skip to Main Content

Guam

Cosa succede fra Usa e Cina in materia militare

I commenti dell'alto generale al forum sulla sicurezza di Xiangshan anticipano il possibile incontro Biden-Xi. L'articolo del Financial Times

Il più alto funzionario militare della Cina ha lanciato un velato rimprovero agli Usa, impegnandosi a cercare di rinnovare gli scambi militari con Washington. Scrive il Financial Times.

Le osservazioni di Zhang Youxia, vicepresidente della Commissione militare centrale, il massimo organo militare cinese, in occasione del forum sulla sicurezza di Xiangshan il 30 ottobre, hanno evidenziato le sfide che le potenze globali devono affrontare per riavviare il dialogo in mezzo alle crescenti tensioni.

“Approfondiremo la cooperazione strategica e il coordinamento con la Russia e siamo disposti a sviluppare le relazioni militari con gli Stati Uniti sulla base del rispetto reciproco, della coesistenza pacifica e della cooperazione win-win”, ha dichiarato Zhang.

Ma Zhang, che è secondo solo al leader cinese Xi Jinping nel comando dell’Esercito Popolare di Liberazione della Cina, ha anche accusato “alcuni Paesi” di “continuare a creare problemi nel mondo”, critica che è stata ampiamente vista come rivolta agli Usa. Ha detto che questi Paesi “creano deliberatamente disordini, interferiscono nelle questioni regionali, interferiscono negli affari interni di altri Paesi e istigano rivoluzioni colorate”.

L’elenco di lamentele di Zhang, che riprende la retorica usata da Xi in passato, ha fatto seguito ai colloqui del ministro degli Esteri cinese Wang Yi con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden, il segretario di Stato Antony Blinken e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan a Washington venerdì. Wang e i funzionari statunitensi hanno discusso di un possibile incontro tra Xi e Biden a margine del vertice della Cooperazione economica Asia-Pacifico che si terrà l’11 novembre a San Francisco.

Zhang ha anche affrontato le tensioni su Taiwan, una delle questioni più delicate nelle relazioni tra Usa e Cina. Pechino rivendica il Paese come parte del suo territorio e ha minacciato di attaccare se Taipei rifiuta l’unificazione a tempo indeterminato o se una forza esterna interviene per consolidare la separazione dell’isola dalla Cina. “Non importa chi cercherà di dividere Taiwan dalla Cina, l’esercito cinese non lo permetterà in nessun caso”, ha detto il generale. “Non mostreremo assolutamente alcuna pietà”.

Pechino ha invitato il segretario alla Difesa statunitense Lloyd Austin a partecipare al Forum di Xiangshan, che si tiene di persona per la prima volta dal 2019, in una mossa che gli osservatori hanno interpretato come un segnale di ripresa della comunicazione tra le forze armate dei due Paesi.

La Cina aveva interrotto il dialogo militare dopo la visita a Taiwan dell’allora presidente della Camera Nancy Pelosi lo scorso agosto. Washington ha inviato Cynthia Xanthi Carras, direttore per la Cina dell’ufficio del sottosegretario alla Difesa, al Forum di Xiangshan al posto di Austin.

Pechino ha rifiutato un incontro tra l’allora ministro della Difesa Li Shangfu, soggetto a sanzioni statunitensi, e Austin al forum sulla sicurezza Shangri-La Dialogue, tenutosi a Singapore a giugno.

Li è stato poi rimosso come ministro della Difesa e membro del gabinetto. Il suo successore, che supervisiona la diplomazia militare e che normalmente guiderebbe il Forum Xiangshan, non è stato nominato.

La Cina ha sfruttato la conferenza per rafforzare le sue ambizioni di un ruolo più potente nella comunità globale. Zhang e altri alti funzionari militari cinesi hanno promosso le iniziative lanciate da Xi, come l’Iniziativa per la sicurezza globale, che mira a dipingere la Cina come una potenza benevola in contrasto con gli Stati Uniti.

 

(Estratto dalla rassegna stampa a cura di Epr Comunicazione) 

Back To Top