Mondo

Dalla Russia campagna di disinformazione sul coronavirus contro Ue. Il report di Bruxelles

di

Russia disinformazione

Secondo un report interno dell’Ue la Russia ha avviato una campagna di disinformazione volta ad aggravare la crisi del coronavirus in Occidente

Se la situazione generata dalla pandemia di coronavirus appare già allarmante nell’Ue, qualcuno potrebbe aver contribuito. Arriva oggi l’accusa dell’Ue secondo cui i media russi hanno lanciato una “significativa campagna di disinformazione” contro le nazioni occidentali per aggravare l’impatto del coronavirus.

L’obiettivo sembra essere “rendere più difficile per l’Ue comunicare la sua risposta alla pandemia”, ha riferito Reuters, dopo aver esaminato un documento di nove pagine interno di Bruxelles. Il rapporto rileva quasi 80 casi di disinformazione su Covid-19 dal 22 gennaio. Le autorità russe negano le accuse. Ecco i dettagli

L’ACCUSA DELL’UE

Da quando la Covid-19 ha iniziato a diffondersi sul territorio dell’Ue, “abbiamo notato che un aumento della disinformazione proveniente da fuori Ue, tra l’altro dalla Russia, o da provider che sono basati in Russia o almeno legati a fonti pro-Cremlino”, ha spiegato Peter Stano, portavoce del Servizio europeo per l’azione esterna (Seae),durante il briefing con la stampa a Bruxelles. “Dall’inizio dell’epidemia di Covid-19 abbiamo notato un aumento del numero di informazioni fuorvianti e di informazioni sbagliate in circolazione. Da parte nostra, abbiamo un’unità che monitora questa propaganda e disinformazione che arriva da fuori dell’Ue”.

L’unità Eu StratCom, ha precisato Stano, “lavora con gli Stati membri e con partner internazionali come il G7, la Nato, il Canada, in modo da evitare che l’attuale situazione venga sfruttata da attori malintenzionati”. “Dall’inizio dell’epidemia abbiamo intensificato l’analisi dei flussi di disinformazione, specialmente sui social media ma anche sui media tradizionali, guardando alle fonti, identificando e smascherando pubblicamente chi diffonde disinformazione o informazione scorretta. I risultati sono esposti quasi ogni giorno sul sito Euvsdisinfo.eu”.

IL REPORT DELL’UE

Datato 16 marzo, il documento dell’Ue afferma che una copertura “confusa e dannosa” ha reso più difficile per l’Ue coordinare la sua risposta.

L’analisi europea suggerisce che media finanziati dal Cremlino come RT hanno spinto consapevolmente “storie apocalittiche” che guardano a “incolpare i capitalisti per aver cercato di trarre beneficio dal virus e sottolineare quanto Putin stia affrontando l’epidemia”.

Dal documento emerge che la campagna russa, spingendo notizie false online in inglese, spagnolo, italiano, tedesco e francese, utilizza rapporti contraddittori e confusi per rendere più difficile per l’Ue comunicare la sua risposta alla pandemia contribuendo alla diffusione di “confusione, panico e paura”.

L’AZIONE MIRATA IN ITALIA

Nel documento si cita anche il caso italiano. Dalla Russia sarebbero infatti create false notizie in Italia, il secondo paese più colpito al mondo, riguardo al fatto che i sistemi sanitari non sarebbero stati in grado di far fronte all’emergenza e che i medici avrebbero scelto chi sarebbe vissuto o morto a causa della mancanza di letti.

IL CASO DI RT IN SPAGNA

Viene riportato anche il caso di RT Spanish — una divisione dell’agenzia di stampa russa precedentemente nota come Russia Today — che ha registrato oltre 6,8 milioni di condivisioni su Facebook, Twitter e Reddit per contenuti di coronavirus tra il 1 ° gennaio e il 12 marzo. Ciò l’ha resa la dodicesima fonte più popolare tra un paniere di domini esaminati nel report. Da sempre RT nega di diffondere disinformazione.

LA REPLICA DEL CREMLINO

Scontata la replica di Mosca, che ha negato oggi ogni accusa. “Non hanno fornito una prova, un esempio di ciò di cui stanno parlando”, ha dichiarato alla stampa il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. “Date le circostanze attuali, ti aspetteresti che le ossessioni russofobiche occidentali siano in calo, ma chiaramente ciò non sta accadendo”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati