Mondo

Covid, perché non si tornerà ai casi di marzo e aprile. Report Gimbe

di

banche coronavirus crisi covid-19

Contagi da Covid in ascesa, ma anche in caso di seconda ondata non assisteremo alle scene di marzo/aprile. Ecco perché. Che cosa sostiene il report della fondazione Gimbe presieduta da Cartabellotta

I numeri dei contagi da Covid-19 tornano a salire negli ultimi giorni, superando anche le 1.000 unità. Ma, tranquillizza la Fondazione Gimbe, i numeri non possono essere paragonati a quelli di inizio pandemia perché “le dinamiche epidemiologiche sono completamente diverse”.

Ecco tutti i dettagli salienti che emergono dal report odierno della fondazione presieduta da Nino Cartabellotta.

DINAMICHE EPIDEMIOLOGICHE DIVERSE

I numeri dei nuovi contagi “non possono essere confrontati con quelli dei primi mesi dell’epidemia”, ha spiegato il presidente della Fondazione Gimbe, Nino Cartabellotta: “Le dinamiche epidemiologiche sono completamente diverse”.

“Dello tsunami che si è abbattuto sul nostro Paese non abbiamo mai conosciuto la fase iniziale: il coronavirus circolava insidiosamente sottotraccia con migliaia di asintomatici che infettavano senza saperlo parenti, amici e colleghi di lavoro. Il lockdown rigoroso e prolungato ha ridotto la mortalità, gli accessi in ospedale e il numero dei nuovi casi, ma dal 3 giugno siamo di fatto “ripartiti dal via””, ha aggiunto Cartabellotta.

NESSUN RITORNO A MARZO/APRILE

E dunque, anche se il trend dei nuovi casi dovesse significare l’inizio di una nuova ondata “è ragionevolmente certo che non rivedremo le drammatiche scene di marzo/aprile”, secondo Cartabellotta.

SISTEMA SANITARIO PRONTO

Come mai questa certezza? “Perché oggi la situazione epidemiologica è attentamente monitorata, il servizio sanitario è ben organizzato e, dunque, non potrà esserci alcun effetto sorpresa. Ma non bisogna concedere ulteriori vantaggi al coronavirus, tanto più che i numeri riflettono sempre comportamenti di 3-4 settimane fa”, ha detto il presidente di Gimbe.

UN TREND IN CRESCITA

Non si può negare, comunque, che il numero dei casi è in crescita. Secondo il monitoraggio indipendente della fondazione Gimbe, dai 1.408 nuovi casi riportati nella settimana 15-21 luglio si è passati ai 6.538 nuovi casi della settimana 19-25 agosto, con un incremento del rapporto positivi/casi testati dallo 0,8% al 2,1%

 

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati