,5% e il Pd è tra il 20,5 e il 24,5%. Secondo il I Exit Tecné per Matrix relativo alle elezioni europee in Italia Fi è all’8%-12%, Fdi al 4%-7%, + Europa Italia in Comune al 2,5% -4,5%. Ricerca soggetta a errore statistico.

ECCO GLI EXIT POLL SULLE ELEZIONI EUROPEE NEGLI ALTRI STATI UE

Destre in gran spolvero in base ai primi exit poll in Francia, Germania e Ungheria. Affluenza record registrata nei principali Paesi – e in crescita anche in Italia – è il dato più eclatante di una tornata elettorale carica di una valenza politica inedita: una scelta di campo su quale futuro dare all’Europa. Un derby tra europeisti e sovranisti con i secondi in crescita in diversi Paesi. E mentre le forze tradizionali – popolari e socialisti – perdono terreno, spunta la sorpresa dei Verdi, protagonisti di un exploit al di là di ogni migliore previsione. Ecco i dettagli Paese per Paese.

ECCO I RISULTATI DEFINITIVI DELLE EUROPEE. LEGA SURCLASSA M5S, SIPERATO PURE DAL PD

ECCO GLI EXIT POLL IN FRANCIA

Il Rassemblent national di Marine Le Pen sarebbe il primo partito in Francia. E’ quanto emerge da un primo exit poll diffuso dopo la chiusura delle urne, secondo cui l’Rn avrebbe ottenuto il 24% dei voti, contro il 22,5% della lista Renaissance, che fa riferimento al presidente Emmanuel Macron. Terzo partito, secondo l’exit poll condotto dall’istituto Harris, sarebbe Europa Ecologia-I Verdi di Yannick Jadot, al 12,5%. Se questi primi dati venissero confermati, l’Rn di cui è capolista Jourdan Bardella avrebbe al Parlamento europeo tra i 22 ed i 26 seggi, la lista Reinassance che fa capo a Nathalie Loiseau tra i 20 ed i 24, mentre i Verdi tra 11 e 14.

CHE COSA DICONO GLI EXIT POLL IN GERMANIA

In Germania volano i Verdi: raddoppiano i consensi e diventano il secondo partito. In testa, ma in netto calo, c’è la Cdu di Angela Merkel, con i democristiani mai così deboli nella cattolica Baviera, mentre la destra dell’Afd crescono. Crolla invece l’Spd: sorpassata dagli ambientalisti come seconda forza del Paese, per la prima volta dalla Seconda guerra mondiale perde anche il comune di Brema. E’ il quadro disegnato dagli exit poll delle elezioni europee in Germania, in base al quale ora qualcuno comincia a tenere per la tenuta del governo a Berlino.

ECCO I DETTAGLI PARTITO PER PARTITO IN GERMANIA

L’Unione Cdu-Csu è sì il primo partito con il 27,5%, ma perde ben il 7,8% delle preferenze. Peggio fa l’Spd: ottiene il 15,6%, ben l’11,9% in meno rispetto alle scorse europee del 2014. I Verdi volano invece al 20,5%, con un clamoroso +9,8%, ben oltre le attese che li davano al 17. L’ultradestra di AfD è segnalata al 10,5%: cresce del 3,4% ma non si avvicina nemmeno al 13% che i sondaggi attribuivano ai populisti, danneggiati probabilmente anche dallo scandalo che ha travolto i loro gemelli austriaci dell’Fpoe. Quanto alle altre liste, la Linke sarebbe al 5,5% (-1,9) ed i liberali della Fdp al 5,5 (-0,6%).

CHI VINCE E CHI PERDE IN UNGHERIA

Alle europee in Ungheria il partito di Viktor Orban, Fidesz, si conferma in testa ai primi exit poll con un netto 56%. Emerge dai numeri resi noti da Europe Elects. Il risultato è superiore di 4 punti percentuali rispetto alle elezioni europee del 2014. Molto lontani da Fidesz tutti gli altri partiti: socialisti (Mszp) e social-liberali (Dk) sono entrambi dati al 10%, sostanzialmente invariati rispetto alle precedenti europee. Gli ultra-nazionalisti di Jobbik otterrebbero invece il 9% dei consensi contro il 14% del 2014, seguiti dai liberali di Momentum al 7%. Indietro i Verdi (Lmp), con il 3% (5,4 nel 2014).

TUTTI I PRIMI EXIT POLL IN SPAGNA

Alle Europee in Spagna i socialisti del premier Pedro Sanchez si apprestano a vincere con un distacco di oltre dieci punti, secondo l’ultimo sondaggio di oggi. Il Psoe, in attesa dei primi exit poll, è dato al 28,9% e 18 seggi, 11 in più rispetto ai popolari, che crollano, come alle politiche di aprile, ottenendo circa il 17,3% dei voti. In Spagna si vota anche per il rinnovo di 12 parlamenti regionali e di migliaia di comuni.

ECCO I RISULTATI IN OLANDA

In Olanda al Parlamento europeo i laburisti del PvdA di Frans Timmermans ottengono il 18,10%, seguiti dai liberal-conservatori (VVD) del premier Mark Rutte al 15%, mentre i Cristiano democratici (CDA) sono al 12,3%. Sono le prime stime ufficiali del Parlamento europeo basate sugli exit poll. Il partito populista di destra Forum voor Democratie (FvD) dell’esordiente Thierry Baudet è all’11%, mentre è scivolone per il Pvv di Geert Wilders  al 4,10.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati