Advertisement
skip to Main Content

Ecco come l’Intelligence Usa aveva avvisato Biden sull’avanzata talebana in Afghanistan

Stati Uniti India

Il punto di Giuseppe Gagliano

 

La completa conquista dell’Afghanistan da parte dei talebani è stata “improvvisa” e “inaspettata” solo per chi negli ultimi mesi non ha prestato attenzione all’implosione del Paese. C’erano sicuramente dei valori anomali, tra cui un assortimento di editorialisti di FP, che, ancora il 28 luglio, stavano esortando i lettori a smettere di “presumere che i talebani vinceranno”.

Ma dall’ottobre del 2020, quando il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato che le truppe americane avrebbero lasciato il paese (una politica che l’amministrazione Biden ha adottato con entusiasmo), la stragrande maggioranza dei rapporti sul futuro dell’Afghanistan è stata unanime: a seguito del ritiro americano, i talebani avrebbero conquistato l’intero paese con poco ritardo, e quasi certamente senza incontrare una resistenza significativa.

Questa era sicuramente la visione sul campo in Afghanistan, dove famiglie disperate stanno lasciando il Paese da molti mesi ormai.

Le recenti immagini scioccanti di uomini afgani aggrappati agli aerei da trasporto americani non sono state l’inizio di un disperato esodo dal Paese. Piuttosto, questi sono stati gli ultimi gruppi di persone che, per una serie di motivi, non hanno abbandonato prima la capitale. La realtà imminente dell’acquisizione talebana è stata riconosciuta soprattutto dalle donne nei centri urbani. Si stanno preparando da mesi per il cambiamento nella leadership della nazione, bruciando i loro abiti occidentali e gettando via i loro kit per il trucco.

Nel frattempo, paesi come la Russia e il Regno Unito si sono attivamente preparati a trattare con i talebani come governo dell’Afghanistan. Quasi cinque settimane fa, Ben Wallace, ministro della Difesa britannico, probabilmente il partner internazionale più vicino degli Stati Uniti, ha annunciato che Londra era pronta a “lavorare con i talebani, qualora salissero al potere”. Poco dopo, il ministro degli Esteri russo di lunga data, Sergei Lavrov, ha definito i talebani “attori razionali” e ha avvertito il governo afghano che rischiava di perdere il controllo dell’intero paese non entrando in un accordo negoziato con i militanti.

Da mesi ormai praticamente tutti i principali quotidiani di ogni paese asiatico hanno condotto analisi approfondite su come sarà la regione quando, non se, i talebani torneranno al governo. L’India si sta preparando a diventare “uno stato in prima linea contro il terrorismo” una volta che i “talebani 2.0” saranno al comando. Gli osservatori delle ex repubbliche sovietiche dell’Asia centrale hanno discusso su cosa si dovrebbe fare “dopo la caduta dell’Afghanistan”. E letteralmente ogni altro paese nelle immediate vicinanze ha rafforzato le sue forze di confine in previsione della caduta di Kabul e di altri importanti centri urbani in tutto l’Afghanistan.

Anche le Nazioni Unite avevano avvertito il 22 luglio che, “con i talebani che stanno facendo rapidi guadagni in tutto l’Afghanistan, c’è una diffusa preoccupazione che il gruppo prenderà il controllo del paese”.

È anche chiaro dai resoconti dell’open source che l’intelligence degli Stati Uniti non si è discostato in modo significativo dall’opinione della maggioranza espressa da osservatori esperti. Il 23 luglio, il direttore della Central Intelligence Agency William Burns ha affermato che i talebani erano “probabilmente nella posizione militare più forte in cui si trovano dal 2001” e ha riconosciuto la possibilità che “il governo afghano potrebbe cadere con l’avanzata dei talebani”.

Burns stava esprimendo quella che era chiaramente l’opinione della maggioranza tra gli analisti della comunità dell’intelligence statunitense, che, entro il 16 luglio, stavano costantemente dipingendo “un quadro desolante dell’avanzata accelerata dei talebani attraverso l’Afghanistan e della potenziale minaccia che rappresenta per la capitale di Kabul, avvertendo il gruppo militante potrebbe presto avere una stretta strangolamento su gran parte del paese sulla scia del ritiro delle truppe statunitensi”. Il 22 luglio, il generale Mark Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff, ha fatto eco all’avvertimento di Burns, avvertendo i legislatori della “possibilità di una completa acquisizione dei talebani” dell’Afghanistan, in seguito al ritiro delle truppe americane.

Allora perché l’attuale leadership politica degli Stati Uniti non ha tenuto conto di questi avvertimenti coerenti da parte delle stesse persone che paga per fornire informazioni fruibili quando si prendono decisioni ad alto rischio?

Si possono pensare a una moltitudine di ragioni. Questi differiscono poco dai motivi per cui George Bush Jr. era determinato a “portare la democrazia” in Iraq nel 2003, anche quando fu informato dai suoi stessi funzionari dell’intelligence che una tale mossa avrebbe scatenato una guerra civile tra sunniti e sciiti del paese. popolazioni. O le ragioni per cui Barack Obama ha deciso di dichiarare la “fine della guerra” in Iraq nel 2013, nonostante le concrete preoccupazioni degli esperti di intelligence che una tale mossa avrebbe aiutato l’insurrezione sunnita . O anche i motivi per cui Donald Trump ha deciso di “riportare le truppe a casa” dall’Afghanistan nel 2020, nonostante gli fosse stato detto senza mezzi termini che così facendo avrebbe restituito il Paese ai talebani. In tutti questi casi, il problema non risiedeva nell’accuratezza dell’intelligence Piuttosto, risiedeva nell’ostinato rifiuto della leadership politica americana di prendere in considerazione l’intelligence quando si prendono decisioni critiche che riguardano la sicurezza nazionale e internazionale.

In definitiva, definire l’acquisizione talebana dell’Afghanistan “improvvisa” e “inaspettata” è un insulto alla moltitudine di osservatori – americani e altri – che hanno raccontato la graduale implosione del paese negli ultimi anni. Serve anche a coloro — repubblicani o democratici — che intendono utilizzare questa calamità internazionale per ottenere punti politici a buon mercato alle spalle del popolo sofferente dell’Afghanistan.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore