skip to Main Content

Cosa si dice negli Stati Uniti delle elezioni di midterm

Elezioni Midterm

Sebbene sembri abbastanza certo che i repubblicani avranno un buon risultato alle prossime elezioni di midterm, resta in dubbio se avranno il grande risultato preannunciato – e sul Senato non è ancora detta l’ultima parola. L’approfondimento del Wall Street Journal

 

I repubblicani stanno guadagnando slancio nella loro battaglia per la conquista della Camera, mentre un panorama politico disomogeneo negli ultimi giorni prima delle elezioni di midterm sta creando incertezza sull’entità dei guadagni del partito e sulle prospettive del Grand Old Party (GOP) di ottenere il controllo del Senato. Scrive il Wall Street Journal.

I repubblicani sono stati a lungo favoriti per la conquista della maggioranza alla Camera, dato che il partito fuori dal potere storicamente guadagna seggi a metà del primo mandato di un nuovo presidente e che l’indice di gradimento del presidente Joe Biden è rimasto sotto il 45% per più di un anno tra le persistenti preoccupazioni per l’economia. La settimana scorsa, il rapporto politico apartitico Cook ha aumentato il numero di seggi che i repubblicani dovrebbero guadagnare nel prossimo Congresso, portandolo da 12 a 25, rispetto alla precedente stima di 10-20 seggi.

Dave Wasserman, analista di Cook, ha dichiarato che i candidati democratici alla Camera sono in serio pericolo in Stati blu come l’Oregon, New York, la California, il Connecticut e persino il Rhode Island, dove i repubblicani hanno efficacemente incanalato l’insoddisfazione degli elettori per la gestione della criminalità e dell’inflazione da parte dei democratici.

Wasserman ha detto che i prezzi elevati della benzina, alcuni rapporti economici negativi e la scomparsa dell’ex presidente Donald Trump dalle prime pagine dei giornali hanno aiutato i repubblicani a ottenere un risultato migliore quest’autunno. Ha detto che gli elettori che decidono tardi potrebbero scegliere i repubblicani per questioni di portafoglio.

“Stanno facendo una valutazione piuttosto semplicistica: ‘Mi sento sicuro nella mia comunità e le cose costano troppo’”, ha detto Wasserman. “Ed è per questo che penso che i repubblicani abbiano un margine di vantaggio nei giorni che restano”.

Allo stesso tempo, i Democratici stanno resistendo bene nei distretti della Camera in Stati rossi e viola come il Michigan, il New Hampshire, il Kansas e la Pennsylvania, dove ci sono stati scontri sulle leggi sull’aborto in seguito al rovesciamento della Roe v. Wade da parte della Corte Suprema a giugno, ha detto Wasserman.

Il Congressional Leadership Fund del GOP, il super Political Action Committee (PAC) legato ai Repubblicani della Camera, ha versato 175 milioni di dollari nelle corse per la Camera – un totale che supera i circa 173,4 milioni di dollari in spese indipendenti sia dell’House Majority PAC dei Democratici che del Democratic Congressional Campaign Committee messi insieme, ha osservato il CLF.

“La nostra strategia è stata fin dall’inizio quella di far valere il nostro vantaggio finanziario per ampliare il più possibile la mappa”, ha dichiarato il presidente del CLF Dan Conston. “Questo ha costretto i Democratici a prendere decisioni difficili e ci ha dato la possibilità di vincere alcune scommesse a lungo termine in luoghi in cui Biden ha vinto anche a due cifre”.

I Democratici affermano di non essere disposti a rinunciare alla Camera.

Il portavoce del DCCC, Chris Taylor, ha sottolineato i recenti esempi di democratici che hanno sorpreso opinionisti e esperti di pronostici vincendo le elezioni speciali a New York e in Alaska, e sconfiggendo una proposta di emendamento costituzionale statale per limitare i diritti all’aborto in Kansas.

“Questo novembre, gli elettori rimanderanno i Democratici a Washington per proteggere le libertà delle donne, tenere al sicuro le loro famiglie e continuare a investire in un’economia che funzioni per tutti”, ha dichiarato.

Al Senato, negli ultimi giorni i repubblicani sono saliti nei sondaggi in diverse gare chiave. Ma Nathan Gonzales, redattore ed editore della pubblicazione apartitica Inside Elections, ha affermato che rimane una possibilità concreta che i repubblicani non vincano la Camera. Secondo Gonzales, i forti incumbent democratici e gli inciampi di alcuni candidati repubblicani non testati, appoggiati da Trump, hanno reso la lotta per il Senato più serrata del previsto.

“I repubblicani avranno un buon risultato, ma non sappiamo se avranno un grande risultato”, ha detto Gonzales.

Il Senato è attualmente diviso al 50-50, con la vicepresidente Kamala Harris che ha rotto gli equilibri, e i repubblicani difendono 21 seggi quest’anno, rispetto ai 14 dei democratici. Una dozzina di queste gare sono considerate competitive, comprese le lotte sorprendentemente dure per i seggi aperti in North Carolina e Ohio, entrambi Stati vinti da Trump nel 2020 e che si pensava sarebbero rimasti saldamente nella colonna repubblicana.

Tra le competizioni per il Senato più accese degli ultimi giorni figurano il Nevada e la Georgia, Stati vinti da Biden nel 2020 e rappresentati da rappresentanti democratici in carica, nonché la Pennsylvania, controllata dal Partito Repubblicano, dove un medico famoso appoggiato da Trump, Mehmet Oz, è in corsa contro il vice governatore democratico John Fetterman, che si sta riprendendo da un ictus subito a maggio.

Se i repubblicani vincessero due di questi tre concorsi e nessun altro seggio si spostasse, prenderebbero il controllo del Senato.

“Questo è il nostro anno”, ha dichiarato domenica alla CNN il senatore della Florida Rick Scott, capo del braccio elettorale dei Repubblicani per il Senato. “I Democratici non possono fare affidamento su nulla di ciò che hanno fatto. Alla gente non piace nulla di ciò che hanno fatto”.

Il senatore Chris Coons ha detto a Fox News Sunday che i Democratici si stanno candidando sulla base dei loro risultati, indicando la legislazione bipartisan per la spesa in infrastrutture e semiconduttori e le leggi approvate dai Democratici volte a ridurre i prezzi dei farmaci e a fornire aiuti ai governi locali. “Abbiamo realizzazioni concrete da indicare”, ha detto.

In Pennsylvania, Fetterman ha un vantaggio di un punto percentuale, secondo la media dei sondaggi di FiveThirtyEight. Alcuni democratici temono ulteriori ripercussioni dalla performance di Fetterman nel dibattito di martedì, che ha messo in luce le difficoltà di comunicazione dovute all’ictus che gli rende più difficile elaborare il linguaggio e articolare le parole.

A dimostrazione dell’importanza della Pennsylvania per i repubblicani in vista delle elezioni di metà mandato, le organizzazioni allineate con il Senate Leadership Fund, un super PAC gestito da alleati del leader della minoranza del Senato Mitch McConnell, hanno recentemente investito altri 6 milioni di dollari per sostenere Oz in questa regione, dopo aver ridotto le spese in New Hampshire, dove il repubblicano Don Bolduc spera di spodestare la senatrice democratica Maggie Hassan.

Il presidente di SLF, Steven Law, ha dichiarato che Oz è in crescita e che l’investimento è necessario per contrastare le spese dei Democratici a favore di Fetterman.

“Questa è una corsa da vincere assolutamente, in cui dobbiamo consolidare la nostra potenza di fuoco per garantire che Oz superi la vetta”, ha dichiarato Law. “Crediamo che se vinciamo la Pennsylvania, vinciamo la maggioranza”.

David Bergstein, portavoce del Comitato per la campagna senatoriale democratica, ha detto che il momento più importante del dibattito è stata l’affermazione di Oz secondo cui i politici locali dovrebbero essere responsabili delle decisioni sanitarie delle donne – un momento che è già stato integrato nelle pubblicità contro Oz.

Il leader della maggioranza del Senato Chuck Schumer è stato ripreso al microfono giovedì per rassicurare Biden che “il dibattito non ci ha danneggiato troppo in Pennsylvania” e che i Democratici stanno “riprendendo vigore in Nevada”, dove la senatrice democratica Catherine Cortez Masto sta cercando di contrastare l’ex procuratore generale Adam Laxalt.

Ma Schumer ha anche detto che i democratici stanno “scendendo” in Georgia, affermando che “è difficile credere” che gli elettori preferiranno Herschel Walker, un’ex star del football con l’appoggio di Trump, al senatore democratico Raphael Warnock, un pastore.

Sia il Nevada che la Georgia sono sostanzialmente in parità, secondo le medie dei sondaggi di FiveThirtyEight.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top
 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore