Mondo

Cosa farà il lord protettore dell’Italia (ossia Mario Draghi)

di

lockdown 2020 vaccini Natale modello organizzativo Conte

Gli obiettivi di Mario Draghi premier analizzati da Riccardo Ruggeri

Una premessa: sono uno dei pochi che non conosce Mario Draghi, non ho alcuna informazione di prima mano su di lui, nulla so di come si comporterà da premier. L’occasione per conoscerlo la persi quando un amico (potente) mi contattò, a nome suo, per fissare un appuntamento: voleva offrirmi la carica di Ceo di un’importante azienda di Stato (allora era direttore generale del Tesoro, quindi l’Azionista). Pregai l’amico di scusarmi, ma incontrarlo per prendere un caffè, e poi dirgli di no, mi pareva inelegante. Avevo deciso che mai più avrei fatto il Ceo.

Un ringraziamento va al “bombarolo” Matteo Renzi che ci ha liberato del peggior governo e del peggior premier di ogni tempo. Così come a Mario Draghi e a Sergio Mattarella. Il Presidente ha inchiodato questo Parlamento, forse il più culturalmente e umanamente scadente, a un dilemma secco: o appoggiare il governo Draghi di salute pubblica o tutti a casa. Mattarella e Draghi rappresentano il meglio che passa oggi  il Ceo capitalism dominante. I 950 parlamentari, in preda al terrore di perdere la sedia, si sono buttati tutti giù per terra, in primis i 5S, il partito più imbarazzante nella storia parlamentare .

La Lega, grazie a Giancarlo Giorgetti, ha finalmente capito che i governi, al tempo del Ceo capitalism, sono tutti di destra, seppur mascherati da sinistra salottiera politicamente corretta. Era incomprensibile come un partito di destra non partecipasse a un governo di destra come questo. Incomprensibile pure che all’opposizione ci vada l’altro partito di destra, FdI, mentre non ci vada LeU, ultimo rappresentante di una sinistra un tempo nobile.

Quando capiranno che vincere le elezioni non basta. Se le vincono i non certificati scatta la legge del Dio Spread. Quindi, meglio inchinarsi in anticipo che farsi uccellare dopo. Occhio, siamo in un regime, all’apparenza mite, mascherato in PPF2, ma non fesso. E in un regime scatta la difesa primum vivere, deinde philosophare.

Tre i macro obiettivi assegnati: 1. Vincere la pandemia; 2. Completare la vaccinazione; 3. Impostare il Recovery e iniziare a risanare l’economia. La modalità per raggiungerli? Draghi ha speso una settimana ad ascoltare tutte le delegazioni, anche le più ridicole, seguendo la nota strategia del silenzio a fronte dello sfogatoio, affinché prendessero atto che l’epoca delle chiacchiere e delle seghe mentali era finito. Quindi ha stilato un programma e ha formato un governo di salute pubblica. Come? In due mosse. Per i ministeri strategici, specie quelli interessati dai tre obiettivi, hanno deciso lui e il Presidente con personalità esterne di loro fiducia. Per tutti gli altri hanno scelto, sempre loro, politici presentabili di area, che però eseguissero gli ordini.

I partiti sanno che fra un anno Draghi potrebbe andarsene, e allora lo ritroveranno al Quirinale, proprio grazie ai loro voti. In quel momento, diventato Presidente della Repubblica, deciderà se sciogliere o meno le Camere.

Oppure, qualora nel frattempo si fosse innamorato del nuovo lavoro, potrebbe decidere di rifiutare il Quirinale, e diventare il nuovo De Gasperi, rimanendo fino a fine legislatura e anche oltre, almeno fino alla conclusione del Recovery (2026). E senza dover farsi eleggere in Parlamento o (orrore) farsi un partito alla Mario Monti.

Perché dovete sapere che nel Ceo capitalism doc esiste il ruolo di Lord Protettore, assegnato direttamente dal Dio Spread. Questi ti protegge, giorno per giorno, durante tutto il tuo mandato. Come è stato in Germania (spread zero fisso) per Angela Merkel. Lui ha tutte le skill per esserlo a pieno titolo. Che Dio, quello vero, ci protegga.

Zafferano.news

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati