Mondo

Covid-19, che cosa succede in Veneto

di

Zaia plasma

Numeri, analisi e scenari sui contagiati Covid-19 in Veneto. Il post di Stefano Biasoli, nefrologo

Abbiamo fatto il liceo classico e siamo medici. Abbiamo  fatto parecchi lavori scientifici e abbiamo quindi dovuto elaborare alcune statistiche delle casistiche raccolte. Ma non siamo statistici di professione. Comunque sia, ci siamo dilettati a fare alcuni calcoli sul Covid-19, in Italia e in Veneto.

PREMESSA

Poichè siamo in Italia, non c’è certezza dei dati. Ad esempio, Borrelli – 09/03/20, ore 18 – diceva  che in Veneto i casi positivi erano 744 mentre per Zaia erano 771.

Noi, i conti, li abbiamo fatti sui dati di Zaia.  771 positivi, 221 ricoverati- di cui 61 in rianimazione- 21 deceduti, 529 a domicilio.

RISULTATI

In Veneto, sono stati effettuati 16.041 tamponi, con una positività del 4,8%.

I soggetti in terapia intensiva (T.I.) sono il 7,91% dei positivi e lo 0,38% dei testati (dei sottoposti a tampone).

L’aumento percentuale medio dei positivi (ultimi 3 giorni) è del 15% giornaliero.

Se questo andamento si confermasse, in Veneto, tra 6 giorni si raggiungerebbe il valore massimo dei soggetti positivi : circa 1.466 positivi, su una popolazione veneta di 4,9 milioni di abitanti.

In altri termini, se la positività dei tamponi è pari al 4,8% su 16.041 tamponi e se l’aumento percentuale dei positivi è pari al 15% giornaliero, l’equazione 16.041: 4.900.000 = 4,8: x da come risultato 1.466.

Tetto teorico massimo di veneti infettati, raggiungibile in 6 giorni (1466-771=695 soggetti in più; + 90% : +15% = 6 giorni).

Se questi conti fossero corretti (ma la teoria confermerà la prassi o no?) in Veneto il picco della virosi avverrebbe Domenica 15 Marzo 2020.

Sarà cosi?

CONSIDERAZIONI FINALI

Se i dati fossero corretti, se il comportamento dei veneti fosse “corretto”, se il virus in Veneto fosse danneggiato dalle nostre abitudini alimentari (quelle che Toscani ha voluto mettere alla berlina) e dalla nostra efficienza sanitaria -ivi incluso il decisionismo di Zaia-, allora ci aspetterebbero solo pochi giorni per arrivare al picco di infettati e poi tornerebbe, un po’ alla volta, il sereno.

Sarà così?

Lo vedremo. Mi piacerebbe che i nostri vescovi – invece di usare le chiese come se fossero “stadi chiusi”- facessero tridui contro questa pestilenza e chiedessero l’intercessione della Madonna. Come si è sempre usato fare nei secoli dei secoli, in Veneto e non solo in Veneto.

Ma, si sa, oggi la religione è marginale, anche tra i preti.

+++

GLI APPROFONDIMENTI DI START MAGAZINE SUL DECRETO:

CHE COSA HA DETTO CONTE IN CONFERENZA STAMPA

IL TESTO INTEGRALE DEL DECRETO 

LA DIRETTIVA DEL VIMINALE

REGOLE E DIVIETI PUNTO PER PUNTO SU BAR, AEROPORTI, RISTORANTI, NEGOZI ECC

PERCHE’ IL DECRETO E’ SACROSANTO (E TARDIVO). IL COMMENTO DI KRUGER

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati