skip to Main Content

Ecco come in Francia si scruta la campagna elettorale in Germania

Germania Campagna Elettorale

In Germania la campagna elettorale delle legislative è stata scombussolata dalle inondazioni. Il punto di Le Monde

Appare ancora più difficile sapere – leggiamo nell’articolo di Le Monde – se il disastro che ha colpito la Renania a metà luglio avrà un impatto sull’esito delle elezioni del 26 settembre, dal momento che i sondaggi condotti da allora hanno mostrato un’opinione pubblica densa di contraddizioni.

Dal 2002, i tedeschi sono consapevoli che le inondazioni sono in grado di influenzare le elezioni. Nell’agosto di quell’anno, cinque settimane prima delle elezioni parlamentari, il cancelliere socialdemocratico Gerhard Schröder (SPD) ottenne un vantaggio decisivo sul suo rivale conservatore Edmund Stoiber (CSU) in seguito alla devastante inondazione del fiume Elba nella Germania orientale. La popolarità di Schröder è aumentata dopo che è andato rapidamente sul posto, indossando stivali di gomma, e ha deciso di rinviare il suo piano di tagliare le tasse nelle zone colpite per un anno. Il 22 settembre ha vinto le elezioni. Cinque settimane prima si prevedeva la sua sconfitta.

Diciannove anni dopo, le terribili inondazioni che hanno colpito la Renania nella notte tra il 14 e il 15 luglio saranno altrettanto decisive per il risultato delle elezioni parlamentari del 26 settembre? A due mesi dal voto, è ancora più difficile rispondere alla domanda, poiché i sondaggi realizzati dopo il disastro descrivono un’opinione pubblica piena di contraddizioni.

Secondo un sondaggio di RTL/NTV pubblicato venerdì 23 luglio, il 56% dei tedeschi crede che le inondazioni, che hanno causato la morte di almeno 180 persone, secondo l’ultimo rapporto, rendono la lotta contro il cambiamento climatico “ancora più importante di prima”. E il 73% pensa che i loro leader dovrebbero essere più ambiziosi in questo settore. Solo i sostenitori del partito di estrema destra Alternativa per la Germania (AfD) sono in maggioranza di opinione opposta.

Dei tre principali candidati alla successione di Angela Merkel, è l’ambientalista Annalena Baerbock che, senza sorpresa, è considerata la più credibile sulla questione del clima. Secondo un sondaggio Civey/Der Spiegel del 24 luglio, il 56% degli intervistati crede che la leader dei Verdi intraprenderà “un’azione decisiva contro il cambiamento climatico” se diventerà cancelliera. Solo il 35% pensa lo stesso del socialdemocratico Olaf Scholz (SPD) e il 26% del conservatore Armin Laschet (CDU-CSU).

In linea di principio, questo dovrebbe dare agli ecologisti un vantaggio in termini di intenzioni di voto. Ma questo non è il caso. Nel barometro dell’istituto INSA, sono scesi dal 19% al 18% tra il 27 giugno e il 24 luglio. Nel barometro dell’istituto Infratest dimap, sono scesi dal 21% al 19% tra il 24 giugno e il 22 luglio. Contro ogni aspettativa, i Verdi sono in una posizione peggiore dopo le inondazioni che prima.

In realtà, questo non è così sorprendente. Quando le piogge torrenziali hanno colpito la Renania, Annalena Baerbock stava appena cominciando a scrollarsi di dosso la polemica scatenata alla fine di giugno dalle accuse di plagio contro il suo libro programmatico. Dopo questa difficile sequenza, ha deciso di mantenere un basso profilo. Due giorni dopo le inondazioni, è andata in Renania, ma senza invitare la stampa. Da allora, i suoi rari interventi si sono limitati a commenti piuttosto generici che chiedono il divieto di costruire in aree soggette a inondazioni e un migliore coordinamento dei sistemi di allarme in caso di maltempo.

“NON STRUMENTALIZZARE” IL DISASTRO

I Verdi, che sono spesso ritratti dai loro oppositori come degli eterni leccapiedi, assumono questa moderazione assicurando che non vogliono “strumentalizzare” il disastro per scopi elettorali. Resta il fatto che rifiutando di esporsi troppo, Annalena Baerbock ha corso il rischio di essere invisibile. O almeno stranamente assente da una campagna che si è rifocalizzata da un giorno all’altro su una questione – la protezione del clima – che è al centro del suo programma.

Armin Laschet, invece, ha optato per la strategia opposta: quella della massima visibilità, sia sul terreno che nei media. Come ministro-presidente del Nord Reno-Westfalia, lo stato con il più alto numero di vittime dopo la Renania-Palatinato, probabilmente non poteva fare altrimenti. Ma questo desiderio di essere onnipresente gli si è ritorto contro quando, sabato 17 luglio, è stato filmato mentre rideva dietro il presidente della Repubblica, Frank-Walter Steinmeier, che era venuto a sostenere le vittime nella cittadina di Erftstadt, vicino a Bonn.

Sui social network, le immagini sono diventate virali e l’hashtag #Laschetlacht (“Laschet ride”) è diventato rapidamente il topic più trending su Twitter in Germania. Nei giorni successivi, Armin Laschet ha ripetutamente detto di “pentirsi” della sua risata, definendola “inappropriata” e “indecorosa”. Ma il danno era fatto: in pochi secondi, la sua giovialità si è trasformata in una palla al piede. E la sua reputazione di uomo affabile ed empatico è stata sostituita da quella di un leader insensibile e cinico.

Nei sondaggi, la punizione è dura. Secondo un sondaggio INSA del 24 luglio, solo il 15% dei tedeschi voterebbe per Armin Laschet se l’elezione del cancelliere avvenisse a suffragio universale diretto. Una settimana prima erano il 20%. Anche nel suo campo, il leader dei conservatori non è sostenuto all’unanimità. Sabato 24 luglio, uno studio dell’Istituto Civey per il quotidiano Augsburger Allgemeine ha mostrato che solo il 48% dei sostenitori della CDU-CSU crede che il loro candidato abbia “imparato la lezione giusta dalle inondazioni”. Il contrasto con i suoi avversari è sorprendente: tra gli elettori dei Verdi, l’87% approva il modo in cui Annalena Baerbock si è comportata, mentre il 74% dei sostenitori socialdemocratici pensa lo stesso del loro candidato Olaf Scholz.

ARMIN LASCHET HA ANCORA LE MAGGIORI POSSIBILITÀ

Nonostante la sua pessima immagine, Armin Laschet ha ancora la più alta possibilità di succedere ad Angela Merkel. La CDU-CSU continua a guidare la corsa in termini di intenzioni di voto. Nei quattro sondaggi condotti dopo le inondazioni, è accreditato dal 27% al 30% dei voti. Rispetto alle settimane precedenti, le variazioni sono minime. Con un vantaggio di 8-12 punti sui Verdi e di 10-14 punti sulla SPD, i conservatori entrano negli ultimi due mesi della campagna come favoriti. E questo, anche se il loro punteggio previsto è molto più basso di quello ottenuto nel 2017 (32,9%).

Rimane Olaf Scholz. Dei tre principali contendenti alla successione di Angela Merkel, il candidato della SPD è senza dubbio quello che ha resistito meglio alla sequenza degli ultimi dieci giorni. È arrivato nella regione colpita il giorno del disastro e non è stato accusato di essere troppo discreto, come Annalena Baerbock, né ha commesso passi falsi, come Armin Laschet. E come ministro federale delle finanze, è stato lui che il 21 luglio ha annunciato un pacchetto di aiuti di emergenza da 200 milioni di euro, promettendo che sarebbe stato seguito da un programma di ricostruzione da diversi miliardi di euro.

Nel ruolo del ministro pronto a spendere sontuosamente per aiutare le vittime – “Il denaro sarà rilasciato rapidamente e senza burocrazia, e se si scopre che è necessario di più, daremo di più”, ha promesso – Olaf Scholz ha chiaramente seguito le orme di Gerhard Schröder nel 2002, ma senza il carisma. La sua popolarità è aumentata: tra il 17 e il 24 luglio, la percentuale di elettori che dicono che voterebbero per lui nel caso di un’elezione diretta del cancelliere è passata dal 18% al 21%, secondo l’INSA. Nello stesso periodo, Armin Laschet ha perso 5 punti (dal 20% al 15%) e Annalena Baerbock è rimasta stabile (14%).

Ma ciò che è vero per Armin Laschet è vero anche per Olaf Scholz. Così come la CDU-CSU non ha visto le sue intenzioni di voto soffrire dell’impopolarità del suo candidato, la SPD non ha beneficiato della buona immagine del suo leader. Nei sondaggi condotti dopo le inondazioni, i socialdemocratici sono accreditati del 15%-17% dei voti, davanti ai liberali dell’FDP (11%-12%), all’AfD (9%-11%) e al partito di sinistra Die Linke (6%-8%). Questo è il livello a cui si trovano da quando Olaf Scholz ha annunciato la sua candidatura alla cancelleria nell’agosto 2020.

“Questa campagna è piena di molte ambivalenze. Scholz è un candidato popolare, ma sono i Verdi che sono visti come competenti sulla questione del clima, ora in prima linea, e la CDU-CSU ha ancora una buona immagine”, riassume Thorsten Faas, professore di sociologia politica alla Libera Università di Berlino. Riguardo alle inondazioni, “se possono aiutare i Verdi nel medio termine, nel breve periodo saranno Scholz e Laschet ad avere un vantaggio”, dice il ricercatore.

“CI ASPETTIAMO CHE MOSTRINO EMPATIA E DETERMINAZIONE”

A differenza di Annalena Baerbock, che è solo un membro del parlamento, i candidati SPD e CDU-CSU hanno responsabilità esecutive, uno come ministro federale delle finanze, l’altro come capo del governo della Renania Settentrionale-Vestfalia. “Le loro posizioni attuali li mettono in prima linea. Ci si aspetta che mostrino empatia e che agiscano con decisione. Nel caso di Laschet, questo è riuscito solo in parte. Ecco perché Sholz probabilmente ha ancora una possibilità”, analizza Thorsten Faas.

Nel 2002, la catastrofica inondazione dell’Elba ha avuto luogo cinque settimane prima delle elezioni. Quest’anno, le inondazioni hanno colpito la Renania dieci settimane prima delle elezioni. Le inondazioni hanno spostato l’agenda politica e hanno sopraffatto il resto delle notizie per quasi quindici giorni, ma non c’è garanzia che questa sarà ancora la situazione quando la campagna elettorale in Germania entrerà davvero nel vivo. Nella seconda metà di agosto, con la fine delle vacanze, i primi grandi raduni – quello della CDU-CSU è previsto per il 21 agosto a Rust (Baden-Württemberg) – e il dibattito televisivo tra Annalena Baerbock, Armin Laschet e Olaf Scholz il 29 agosto su RTL.

Infine, nel 2002, le inondazioni hanno permesso al cancelliere uscente, Gerhard Schröder, di indossare il costume di Krisenmanager (“gestore di crisi”), di riprendere il controllo di una campagna che non stava andando bene per lui e di essere rieletto per un secondo mandato contro Edmund Stoiber. Diciannove anni dopo, ne sta beneficiando in modo altrettanto spettacolare la donna che gli è succeduta nel 2005, Angela Merkel.

Il cancelliere è venuto nelle zone disastrate due volte in due giorni ed è stato il vincitore politico di questa sequenza. Un’immagine, in particolare, ha fatto un’impressione duratura: il 18 luglio, quando ha preso la mano del ministro presidente della Renania-Palatinato (SPD), Malu Dreyer, che soffre di sclerosi multipla, per aiutarla ad attraversare il villaggio devastato di Schuld. Secondo l’istituto INSA, il 60% degli elettori crede che Angela Merkel si sia comportata in modo appropriato dopo le inondazioni, il che la pone molto più avanti di Olaf Scholz (39%), Armin Laschet (23%) e Annalena Baerbock (22%). Ma a differenza di quest’ultima, e a differenza di Gerhard Schröder nel 2002, non è candidata alle elezioni.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore