Mondo

Davvero l’Italia imita la Germania nelle misure anti Covid?

di

deconfinamento Merkel

Italia e Germania: un confronto sulle misure anti Covid e sui numeri della pandemia. L’articolo di di Stefano Magni per Atlantico Quotidiano

 

La Germania è sicuramente un modello di successo, nella lotta alla pandemia, e pare strano che finora non sia mai stata imitata nella sua strategia: moltissimo decentramento nella gestione (ogni Land ha le sue regole), tamponi e tracciamento a tappeto hanno permesso ai tedeschi di vivere molto più liberamente degli italiani, con molti meno morti. Per rendere un’idea della differenza: l’Italia registra 1.090 morti per 1 milione di abitanti, la Germania 278 (dati aggiornati al 15 dicembre 2020). La perdita del Pil è stimata in Italia a -9,1 per cento, in Germania -5,5 per cento. Ma perché, solo adesso, si cita ad esempio la Germania? Perché Angela Merkel ha annunciato un lockdown per le feste natalizie, fino al 10 gennaio.

È solo questo il motivo. Nessuno, nel governo Conte, ha intenzione di lasciar più autonomia alle regioni e più liberi gli italiani aumentando tamponi e tracciamento, posti in terapia intensiva e in generale posti letto in ospedale, ma semplicemente si vuole lanciare il messaggio che, siccome gli italiani sono stati “cattivi” nel primo weekend di parziale apertura delle regioni principali, adesso si deve chiudere, come fanno in Germania.

C’è un piccolo problema di realtà: in Germania chiudono nel periodo natalizio perché è stato individuato un aumento dei contagi, ma finora sono stati relativamente liberi. In Italia la situazione è l’opposto: il contagio sta gradualmente diminuendo, dopo due mesi di lockdown, più o meno rigido a seconda delle regioni, duro in quelle rosse, abbastanza duro in quelle arancioni, più soft in quelle gialle. Sempre in termini numerici, in Italia la variazione di casi bi-settimanale è -36 per cento, in Germania è +14 per cento (fonte Our World in Data, aggiornamento al 14 dicembre 2020)

Che senso ha imitare un Paese in cui le condizioni sono opposte rispetto alle nostre? Razionalmente nessuno. Ma qui, come abbiamo potuto vedere in tutti questi mesi di pandemia, di razionalità ce n’è ben poca. Conta soprattutto l’emotività e fra le varie emotività, l’impatto delle immagini.

Ad alimentare questa paura sono, come sempre, i giornalisti. I titoli non sono molto sobri e non contribuiscono alla calma, come “Piazze piene, obitori intasati”, “Le foto delle piazze piene fanno paura”. Paura che può avere tante ragioni, vuoi per naturale sociopatia dell’intellettuale che rifugge la massa, vuoi per moralità catto-comunista di chi non ammette che qualche persona sana vada a fare shopping mentre tanta gente muore di malattia (“dovremmo sentire ogni giorno dentro di noi il lutto nazionale”, come dice il ministro Boccia). Tanto è vero che le foto delle folle napoletane che rendevano omaggio a Maradona non hanno provocato altrettanto sdegno (era un funerale, quindi morale).

In sintesi: abbiamo fatto quel che il governo voleva, cioè siamo andati a fare acquisti nei negozi, per sostenerli. Ma così facendo abbiamo fatto arrabbiare il governo, perché abbiamo dimostrato di non aver interiorizzato abbastanza il lutto nazionale. E adesso il governo ci punisce, citando la Merkel.

(Articolo pubblicato su Atlantico Quotidiano, qui la versione originale)

Articoli correlati