Mondo

Ecco come evitare la catastrofe educativa. I consigli di suor Anna Monia Alfieri

di

patrizio bianchi

Rilievi, proposte e auspici di Suor Anna Monia Alfieri

 

Un patto di corresponsabilità per scongiurare la catastrofe educativa: usiamo le tre leve e puntiamo al prossimo decreto Ristori.

Dopo la legittima denuncia andiamo oltre non limitiamoci alla lamentazione agiamo su quanto abbiamo ottenuto: Pon/Patti di comunità/compartecipazione.

E’ quanto sottolinea e auspica Suor Anna Monia Alfieri.

Ecco tutti i dettagli

Il bando del Programma operativo nazionale, Pon, “discrimina le scuole paritarie nella richiesta di fideussione bancaria per l’accesso ai finanziamenti” del fondo strutturale europeo. Per accedere alle risorse è loro richiesto di presentare apposita fideiussione bancaria o polizza assicurativa per un importo pari alla quota di risorse erogate a titolo di anticipazione (30% del finanziamento complessivo). Anche se la “fideiussione è una richiesta di normale garanzia quando si agisce con fondi pubblici”, “potrebbe scoraggiare gli istituti paritari a partecipare, mentre i 5 Stelle stanno al varco…”.

E’ quanto sottolinea con l’Adnkronos Suor Anna Monia Alfieri, paladina delle paritarie, che, ricordando l’imminente scadenza del bando il prossimo 21 maggio, aggiunge: “Abbiamo il diritto di dire che ci hanno discriminati ma è anche il momento di agire per ridurre i danni. Detto ciò presentiamo i progetti e puntiamo al Dl ristori bis, che la settimana prossima dovrebbe partire alla Camera, per ottenere aiuti, chiedere autonomia e libertà”.

“Le scuole paritarie – prosegue Suor Anna Monia – si aspettavano che nel decreto Sostegni, come in quello Rilancio, fossero investiti soldi per scontare la retta. Ma non è avvenuto. Dispiace, ma Draghi e Bianchi, come europeisti, ci impegnano a fare i conti con un nuovo paradigma, al di là dei 22 euro ad alunno del decreto sostegni – rileva l’attivista – La nostra inclusione nei Patti di comunità e per la prima volta nei Pon sono traguardi importanti ottenuti. Noi adesso abbiamo il dovere di scongiurare la catastrofe educativa, combattere a strombattuto senza permetterci il lusso della stanchezza. Usiamo le tre leve: pon , patti di comunità e compartecipazione. Battiamo cassa per evitare la chiusura delle scuole dei poveri con lo Stato, le regioni, i comuni… Capisco il diritto lamentarsi, ma anche bisogna agire. Qui – conclude – è colpa e merito di ciascuno di noi. Ognuno sarà responsabile”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati