Mondo

Ecco gli slogan vacui e sbagliati di questo Primo Maggio

di

Consigli non richiesti e critiche serrate sulle parole d’ordine del Primo Maggio odierno. Il commento di Pietro Ichino, giuslavorista

Se la Festa del Lavoro fosse dedicata principalmente a chi il lavoro non ce l’ha, al centro delle riflessioni di politici e sindacalisti dovrebbero esserci i tre problemi maggiori sul fronte dell’occupazione: la debolezza della domanda, l’enorme squilibrio Nord-Sud e l’inadeguatezza del sistema della formazione professionale rispetto alle sfide dell’innovazione tecnologica.

Quanto al primo punto, stante l’impossibilità di grandi investimenti pubblici, occorrerebbe soprattutto cercare di rendere il Paese più attrattivo per gli investitori stranieri; invece – ci volete scommettere? – il 1° Maggio si parlerà soltanto di misure che agli investitori stranieri mettono le dita negli occhi: quelle che allontanano di nuovo il nostro sistema di protezione rispetto agli standard dei maggiori Paesi europei, sottolineando per di più la volatilità del nostro quadro normativo e la propensione dell’Italia a non rispettare gli impegni presi (v. la vicenda TAV).

Quanto al secondo problema, per risolverlo dovremmo guardare con attenzione a quanto ha fatto con successo la Germania nell’ultimo quindicennio per superare il gap occupazionale che affliggeva il suo Est sottosviluppato: apertura alla contrattazione decentrata, per consentire un collegamento più stretto fra retribuzioni effettive e produttività. Invece – ci volete scommettere? – qui il 1° Maggio si parlerà soltanto di un progetto di salario minimo orario stabilito in cifra fissa per tutto il Paese, troppo basso per il Nord e troppo alto per il Sud.

La terza questione, infine, è forse la più grave: la cattiva qualità media della formazione disponibile per i lavoratori italiani li priva della protezione più efficace contro i rischi occupazionali conseguenti all’innovazione tecnologica. Ma per migliorare il sistema occorrerebbe istituire una anagrafe nazionale della formazione e incrociarne i dati con quelli del flusso delle nuove assunzioni, per individuare i centri di formazione peggiori e chiuderli. Vi sembra il caso che in un giorno di festa ci si metta a parlare di queste cosacce?

 

 

Articolo pubblicato su pietroichino.it

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati