skip to Main Content

Dugin e la Russia che non russa (anche in Italia)

Scelte Governo

Tutte le ripercussioni dell’attentato alla figlia di Dugin, anche in Italia. Il Taccuino di Federico Guiglia

 

Non è difficile decifrare il grave attentato a Mosca, né immaginare le pesanti ripercussioni che potrà avere. La bomba che sabato sera ha fatto saltare in aria l’auto guidata dalla giornalista Darya Dugina, uccidendola, appare come un minaccioso messaggio inviato a Vladimir Putin. Perché la donna, trentenne, era figlia di Alexander Dugin, il proprietario della macchina contro cui il crimine era con ogni probabilità rivolto. Non, però, un bersaglio casuale, il padre mancato: lui è, nientemeno, che l’ideologo ultra-nazionalista dalla grande influenza su Putin. Il suo Rasputin, a cui lo si paragona per la barba folta e la retorica capace di catturare anche lo Zar. Dugin è un filosofo della cosiddetta strategia euroasiatica, teorico del tradizionalismo russo e del sovranismo e occultismo di estrema destra. Ha girato anche per l’Italia per diffondere il suo verbo, espresso in italiano e ascoltato da ambienti di opposto populismo. Un uomo da molti oggi considerato artefice della politica di Putin in Ucraina.

Ma chi ha messo i 400 grammi di tritolo sotto la jeep di Dugin? Dalla risposta si potranno valutare le reazioni del governo russo, che saranno comunque durissime. “Se la pista ucraina sarà confermata, è terrorismo di Stato”, accusa Mosca. Kiev smentisce: “Non siamo uno Stato criminale, come la Federazione russa, e tantomeno uno Stato terrorista”. Un botta e risposta fra trame, provocazioni, avvertimenti o forse resa dei conti per il regime di Putin. A sei mesi da una guerra insensata.

Nell’attesa di scoprire autori e mandanti, ombre russe intanto si diffondono nel nostro Paese, all’indomani dell’invito dell’ex premier, Medvedev, agli elettori europei a “punire i governi per la loro stupidità”, cioè per essersi schierati contro l’invasione dell’Ucraina. “La Russia vuole condizionarci con ingerenze politiche ed economiche”, ha reagito il presidente del Comitato parlamentare per la sicurezza, Adolfo Urso. E’ scontro tra i partiti, che si rinfacciano i rapporti con Putin, e sul tema Salvini, Berlusconi e Conte sono i leader più gettonati dai loro avversari. E arriva un siluro della Pravda, organo di stampa russo, contro Giorgia Meloni (“la possibile presidente del Consiglio ha scelto la strada dell’abisso”) per il suo atlantismo e appoggio a Kiev sulle orme di Draghi.

Spetta ai leader che si sfidano il 25 settembre dimostrare che Roma continuerà a stare dalla parte giusta.

(Pubblicato su L’Arena di Verona e Bresciaoggi)
www.federicoguiglia.com

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore